6 dicembre 2021

Il sei dicembre 2021 entra in vigore il super greenpass, si tratta di un’autentica rivoluzione reazionaria, in quanto  i diritti sono concessi nello stile della costituzione ottriata e flessibile. Con un colpo di spugna il governo ha eliminato i diritti costituzionali conquistati dal popolo con la resistenza per inaugurare una nuova fase regressiva della democrazia. Dal sei dicembre vige un nuovo stato di diritto, in cui i cittadini non sono eguali davanti alla legge, ma si conquistano i diritti con l’obbedienza: diritti a punti o se si vuole a livelli. Vi sono tre livelli di cittadinanza: i senza grennpass, coloro che hanno il greenpass minimo e i supercittadini con il super grenpass. Cittadinanza a fasce di livello che mette in atto una discriminazione legalizzata. Il diritto allo studio è in realtà sospeso, gli studenti per poter arrivare nelle scuole devono dotarsi di greenpass.  Se uno Stato impedisce l’istruzione introduce una discriminazione inaudita: si neutralizza la formazione personale, si sottrae la possibilità di educarsi, si insegna che non tutti possono nei fatti entrare in classe. Gli studenti imparano che i diritti sono concessioni temporanee e che la formazione può essere espletata solo con l’obbedienza. Non poco tempo addietro il ministro dell’istruzione introduceva lo slogan  “scuola affettuosa”. Una scuola che impedisce l’istruzione e ricatta le famiglie con il greenpass non è affettuosa, ma discrimina e insegna la discriminazione. L’inclusione parola che ossessiva si ripete nelle scuole di ogni ordine e grado mostra la sua tragica verità: non vi è inclusione, ma discriminazione, e se vuoi essere incluso devi obbedire e fingere che lo fai liberamente, magari con un post in cui ci si vaccina senza sapere con precisione cosa ti stanno inoculando. Parlare e discutere agli alunni dell’uguaglianza, battersi il petto dinanzi a ogni forma di violenza e poi impedire ad una parte della popolazione scolastica di viaggiare con treni e autobus è una contraddizione palese, ma taciuta. In TV si continua a ripetere e a numerare il numero dei greepass scaricati, ma se anche dietro uno dei greenpass vi è una sola persona costretta dalle circostanze a farsi inoculare ciò che non vorrebbe, non si può parlare di stato di diritto, ma di violenza conclamata e velata da slogan ed esemplificazione. Ciò che è più grave è  l’incultura della discriminazione che entra nel lessico quotidiano. Il nuovo lessico quotidiano è infarcito di violenza, e questa volta le parole coincidono tragicamente con i fatti. Non solo alunni, ma anche docente e lavoratori non potranno usare mezzi pubblici, se non accettano gli ordini stabiliti per decreto esautorando il parlamento. In una democrazia si discute, d’ora in avanti si obbedisce. Se si guarda lo stato presente con sguardo olistico, non si può che avere la tetra immagine della fine della democrazia e l’inizio di una transizione verso una forte limitazione della stessa. Il senatore Monti lo ha dichiarato apertis verbis, in Italia vi è troppa democrazia ed informazione, la democrazia va dosata alle circostanze. Il senatore che ha tagliato i servizi sociali e le pensioni, se ha potuto dichiarare che la democrazia dev’essere adattabile come i fondi di investimento, per cui i diritti sono concessi sul “merito”, lo ha fatto, perché sa che una parte della popolazione è stata rieducata a giudicare la democrazia come un limite. Tali dichiarazioni sono possibili, perché è passata la logica della discriminazione dalla quale non sarà facile tornare indietro. Si sta sperimentando una democrazia limitata e a tempo. Coloro che gongolano per il supergreepass sappiano che nessun diritto è per sempre e che potrebbero ritrovarsi tra i dannati all’improvviso. L’Europa complice tace  e applaude all’esperimento italiano. L’Europa dimostra la verità del capitalismo nella sua fase assoluta, il capitale è per suo fondamento discriminatorio ed ha in odio l’uguaglianza. Decenni di tagli ai diritti hanno inoculato l’attuale normalità della discriminazione che non ha nessun fine sanitario, ma è l’inizio di una nuova ideologia da capire e arrestare. Il sei dicembre non è l’inizio della libertà come i manipolatori vogliono lasciare intendere, ma l’introduzione di un apartheid accettato senza nulla controbattere da partiti e sindacati e di questo bisogna prendere atto. In ultimo è bene rileggere l’articolo tre della Costituzione per comprendere l’abisso in cui siamo:

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Super Green Pass, ecco cosa si può fare e cosa no. Le Faq del Governo |  L'HuffPost

Fonte foto: Huffington Post (da Google)

3 commenti per “6 dicembre 2021

  1. Enza
    7 dicembre 2021 at 16:14

    Quanta tristezza! Solo questo mi viene da dire…
    Poco fa ho letto che ad una signora di 90 anni, la polizia ha impedito di salire su un autobus perché priva di green pass. Non ho più parole.
    Si vergognino tutti quelli che stanno accettando questo schifo in nome della Scienza Big Pharma. VERGOGNA.

  2. Giulio Bonali
    8 dicembre 2021 at 9:31

    <>.

    Evidentemente l’ autore dell’ articolo non si rende conto che il diritto allo studio é sospeso da ben prima del 6 Dicembre 2021, cioé da quando studiare, tanto più quanto si procede nell’ “ordine e grado” delle scuole, é diventato costoso, gravato di tasse per molti insostenibili (almeno all’ università) e da spese per libri e altro materiale didattico irraggiungibili per molte famiglie impoverite, per non parlare del degrado “vandalicamente programmato” della scuola pubblica che consente solo a pochi -sempre di meno!- di ottenere un’ istruzione adeguata.

    Il lasciapassare verde (per gli anglomani “green pass”) é certamente una misura inefficace ed iniqua, anche ingiustificatamente repressiva, ma queste sono critiche sacrosante da muovere ai concreti contenuti (reazionari, fascisteggianti e tecnicamente errati; ripeto: i suoi contenuti concreti); ma invece il principio generale astratto per il quale l’ interesse collettivo (per esempio alla salute e alla sopravvivenza di tutti nei limiti dell’ umanamente conseguibile) viene prima degli interessi individuali (-stici peggio ancora) e va tutelato anche a costo, se necessario, di sospendere in varia misura questi ultimi é un principio democraticissimo, assolutamente antifascista e progressivo: autenticamente “di sinistra”, della vera sinistra, non di quella sedicente tale dei “diritti umani” a geometria variabile).
    E non compiere questa fondamentale distinzione, identificando di fatto con la repressione reazionaria il principio estremamente progressivo della prevalenza degli interessi e dei diritti collettivi su quelli individuali (-stici peggio ancora) significa contribuire a far sprofondare la lotta per la civiltà ed il progresso nell’ hegeliana notte in cui tutte le vacche sembrano scure, con tutte le deleterie conseguenze pratiche del caso.

    E infatti il nemico del popolo “da trattamento alla Robespierre-Stalin” Mario Monti é stato capo del governo ed ha inferto i suoi pesantissimi colpi di maglio alla democrazia reale (e in generale allo stato sociale, “Welfare state” per gli anglomani) già qualche anno fa (ben prima del 6 Dicembre 2023, pretesa data d’ inizio dell’ attuale “controrivoluzione”!) e senza alcun bisogno di alcuna autentica, reale emergenza sanitaria (ovviamente tale non solo obiettivamente, per le caratteristiche biologiche del virus, ma anche e soprattutto per lo stato in cui, ben prima della comparsa del virus stesso e senza alcun bisogno del pretesto dello stesso, il potere delle classi dominanti ha ridotto la sanità pubblica).

    Prendere lucciole per lanterne non é mai un a buona cosa se s vuole efficacemente combattere un potere repressivo.

  3. Giulio Bonali
    8 dicembre 2021 at 9:37

    Accidenti! Si trova alle righe decima e undicesima dell’ articolo criticato, come facilmente constatabile.
    (E’ un bel “mistero della fede telematica” che le parole che sono ripetizioni di espressioni contenute nell’ aticolo che si critica , anche se non affatto copiate-incollate ma invece diligentemente riscritte come ho fatto io -!-, non possano comparire nei commeti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.