Avanti popolo alla riscossa, l’asterisco trionferà!

Colpo di caldo? No, io no, ma forse l’ha preso il segretario di rifondazione Maurizio Acerbo, il quale, nella sua pagina facebook, ci propone questa chicca:
“L’ASTERISCO è ANTIFASCISTA
Spesso pseudo-comunisti e rozzobruni polemizzano con noi della sinistra fucsia e petalosa perché usiamo l’asterisco. La pensa come loro la deputata fascista di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli che come loro e Fusaro prova orrore per questo “mondo arcobaleno”. E sì era meglio il mondo in cui le donne non avevano diritto di voto e in cui era sancita dalla vita familiare alla sfera sociale l’inferiorita’ giuridica della donna. Non mi stupisce questa nipotina di Mussolini. Mi intristiscono i comunisti da tastiera che brandiscono luoghi comuni di destra. Le donne sono la maggioranza del genere umano. Ed è stata proprio una partigiana, comunista e femminista, come Lidia Menapace a insegnarci che il linguaggio sessuato è un esercizio di lotta contro il sessismo che ereditiamo da qualche millennio di dominio patriarcale”. (Maurizio Acerbo).
Prosegue Mauro:
“Veramente non so se ridere o piangere, tanti credevano in una “trollata” per prendere in gira questa “sinistra fucsia” e invece no, è tutto vero.
Come ripeto da tempo, sono finiti i tempi in cui si parlava di lavoratori, di diritti sociali, di lotta di classe, per non parlare di adesso che abbiamo un lavoro sempre più precario e tante altre cose, però vuoi mettere la lotta dell’asterisco…
Il bello (o il brutto) della faccenda è che questi – che continuano a prendere bastonate elettorali ed hanno portato un personaggio che se ci fosse una SINISTRA seria prenderebbe il 3% o poco più (altro che il 34%) – continuano ad imperversare.
E infatti sono ancora lì, a difendere le donne, i gay e i migranti. Almeno li difendessero bene.
Le donne le mettono contro gli uomini;
I gay li mettono contro gli etero;
I migranti li mettono contro gli autoctoni;
Dicendo una cosa di destra cioè che donne, gay e migranti sono migliori di tutti gli altri.
In definitiva, un uomo che nella vita fa il metalmeccanico (parlo della mia categoria) è un privilegiato rispetto ad un gay ricco, e questa la chiamano sinistra
Ma non abbiate paura: asterisco la trionferà!”

P.S. Condividendo in toto questo articolo del mio amico e compagno Mauro Recher, mi permetto di aggiungere: naturalmente chi critica il femminismo e l’ideologia politicamente corretta viene immediatamente equiparato da questi/e decerebrati/e della “sinistra rosa-fucsia”, ad un rozzo reazionario che vorrebbe privare le donne del diritto di voto, contrario all’eguaglianza e alla parità di diritti fra uomini e donne (credo peraltro che gente di tal pasta non esista neanche più ad eccezione, forse, di qualche residuo fossile…). E questo conferma la malafede di personaggi squallidi come quel Maurizio Acerbo, che di comunista, a mio parere, non ha neanche l’odore. Se Acerbo è comunista – se mi è consentita la battuta – io sono un tifoso della a.s. roma…(Fabrizio Marchi)

index1381

4 commenti per “Avanti popolo alla riscossa, l’asterisco trionferà!

  1. Giulio larosa
    8 luglio 2019 at 13:45

    sono addolorato. conosco personalmente Acerbo, dai tempi della scuola, io ero un po’ piu’ grande di lui ma ne ammiravo le capacita’, la creativita’ e anche l’onesta’ Acerbo, infatti, non e’ come i vermi pdioti, come i traditori infami alla gennaro migliore o altri sporchi opportunisti. Eppure……. eppure si e’ letteralmente bevuto il cervello ed e’ quello che e’ successo a tutta la sinistra, tranne luminose eccezioni tra cui voi.
    Il perche’ di questa idiozia di massa e’ da studiare. Io che sono sempre stato un antistalinista, con sommo dolore oggi devo dire che sono piu’ lucidi i vecchi stalinisti alla rizzo e alla grimaldi che questi che all’epoca avevano giustamente cercato una seria alternativa allo stalinismo.

    • Fabrizio Marchi
      9 luglio 2019 at 7:19

      Sì, è vero, i più lucidi in ciò che resta della sinistra, da questo punto di vista, sono proprio gli stalinisti o quelli che hanno avuto quella formazione, e anche qualche vecchio socialista storico.
      Non è casuale, è dovuto al fatto che quella cultura è più impermeabile e in qualche modo anche più autentica. Capiscono la natura borghese (direbbero loro…) dell’ideologia politicamente corretta e del femminismo.
      A differenza di tutto il resto della sinistra, compresa, anzi soprattutto quella radicale e “antagonista” che ne è totalmente imbevuta. In questo senso dimostrando di essere sicuramente più dogmatica degli stalinisti, e totalmente incapace di leggere dialetticamente e con occhi lucidi la realtà.
      Questi ancora credono che il sistema capitalista sia il prete, il fascista e il padre-padrone, che tutt’al più sono residuati, esistono ancora, certo, ma hanno perso ogni centralità, non hanno più una funzione strategica e infatti anche la nuova destra, anche quella più reazionaria, si manifesta in altre forme (basti pensare alle formazioni di estrema destra centro e nord europee che sono un mix di razzismo e femminismo radicale, soprattutto lgbt). Sono fermi, totalmente incapaci di leggere la realtà, il divenire delle cose. E secondo me sono anche in buona fede, e questo rende ancora più grave il tutto.
      Gli mostri, per fare un esempio eclatante, la flotta aerea britannica (non so se è chiaro…) che sfreccia al Gay Pride di Londra con i colori arcobaleno e questi non si rendono neanche conto del significato della cosa. Una persona dotata di un minimo di autonomia critica qualche domanda se la porrebbe. Questi niente, nulla di nulla, continuano imperterriti con le loro solfe, completamente inebetiti. Non c’è niente da fare, sono senza speranza. Anzi, considerano quelli come noi come della gente che ha perso il senno, che ragiona come dei reazionari di destra ecc.

  2. armando
    9 luglio 2019 at 16:30

    Poiché in gioventù sono stato stalinista, si vede che qualcosa mi é rimasta attaccata, diciamo così. Quanto ad Acerbo che dire se non che é rimasto sé stesso, vale a dire proprio acerbo. non é neanche questione di onestà intellettuale
    È che le loro menti e le loro anime sono state cplonizzate e non ce la fanno proprio a capire. insomma come quel giapponese che dopo trentanni dalla fine della guerra, rifugiatosi inuna isoletta sperduta, credeva ancora che gli amerkcani fossero i nemici del suo imperatore. E di acerbi ce sono tanti e tante. incorreggibili. e non credo che ci sia evento in grado di far loro cambiare idea.

  3. armando
    9 luglio 2019 at 16:38

    l’asterisco é antifassista! e il punto e virgola? e la lineetta? il punto esclamativo é sicuramente fsdcista e reazionario: troppo tranchant. Qiello interrogativo ? / questo sicuramente fascists xché adpmbra il saluto romano.@ comunista di sicuro xché sembra un pugno chiuso. Il compiamto giorgio Gaber non avrebbe saputo far meglio di Acerbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.