Cattivi maestri

Roberto Cingolani ministro della Repubblica per la transizione energetica  al Tg2 Post  ha dichiarato:

“Il problema è capire se continuiamo a fare tre, quattro volte le guerre puniche nel corso di dodici anni di scuola o se casomai le facciamo una volta sola ma cominciamo a impartire un tipo di formazione un po’ più avanzata, più moderna a cominciare dalle lingue, dal digitale. Serve formare i giovani per le professioni del futuro, quelle di digital manager per la salute, per l’energia per esempio. Lavori che nemmeno esistono oggi. Cosa hanno studiato a scuola i miei figli? Le guerre puniche, come me che ho 56 anni ma che appartengo alla generazione carta e penna”.

Eliminare la storia, disciplina giudicata inutile dal sign. Cingolani, significa cancellare la condizione umana degli uomini e delle donne che ci hanno preceduto e che continuano a vivere con noi in un legame invisibile. Senza storia personale l’essere umano è poca cosa, è un corpo sotto i riflettori del dominio, senza pelle, e dunque senza difesa. Un popolo senza storia e memoria non solo banalmente può facilmente ripetere gli errori e gli orrori del passato, ma specialmente è colonizzabile. Senza storia pensata non si hanno paradigmi per capire il presente ed i suoi pericoli. Senza storia l’essere umano è senza identità patria e dunque, è esposto ad ogni genere di manipolazione. Nella visione tecnocratica di Cingolani l’essere umano è senza volto e vita interiore: un automa consegnato al servizio del mercato e del capitalismo globale. Non è ignoranza, ma una visione del mondo che si traduce in una concezione della scuola come laboratorio al servizio del mercato, in cui il servizio pubblico diviene il vassallo del padrone-mercato. La dichiarazione è organica all’azione politica in atto, si vuole modernizzare la scuola privatizzandola nella gestione ed eliminando il pensiero astratto. Il ministro dell’istruzione vorrebbe eliminare lo scritto di italiano dalla maturità e favorire le iscrizioni agli istituti tecnici, e ai corsi post-diploma. Sono iniziative che hanno l’intento di abbattere il sapere critico e creativo per sostituirlo con discipline utili al potere.  Il messaggio  che Cingolano ha lanciato è un invito a non studiare storia, ma di dedicarsi alle discipline utili. I buoni politici, come i buoni padri, dovrebbero donare messaggi positivi e non certo favorire la diserzione dallo studio, non secondario è il messaggio ai professori di storia dichiarati pubblicamente inutili, ed è il caso di dire “superati dalla storia”, questa è la percezione che si può trarre. Le pubbliche parole di un ministro hanno un valore che impatta sulle coscienze dei cittadini.

 

La barbarie alle porte

La visione antropologica del governo Draghi e dei suoi accoliti è chiara: bisogna ridimensionare ogni “azione interiore” per favorire un’umanità pronta al transumanesimo e  negare la sua natura comunitaria e razionale. C’è da chiedersi: Cosa resta di un essere umano se è privato della storia? Probabilmente nulla, solo nuda viva che lavora per il PIL. Il regno delle passioni tristi si sta delineando con parole che solleticano l’utile e il lavoro, ma entrambe, sappiamo, sono in estinzione grazie alle tecnologie che non compensano la perdita delle professioni con le nuove. Chi conosce la storia sa bene che il problema della disoccupazione è legato, anche, alle tecnologie. L’affermazione secondo cui è inutile ripetere gli stessi contenuti e concetti  è chiaramente scientista e positivista: il tempo della vita non conosce eguali ripetizioni, ma è capace di riposizionare i contenuti su strutture di consapevolezza che possono evolversi o involversi. L’obiettivo dell’istituzione scolastica è favorire la conoscenza di sé e della realtà mediante l’esperienza culturale condivisa. In tal maniera il tempo presente è pensato e ciò non può che essere causa di partecipazione sociale e politica al proprio tempo, ma evidentemente i distruttori della tradizione scolastica e dell’umanesimo hanno altri obiettivi. Se guardassero con gli occhi della mente il presente, si renderebbero conto che i nostri figli necessitano di umanesimo e comunità, di sola tecnologia non solo muoiono nello spirito, ma spesso anche nei corpi: non vi è tecnologia che possa donare il senso dell’esistenza. Siamo dinanzi ad uno degli innumerevoli episodi che confermano la barbarie che avanza. In conclusione ricordiamoci le parole di Jan Patočka:

 

“La situazione dell’uomo è qualcosa che si modifica se ne prendiamo coscienza. La situazione ingenua e la situazione cosciente sono due situazioni diverse. Quindi, la nostra realtà – e la nostra realtà è sempre in una situazione, – subisce un’alterazione se viene riflessa.  Occorre naturalmente stabilire se la riflessione come tale implica eo  ipso un cambiamento in meglio. Questo non va da sé. Ma, in ogni  caso, la situazione riflessa, diversamente dalla situazione ingenua, è spiegata fino a un certo punto o, quantomeno, in via di spiegazione[1]”.

 

[1] Jan Patočka, Platone e l’Europa, introduzione 1. Situazione dell’uomo

Chi è Roberto Cingolani, il ministro alla Transizione ecologica del governo  Draghi - DIRE.it

Fonte foto: Agenzia Dire (da Google)

2 commenti per “Cattivi maestri

  1. Giulio Bonali
    30 novembre 2021 at 10:15

    Marx ed Engels nel manifesto del 1848 accennarono di sfuggita al possibile “esito di ogni lotta di classe” costituito, anziché dalla “canonica” realizzazione rivoluzionaria di “più avanzati rapporti di produzione”, dalla “rovina comune delle classi in lotta” (in caso di mancata o insufficiente maturazione delle condizioni soggettive della transizione -un’ adeguata coscienza da parte delle classi potenzialmente rivoluzionarie- altrettanto necessarie di quelle oggettive costituite dallo sviluppo delle forze produttive, come avrebbero chiarito in altri, successivi scritti).
    Oggi, data la potenza trasformatrice (sia in senso costruttivo che distruttivo) ormai raggiunta dall’ umanità, questo possibile esito negativo della lotta per il superamento degli attuali rapporti di produzione dominanti capitalistici oggettivamente inadeguati allo sviluppo per l’ appunto raggiunto dalle forze produttive (e/o distruttive) appare ancora più catastrofico, potendo essere costituito non solo da un’ epoca più o meno lunga ma prima o poi superabile di profonda barbarie, ma anche, e sempre più verosimilmente, dall’ irrimediabile “estinzione prematura e di sua propria mano dell’ umanità” (Sebastiano Tinpanaro).

    Bene. Anzi, malissimo!

    Questo atteggiamento ciecamente produttivistico, di un acritico fare per il fare limitato unicamente dal grado di sviluppo raggiunto dalle scienze e dalle tecniche, del tutto privo di cultura umanistica, e quindi non adeguatamente inquadrato in una visione ampia, complessiva, di lungo periodo delle scelte individuali e collettive da compiersi, é proprio quello che ci vuole per andare dritti e filati verso questa miserabile, catastrofica, ingloriosa fine come umanità.
    E’ su queste basi malsane e disastrose, su questa mancanza di senso critico e di cultura che inevitabilmente sorge lo pseudoambientalismo delle classi dominanti, bene riassumibile dalla barzelletta dell’ imprenditore o del gestore economico (per gli anglomani: manager) che si vanta: “col mio SUV ibrido o elettrico (più quello personale di mia moglie, quello della mia amante, e quelli di ciascuno dei miei due figli) do un benemerito contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici; non come quei miserabili, pericolosi nemici dell’ umanità che usano ancora un’ utilitaria a gasolio (unica per tutta la famiglia)!”

  2. Alessandro
    30 novembre 2021 at 10:37

    Niente di nuovo sotto il cielo della politica, direbbe qualcuno. Ci ricordiamo tutti perfettamente delle tre I, giusto per citarne un’altra. I danni che questa classe dirigente ha provocato al Paese negli ultimi 25-30 anni sono enormi, a partire da quelli inferti all’istituzione scolastica. Riconsegnarsi poi ai tecnici, dopo l’esperienza oscena dei Monti-Fornero-Profumo, chiude il cerchio. Sappiamo tutti che la politica si è ridotta quasi in toto a scendiletto del grande capitale transnazionale, non solo in Italia, ma sembra che oramai al peggio non ci sia mai fine. Se non si riuscirà a chiudere quanto prima la pagina ormai trentennale del pensiero unico neoliberista con la sua ancella femminista e aprirne un’altra alternativa, che sappia guardare al presente e al futuro ponendo al centro il benessere collettivo, senza dimenticarsi dei diritti del singolo, si precipiterà sempre più nel degrado, anche se abbellito dalle luminarie della tecnologia e dall’informazione venduta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.