Due pesi e due misure

Ieri ad Arezzo, una donna ha ucciso il marito a colpi di mattarello.

La notizia è stata pubblicata da Repubblica sulla cronaca di Arezzo. Sette righe (7) senza nessun commento.

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2017/09/26/news/arezzo_dopo_una_lite_uccide_il_marito_con_il_mattarello-176500983/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P7-S1.6-T1

Stessa cosa per tutti gli altri quotidiani, compreso “Il Corriere di Arezzo” e “Il Tirreno”.

Vi invito a riflettere su quale sarebbe stata la reazione dei media a parti invertite, cioè se un uomo avesse ammazzato la moglie a bastonate.

Non ho niente altro da aggiungere. A buon intenditor…

Arezzo, dopo una lite uccide il marito con il mattarello

Fonte foto: Repubblicca.it (da Google)

4 commenti per “Due pesi e due misure

  1. ARMANDO
    26 settembre 2017 at 13:49

    Lui era malato di ictus, evidentemente insopportabile e fastidioso da curare. Lei ha tentato, solo tentato come quasi sempre le donne, il suicidio. Facciamo una scommessa. Uscirà che lui la opprimeva, che lei, momentaneamente, non aveva capacità di intendere e di volere, quasi insomma un eccesso di legittima difesa, e se la caverà con poco o nulla.
    Normale!!! E che pretendi? Che la vita debba avere lo stesso valore per tutti, uomini e donne? Sei un incorreggibile sovversivo maschilista sessista oscurantista.Facebook fa bene a sospenderti!!!
    La legge Fiano mette al bando qualsiasi cosa ricordi anche lontanamente che l’Italia per ventanni è stata fascista. Fra poco faranno una legge che metta al bando qualsiasi frase, espressione, immagine, pensiero, parola, che a insindacabile giudizio di apposita commissione risulti maschilista e /o sessista, che poi sono la stessa cosa perchè un sessismo al femminile è semplicemente inconcepibile.

    • Lorenzo
      26 settembre 2017 at 15:50

      Mi sa, e lo dico a malincuore, che che questa sia la nostra realtà presente e futura

  2. dante
    26 settembre 2017 at 15:24

    e poi vogliono la parità tra i sessi,visto che succede a dare il martello in mano alla donna ? 😉

  3. Sasha
    26 settembre 2017 at 20:24

    La maggior parte degli italiani si forma una propria opinione in base alla risonanza mediatica che viene data a una notizia. Dare risalto a quella notizia, ma anche a tante altre in cui la vittima è un uomo, e non necessariamente un morto ammazzato, significa instillare il dubbio in chi guarda o in chi legge.
    La lobby femminista transnazionale-occidentale ritiene che invece si debbono fornire solo “certezze”. Come ogni gruppo di pressione tira l’acqua al proprio mulino, vende sempre il proprio prodotto senza mostrarne le smagliature. E dal momento che da una decina d’anni, il corpo delle donne ricorda qualcosa?,appartenenti alla suddetta lobby hanno un peso rilevante nel giornalismo di casa nostra, soprattutto quando si tratta di occuparsi di questioni latamente di genere, tutto torna.
    P.s.: spesso si fanno i salti mortali per ricostruire non solo quale complotto, poi quando il “complotto” ce l’hai sotto gli occhi, basta semplicemente navigare in quei siti e constatare il loro programma,le loro ramificazioni nelle istituzioni e il loro collegamento per rendersene conto, non se ne accorge nessuno o quasi.

Rispondi a ARMANDO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.