Giammai clorochina, eparine, sierologia, antinfiammatori

Sebbene siano evidenti i risultati positivi realizzati con farmaci e con pratiche terapeutiche di antico conio grazie a ricercatori di statura internazionale quali, ad esempio, Didier Raoult, Giulio Tarro, Maria Rita Gismondo, Giuseppe De Donno, Ayyadurai Shiva…ma anche grazie ai tanti medici meno titolati ma dotati di acume e di dedizione nei confronti dei pazienti ( per non parlare dei Cubani e dei Cinesi), continua, nonostante l’evidenza dei fatti, l’ostracismo e l’opposizione degli affiliati a Big Pharma, dei menestrelli dei media, l’incertezza, l’indifferenza, la passività di molti governi dell’Occidente.

Clamorosa l’opposizione di Macron nei confronti di Didier Raoult, mentre negli States governano i diktat di Anthony Fauci ed in Italia perseverano le diffamazioni contro Tarro, Gismondo, De Donno…contro il quale ci si ostina a dire che di plasma non può che essercene una modesta quantità quando va rilevato che i guariti in Itala sono ormai molte decine di migliaia che, io penso, con adeguati appelli governativi e mediatici, accorrerebbero in gran parte in soccorso delle persone che hanno patito la loro stessa malattia…inoltre va rilevato che gli anticorpi possono essere clonati e quindi moltiplicati…

Perché tanto accanimento da parte delle aristocrazie politiche e mediche? Andreotti ci insegnò che pensare male è peccato ma spesso ci si azzecca. Evidente che dietro le quinte del palcoscenico terapeutico si svolgono altre battaglie con interessi scarsamente qualificanti ,per non dire mefitici.
Innanzitutto le terapie indicate dai “ciarlatani” sono a basso costo e, dato che sappiamo ,per inciso, che i lauti profitti di Big Pharma, pare, siano in lieve declino, urge una risalita che può essere soddisfatta (nel migliore dei casi) con farmaci più costosi e soprattutto con il Grande Risolutore, l’Ammazzavirus per antonomasia, cioè sua maestà il Vaccino…soprattutto se è quello del secondo (pare) uomo più ricco del pianeta, Billy Gates, in prospettiva aspirante alla Presidenza degli States.

Un vaccino digitale che avrebbe il vantaggio, con uno schema a barre, di “denudare”, con aggiustamenti successivi dall’alto, il nostro DNA…in modo da… poco importa che sia un vaccino inutile, data l’estrema variabilità del virus. Billy questo lo sa ma lascia che altri, babbei o malfattori, ci credano, o per lo meno facciano finta di crederci e di diventare megafono del Grande Progetto…

Ma, seguendo le orme di Giulio Andreotti, mi viene da dire che ostacolare terapie efficaci e a basso costo ed indicare nel vaccino l’unico rimedio per la nostra incolumità ha la duplice funzione di determinare una sopravalutazione dei rischi da Covid, sindrome influenzale grave quanto tutte le sindromi influenzali e di creare panico e conseguenti inutili restrizioni delle libertà costituzionali, giustificate dunque dalla estrema pericolosità del “morbo”

Il disastro sociale ed economico cui il Bel Paese va incontro verrebbe addebitato alla “peste” che ha colpito il pianeta e non alle insufficienze di un governo imbelle, alla gabbia coloniale germanica della cosiddetta Unione Europea, alla incartapecorita teoria neoliberista che, come unica dote, ha quella sì di devastare la vita del pianeta e degli esseri viventi che la abitano, ma anche quella di poter dare sollazzo e sfarzo al gruppetto egemone che sarà costretto nel prossimo futuro a vivere ben protetto nei suoi bunker per proteggersi dalla rabbia, dal furore degli esclusi.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute

2 commenti per “Giammai clorochina, eparine, sierologia, antinfiammatori

  1. Maurizio
    8 maggio 2020 at 17:07

    Citare Andreotti reo di tutte le trame oscure della 1a Repubblica (quando hanno mai cambiata la Costituzione del 1948) in un sito comunista…un segno dei tempi

    • Fabrizio Marchi
      8 maggio 2020 at 20:43

      Maurizio, è solo un modo di dire, su, non esageriamo, anche molto conosciuto e azzeccato, al di là di chi lo ha coniato…non ci attacchiamo alle virgole…

Rispondi a Maurizio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.