La strage di Parigi e l’era della disumanizzazione di massa

Sebbene sconvolti dobbiamo cercare di fare nostro il motto spinoziano, “non piangere né ridere ma comprendere”. Dobbiamo, anche se non è facile, analizzare ciò che è successo e focalizzare la nostra attenzione su ciò che ci può aiutare a capire come sia stata possibile una mattanza di questo genere.
Il primo elemento, a mio avviso, è che non abbiamo a che fare con il terrorismo “classico”, diciamo cosi novecentesco, che aveva – passatemi il termine- una base e un fondamento “umanistico”; aveva come obiettivo gli uomini-simbolo del “male” del sistema e perseguiva un nuovo (malato, deformato, deviato) orizzonte umano da edificare a qualunque costo, anche sacrificando vite umane. La morte era sì contemplata ma come elemento accidentale, insito, in questo tipo di lotta estrema e disperata (anche perché, dal loro punto di vista, il sistema non permetteva altra lotta se non quella).
Qui, viceversa, siamo di fronte ad un salto di qualità impressionante, che racconta della deriva “mortifera” che attanaglia – direbbe Freud – la nostra civiltà; una pulsione di morte, di un sacrificio salvifico e ambito da portare al cuore del nemico. Morire non è più un accidente, un effetto collaterale della lotta ma diviene l’elemento centrale, se non determinante, del nuovo, inedito, attacco in corso.
Ciò detto, è spiazzante, se non inutile, sperare di dialogare con queste forze né tentare di rieducare chi non ha altra ambizione se non quella di immolarsi per la causa, morire per “rinascere” a nuova vita, in un paradiso ideale in cui esistere finalmente, riscatto – forse – di una vita trascorsa nell’anonimato e nello sfruttamento, nella frustrazione di non essere riusciti a costruirsi un’esistenza degna di questo nome, un “successo” agognato e pubblicizzato da una società sempre più selettiva ed ingiusta, che centralizza la ricchezza nelle mani di pochi relegando la stragrande maggioranza della popolazione mondiale nella miseria e nell’attesa – vana – di una vita migliore.
Questo è forse l’elemento più spiazzante; avere cioè a che fare con uomini e donne che non solo non hanno paura della morte (come invece il mondo occidentale ha) ma la bramano, la invocano, la cercano, per dimostrare di essere più forti, imbattibili; non si può vincere, da nessun punto di vista, con chi vuole morire; non c’è educazione, né politica né azione individuale e collettiva che può fare breccia in cuori e anime votate alla morte come alla più alta e massima delle proprie realizzazioni. Il non essere vince e domina l’essere; il thanatos l’eros, questo è il tratto saliente, insuperabile, dei nostri tempi. Il fascismo che evocava la “sorella morte”, che gridava “me ne frego”, vinse anche così.
Forse è azzardato ma in qualche modo il terrorismo jihadista e il precariato di massa e le speculazioni finanziarie della globalizzazione neo-liberista sono due facce della stessa medaglia; riducono il soggetto a funzionalità, l’uomo a “vuoto” da riempire col nulla, pura azione mortifera, azzeramento affettivo, cosalità vendibile e comprabile sul mercato, deriva nichilistica, passività naturalistica nei confronti della complessità storica, accettazione della morte come salvazione, delirio edonistico del non essere sull’essere.
E’ impossibile qui entrare nel merito delle pesanti responsabilità storiche e politiche dell’Occidente in questa barbarie. Ci vorrebbero decine e decine di saggi e lo spazio non ce lo consente. Ma è evidente che non si possono alterare degli equilibri pluridecennali se non secolari, non si possono spodestare con le armi e le guerre “umanitarie” dittatori e autocrati, non si può assistere passivamente ad una guerra civile come quella siriana per anni (perché a nessuna delle potenze occidentale faceva comodo intervenire), non si possono armare forze “brutali” per combattere il nemico di turno per poi spaventarsi che queste stesse forze rivolgano le proprie armi contro i burattinai di ieri, che non portino il terrore laddove si è deciso di terre e popoli spartendosi il bottino e imponendo i propri “campioni” economici e finanziari. Le potenze che oggi evocano “la resistenza alla barbarie”, la superiorità dei valori nati dalla rivoluzione francese e che caratterizzano da duecento anni la nostra “libera” civiltà, sono rimaste inermi di fronte al massacro della guerra civile siriana e al caos irakeno e libico e altre ancora hanno finanziato e finanziano in chiave anti Assad e anti sciita, le milizie dell’ISIS.
Romano Prodi auspica una politica di concerto delle potenze internazionali per uscire dallo stallo; si illude. Ognuno farà la sua politica e giocherà le sue carte sullo scacchiere medio orientale e siriano appoggiando l’una e l’altra frazione a seconda degli interessi immediati e dei profitti derivanti da un allargamento della propria sfera di influenza, mentre a parole predica la pace nel mondo e la fine della barbarie. Altri strumentalizzeranno, come sempre è stato fatto, il dramma complesso dell’immigrazione (prodotto si dalle guerre in corso e dalle crisi conseguenti ma soprattutto dai sommovimenti economici e sociali derivati dalla nuova fase della globalizzazione mondiale, dal declino delle vecchie potenze e dall’ascesa delle nuove, che spostano milioni di persone verso “le città” Occidentali in cerca di fortuna e di una vita migliore), per spostare a destra il baricentro politico nazionale e ridare fiato all’ideologia sovranista del “padroni a casa nostra”, polarizzando il conflitto dialettico in corso in un mero e asfittico “scontro di civiltà”.
Tutto questo però non basta: occorre avere il coraggio di andare oltre queste mere considerazioni di fatto. Questo barbaro attentato ci parla della sconfitta di un modello di vita, quello cosiddetto “occidentale”, del modello sociale europeo (quello che gli immigrati si illudono di raggiungere e vivere), della divisione dei poteri e della laicità nate dalle parole d’ordine della rivoluzione francese, libertà, fraternità, eguaglianza, mai come oggi, al di là di questi eventi imprevedibili e terrificanti, messe giorno per giorno, in discussione.
I grandi della terra parlano di “riscossa”, di rivendicazione dei nostri valori e della nostra civiltà: ma è proprio questa civiltà, queste parole d’ordine nate tre secoli fa ad essere entrate in crisi, ad essere quotidianamente disattese e vilipese, predicate solo a parole, scritte sui monumenti e sulle costituzioni ma mai veramente realizzate e rese “materia viva”, operante, vissute come prassi emancipante, umanizzante dai popoli di tutto il mondo.
Quest’attentato rappresenta in modo plastico e tragico la crisi irreversibile dell’era moderna, iniziata sulle barricate americane e parigine contro i privilegi della nobiltà e del clero, che fece proprie le conquiste della scienza per comprendere i processi storici, che diede a tutti i cittadini diritti e doveri, che “impose” il laicismo come metodo di convivenza umana, di quel liberalismo da cui nacque il socialismo e che fin dai vari tentativi portati avanti da Rousseau, Babeuf, dai socialisti utopisti prima e dal movimento marxista e socialista poi, si tentò di concretizzare, di riportare “dal cielo alla terra”, per costruire nella realtà il “regno dei giusti e degli eguali”, l’uomo nuovo onnilaterale, il neo umanesimo realizzato nella comunanza dei beni e della ricchezza.
Ecco, sperando di non cadere nella retorica, questo attentato ci restituisce la sconfitta di circa trecento anni di storia, l’immagine di una civiltà in cui le sue parole d’ordine, in cui gli ideali e i valori su cui si era costruita sono abitualmente derogati a tutto vantaggio dell’unica regola aurea ed insuperabile; quella del profitto e della politica di potenza.
Molti evocano l’intervento della politica, di una politica autorevole con la P maiuscola. La politica si è arresa da tempo alla finanziarizzazione dell’esistente, alla sua brutalità economica e al gioco delle alleanze e dell’equilibrio\squilibrio della bilancia globale, perdendo quello slancio valoriale ed utopico, quel vedere oltre la contingenza e le convenienze del momento che gli ha permesso di cambiare il mondo, di lottare e combattere la barbarie e far vincere “la razionalità” dell’uomo unito all’umanità dagli stessi interessi generali.
E’ precisamente il piano umanistico su cui impostare una riscossa che viene meno, è l’impossibilità di riarticolare una politica come analisi e liberazione che ci atterrisce e ci rende sempre più dipendenti dalle emozioni e dai bassi istinti e ci impedisce di agire per trasformare ciò che abbiamo intorno a noi, facendoci sentire inadeguati e “piccoli”, indifesi rispetto all’enormità disumana che ci circonda. Come asseriva Foucault, al potere fa comodo uomini malati, perché meglio governabili.
La crisi del neo-liberismo e le contraddizioni portate avanti dalla globalizzazione e dalle lotte tra le potenze imperialistiche, la nuova fase strategica, la finanziarizzazione dell’economico, la precarizzazione sociale conseguente, il sacrificio di interi popoli sull’altare degli interessi geo politici di pochi, la radicale disarticolazione del welfare state e della politica come “direzione pianificata” dei processi, hanno creato il brutale caos in cui viviamo, in cui schegge impazzite di borghesie fradice di petrolio (con profonde e ramificate relazioni con il nostro occidente) ma con un preciso piano destabilizzante hanno preso il sopravvento su qualsiasi tentativo di ri-umanizzare l’esistente; come ebbe a dire il grande Eduardo de Filippo “’a da passa ‘a nuttata”; speriamo che dopo risorga di nuovo il sole.

5 commenti per “La strage di Parigi e l’era della disumanizzazione di massa

  1. Francesco
    15 novembre 2015 at 11:16

    Condivido ogni parola di questo scritto. Solo chi ha uno sguardo miope legge questo brutale attentato come la rivendicazione di un branco impazzito, le ragioni sono profonde e sono economico-sociali.

  2. Animus
    15 novembre 2015 at 14:19

    Articolo scritto molto bene, e non solo nello stile.

  3. Animus
    15 novembre 2015 at 14:35

    >Come asseriva Foucault, al potere fa comodo uomini malati, perché meglio governabili.

    Unico appunto, qui la cosa è un po’ più sottile…

    Il concetto chiave, ciò che interessa “ai Signori del Bene e del Male” (che molti di voi identificano col Capitalismo/capitalisti, mentre se si va più in profondità…) è rendere l’umanità, Tutta, dipendente da loro.

    La malattia, certo, ma rendere “l’umanità malata” (Fabrizio ha capito..) , soddisfa questo requisito (così come i “bisogni indotti”).

  4. MAURIZIO BAROZZI
    15 novembre 2015 at 15:45

    Fabrizio, le tue considerazioni su questo genere di nuovo Terrorismo, sono valide, ma qui occorre rendersi conto che la situazione è tragica. – Come sappiamo gli americani sono entrati varie volte in guerra con la false flag. Dalle guerre contro i pellirosse, al Maine, a Pearl Harbour, al Golfo del Tonchino, ecc, si è utilizzata la esecrazione di atti cruenti per fare le “crociate” ovvero le rapine belliche. Ma L’11 SETTEMBRE c’è stato un salto di qualità un evento epocale. Con gli auto attentati alle torri, grazie all’enorme sviliupp dei mezzzi di persuasione di massa, stampa e televisioni, ci si è creati un alibi per aggredire stati sovrani.
    Ora questi attenati di Parigi, sono divesi dall’11 settembre solo perchè qui, probabilmente la mano è quella dei pazzoidi fondamentalisti, che al tempo non erano ancora stati ben organizzati dalle Intelligence . MA IL GIOCO E’ LO STESSO PERCHE’ GRAZIE A QUESTI ATTENATI GLI USA, con un colpo solo hanno compattato tutta l’Europa, e probabilkmente hanno creato la scusa per intevenire in Siria, dove l’intervento e i successi russi gli stavano creando grossi problemi.
    Considerando che viviamo tutti in una specie di “Grande fratello” , ci si rende conto che siamo tutti senza difesa perchè basta che in qualche modo si provochino atti cruenti del genere, e “Lorsignori” poi possono fare tutto quello che vogliono. E’ veramente sconfortante. NON è QUINDI TANTO ANALIZZARE GENESI E REGIONI ED EVOLJUZIONE DEL TERRORISMO CHE CONTA, QUANTO QUELLO CHE POI IL TERRORISMO, ARMA DI IMBONIMENTO DI MASSA COMPORTA.

    • Fabrizio Marchi
      15 novembre 2015 at 17:58

      Sono d’accordo… come noto non sono un dietrologo nè un complottista (il che non significa che non ci sia chi pianifica guerre, colpi di stato e attentati terroristici…). Tendo sempre all’analisi il più possibile lucida dei fenomeni e ai loro effetti, o meglio alle loro conseguenze. E naturalmente il terrorismo, e questa specie di terrorismo in particolare, fa il gioco delle potenze imperialiste che hanno bisogno appunto di alibi forti che giustifichino le loro politiche imperialiste, che giustifichino cioè il terrorismo sistematico e quotidiano a cui sottopongono i popoli e i paesi da loro occupati. Un terrorismo fatto non solo di bombardamenti ma di embarghi, sfruttamento delle risorse umane e materiali, ricatti e occupazioni militari. USA, NATO, Israele e Arabia Saudita seminano il terrore in tutto il medio oriente da decenni, in Iraq, Afghanistan, Siria, Libia, Palestina e ora Yemen. Però siamo noi che siamo sotto attacco…
      Sono altresì d’accordo per ciò che riguarda le strategie di costruzione del consenso; questa è la grande intelligenza del sistema che da tempo si è rinnovato e trasformato radicalmente… il problema sono controllo e il dominio e anche la costruzione ad hoc di quella che io definisco come “psicosfera”, il controllo della quale è oggi determinante, nè più e nè meno del controllo dei mezzi di produzione…
      Ai tempi della guerra del Vietnam le intelligence e gli apparati mediatici di costruzione del consenso e di controllo di massa erano club di dilettanti al confronto di quelli attuali.. Per non parlare dei servizi segreti… La tanto famigerata Stasi ormai in confronto ai servizi e ai mezzi di oggi era una roba da “pasta e fagioli” al confronto…
      Siamo più o meno tutti controllati ormai, in un modo e/o nell’altro…da quello che scriviamo qui su fb o sui nostri giornali e blog fino ai nostri (magri) conti correnti bancari. Sanno tutto di tutti ormai, anche quante volte andiamo fare pipì…una sorta di gigantesca e ultra sofisticata schedatura di massa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.