L’acqua e l’amido di mais (ovvero la sinistra non newtoniana)

Due giorni fa Fratoianni e Bonelli hanno fatto una conferenza stampa congiunta per ribadire che non intendevano fare concessioni sui loro programmi, visto che, ovviamente, l’intesa PD + Calenda è completamente incompatibile con un programma di radicale cambiamento sul piano sociale e ambientale. Ora, dopo le inflessibili dichiarazioni, Fratoianni e Bonelli si squagliano e si accodano alla coalizione confindustriale perché …. bisogna fermare la destra. Fermare la destra andando a destra. Nel tragico, i risvolti comici non mancano e, questo bisogna ammetterlo, ce li regalano loro.
Fratoianni e Bonelli insieme sono come l’acqua e l’amido di mais, un composto con caratteristiche molto particolari. Se mecolati in certe proporzioni, danno origine a un fluido detto “non newtoniano” perché sembra sottrarsi alle leggi della fisica: se lo si manipola o gli si imprime un urto violento, oppone resistenza comportandosi quasi come un solido, ma se lo si attraversa dolcemente o si inclina il cucchiaio e lo si lascia cadere, torna a comportarsi come un liquido.
Insomma come Fratoianni e Bonelli prima (solidi e duri) e dopo di vedere Letta (docili e liquidissimi).
Chi dei due sia l’acqua e chi l’amido di mais, fate voi, è lo stesso.
Bonelli e Fratoianni contesi fra Pd e M5s
Fonte foto: Today (da Google)

1 commento per “L’acqua e l’amido di mais (ovvero la sinistra non newtoniana)

  1. Gian
    9 agosto 2022 at 17:54

    Molto ben riuscita la foto. Due facce “di tolla” da esposizione, sicuramente molto affezionato, più che ai diritti dei lavoratori, ai loro preziosi scranni parlamentari.
    Non sapevo che facce avessero, ma mi paiono degni degli pseudo studi di Lombroso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.