L’Europa è un mostro

Se c’è un’essenza dell’Europa, essa è data dalla capacità di ospitare varie identità al proprio interno. Era già questa la cifra della civiltà greca antica. L’Europa è la civiltà delle differenze, della bellezza e della filosofia. In Grecia, culla della civiltà occidentale, la democrazia è filosofica e la filosofia è democratica poiché pone la differenza alla radice del proprio metodo…

Sul piano più strettamente politico, il sogno di riunificare le identità europee sotto un’unica, e dunque forte, sovranità politico-economica, ma con modalità differenzialistiche e federalistiche, da poter poi giocare sullo scacchiere geopolitico del mondo, è stata nei secoli un’utopia molto forte. Nei decenni scorsi, sulla scia di tale nobilissima aspirazione, è nata l’Unione europea, accolta dagli spiriti progressisti come un tassello importante sulla strada del cosmopolitismo e dell’internazionalizzazione libertaria. Per molti, donne e uomini in assoluta buona fede, sostenere l’Europa Unita in quel periodo era non soltanto un dovere morale, ma anche una necessità strettamente legata allo spirito migliore del tempo. Ma quali sono i fatti? Purtroppo, questi non sono affatto confortanti. Intanto, a partire dalla fondazione dell’Unione Europea abbiamo dovuto subire un’immensa crisi economica che non ha precedenti nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale. Essa ha investito in modo particolare alcuni dei paesi dell’eurozona (fra cui il nostro) con una virulenza particolare, avvantaggiando soltanto una ristrettissima parte della popolazione europea. Abbiamo assistito, inoltre, impotenti, alla progressiva ed incessante tecnicizzazione e finanziarizzazione della politica, e cioè di fatto alla sua cancellazione e degenerazione in populismo mediatico. E allora abbiamo meglio compreso ciò che già sospettavamo. Il sogno europeo, l’antica utopia della civiltà occidentale, era stato utilizzato per produrre un’offensiva mortale nei confronti della democrazia e della sovranità dei popoli. Qual era lo scopo? Presto detto. Il fine era realizzare quelle riforme in senso ultra-liberiste – più difficili da portare a termine all’interno dello Stato nazionale – che servivano per adeguare la politica alle esigenza dell’ultima fase del capitalismo. Quella fase, appunto, in cui esso non trova alcun ostacolo alla propria, esclusiva, religiosa, gelosa e ormai onnipervasiva divinità. Dov’è la solidarietà necessaria fra membri di una famiglia unica? Dov’è la differenza? E dov’è inoltre lo scambio virtuoso che arricchisce tutti coloro che vi partecipano? Dov’è, infine, la necessità di un confronto fra uomini liberi e non (soltanto) fra esseri caratterizzati dalla propria nazionalità e dalla propria carta di credito? Di queste esigenze, io credo insopprimibili in una unione che non si vuole soltanto economica, non c’è alcuna traccia. Le parole utilizzate sono ben altre: vincolo di bilancio, troika, patto di stabilità, banca centrale europea etc. etc.. Che cosa concluderne? Mi sembra che, in questo caso, non dobbiamo avere paura delle parole. L’Europa con cui abbiamo a che fare è un mostro che non lascia alternative. Si cominci a lavorare, se se ne ha la forza, per una Europa davvero politica e davvero federale. Per una Europa senza centro e multicentrica, una Europa dei territori e delle infinite identità. Se ciò non è possibile, ricominciamo a pensarci da soli con i nostri problemi, Sono tanti, sono troppi ma – almeno – siamo sicuri che sono i nostri…

Risultati immagini per BCE immagini

Fonte foto: http://www.opinione-pubblica.com/

6 commenti per “L’Europa è un mostro

  1. Cristina
    25 febbraio 2017 at 11:57

    Condivido in pieno l’articolo. L’Europa ha preso non ha dato,ha arricchito i paesi già forti ed impoverito quelli più deboli. Ha unificato il pensiero con la medianicità del capitalismo, “Il grande fratello” ha compiuto il suo compito.Chi resta virtualmente libero ha il dovere di cambiare.

  2. Paola Silano
    25 febbraio 2017 at 12:11

    Analisi corretta: l’Europa è un bluff, una catastrofe abbattutasi sulle identità nazionali, l’euro è il coronamento del capitalismo estremo. Dovremmo avere la consapevolezza di quanto abbiamo subito e il coraggio della ribellione. Non occorrono armi per cambiare le cose, basta usare la matita al momento giusto.

  3. Antonio PORTOLANO
    25 febbraio 2017 at 12:29

    Europa….a mio livello…la vedo come coloro che dicono vogliamoci tutti bene….poi……
    Gli scenari attuali vedono una non omogenea identità anche nei singoli Stati componenti EUROPA.
    Basta pensare al sentire diverso tra nord-est Italia e tutto il Sud Italia….senza entrare in analisi storico politiche la realtà è che sono identità diverse….quindi..
    Una soluzione potrebbe essere costruire l’Unione Europea per gradi….per tema….ad esempio affrontare la bestia feroce lavoro tutti insieme ed ammansirla….il motore comincerebbe a girare nel giusto modo….forse i rimanenti problemi….tanti….si autoregolerebbero….forse..per me questa è la strada…per educazione e cultura sono convinto che chi vuole tutto alla fine ottiene poco o niente…..passo dopo passo con caparbietà onestà determinazione.

  4. Maria Giovanna
    25 febbraio 2017 at 17:00

    “Un’Europa senza centro e multucentrica, dei territori e delle infinite identita’”? Ha ragione prof, ma non e’ questa Europa. 🙁

  5. karl
    27 febbraio 2017 at 9:43

    La Grecia antica considerava tutti i steranieri BARBARI altroché cultura delle differenze.

  6. armando
    3 marzo 2017 at 12:42

    L’Europa è diventata un “mostro” nel momento in cui ha iniziato a negare le proprie radici culturali greco-giudaico-cristiane. Perché se la moneta o la carta di credito, ossia l’economia, non bastano a cementare un popolo o far convivere le diversità nazionali in assenza di un coagulo culturale ben più forte, altrettanto può dirsi degli “interessi di classe”, forma collettiva di quelli individuali. La storia delle rivoluzioni fallite lo dimostra ampiamente. Neanche può reggere una federazione di Stati in assenza di un principio spirituale comune che, nel rispetto delle diversità e autonomie di ciascun stato, impedisca che esse deflagrino. Tanto meno può servire allo scopo la retorica dei diritti, il progressismo buonista che alfine risale all’individualismo capitalistico.

Rispondi a karl Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.