Nuovi protagonisti, politici rampanti

Nel nostro paese la produzione di merci e servizi cala o comunque non cresce secondo standard soddisfacenti. Quella dei nuovi protagonisti della politica – invece – cresce. Lo vediamo tutti i giorni: giornali e media i più diversi (il pifferaio neanche tanto magico dei nostri tempi), sotto l’ordine imperioso dei loro padroni e padroncini, riempiono le piazze, alcune delle quali risultano gremite fino al limite della capienza. Le masse teleguidate appaiono sorridenti e felici: fa piacere che, dopo il grugno “incazzato” e “sfanculante” di Grillo, i leader emergenti appaiano invece educati, di buona famiglia, ben pasciuti, di sani principi e tanto orgogliosi di rappresentare il ceto dei ” ben riusciti” nei salotti televisivi dove non sono necessarie idee né, tantomeno, progetti politici. Pur non volendo dare troppo credito al detto “Piazze piene, urne vuote”, credo che la gente – quella che lavora o quella che non fanno lavorare, quella che arranca e che soffre, quella che non ha tempo per scagliarsi contro un nemico (che peraltro non è neppure al governo) -, sia lontanissima da questi finti rivoluzionari. Il popolo, il popolo dei disoccupati che vive ancora con i genitori a cinquant’anni, quello che si vede tagliare i servizi sanitari, distruggere i luoghi pubblici e i sostegni sociali, quello per il quale il rischio di ammalarsi di cancro è più alto della possibilità di portare i figli a scuola, quello che è riuscito faticosamente a far laureare i figli ed ora li vede costretti ad emigrare, quel popolo (che poi, ad essere onesti, è il popolo), non lo vedo rappresentato dai sorrisi educati, dalle frasi misurate e piene di buone intenzioni dei nuovi protagonisti della politica. Se la situazione è questa, allora, non ci si lamenti poi se il popolo (per il momento, bisogna rassegnarsi, esiste ancora il suffragio universale) si recherà mestamente a mettere il proprio obolo elettorale sul volto un poco balordo di Salvini. E, soprattutto, davanti ad una nuova, ennesima, a quanto pare inevitabile affermazione delle cosiddette destre, la cosiddetta sinistra ci risparmi i soliti sermoni sull’incapacità delle masse di comprendere il suo illuminato progressismo.

Risultato immagini per Sardine sorridenti immagini"

Fonte foto: www.meteoweek.com (da Google)

1 commento per “Nuovi protagonisti, politici rampanti

  1. armando
    18 dicembre 2019 at 21:27

    poco da commentare, molto da condividere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.