Quella discriminazione che ha fatto la fortuna di Laura Boldrini

Una cosa è certa. Laura Boldrini deve la sua fortuna e la sua oggettivamente straordinaria carriera alla discriminazione che subisce da sempre in quanto donna. Qualcuno/a sostiene per la sua intelligenza e soprattutto per la simpatia che è in grado di suscitare al primo impatto. Glielo concediamo, del resto de gustibus non disputandum est. Ho conosciuto persone che trovano simpatiche Asia Argento e Michela Murgia, figuriamoci se non può suscitare lo stesso sentimento anche la Boldrini.
“Come porre fine al potere maschile sulle donne”, si chiede la “Nostra” nel suo ultimo libro, augurandosi (la comprendiamo…) che quel potere che lei stessa subisce fin da quando sta al mondo non abbia mai a cessare. E’ vero che ormai la carriera l’ha fatta però è ancora giovane per chiudere bottega.
Certo, in quanto donna e quindi discriminata per definizione, per giunta nata e cresciuta in Italia, paese patriarcale e maschilista per eccellenza, non potrà ambire a diventare Primo Ministro o Presidente della Repubblica; in altri paesi occidentali non avrebbe avuto di questi problemi. E questa è stata la sua sfortuna. C’è da dire che in altri paese europei, specie del Nord Europa (molto più attenti a questi aspetti) molto probabilmente sarebbe stata costretta a dimettersi per non aver pagato i contributi ad una vera subordinata (in quanto lavoratrice dipendente e precaria, non in quanto donna) ma, come sappiamo, la coperta è sempre corta, non si può pretendere tutto dalla vita.
Ci consola sapere che anche qualora il dominio maschile, maschilista e patriarcale che le ha consentito cotanto successo dovesse iniziare la sua parabola discendente, non dovrà preoccuparsi di nulla perché in quanto deputata e già Presidente della Camera (e Commissario Onu e tanto altro ancora…) percepirà una pensione che le consentirà, in quanto donna e discriminata, di trascorrere una serena vecchiaia. Anche se non più all’ombra del potere maschile (che ha fatto la sua fortuna).

Le donne che accusano Laura Boldrini di averle maltrattate e mal pagate

2 commenti per “Quella discriminazione che ha fatto la fortuna di Laura Boldrini

  1. Enza
    29 ottobre 2021 at 7:45

    Sorvolando sulla filantropa femminista che non pagava la sua colf, ci sono molti aneddoti su chi, non pago di essere un peso sulla Madre Terra, si diletta a scrivere libri e a contribuire alla deforestazione. Ma, vista la orribile copertina della fatica di Laura e la roboante pretenziosità del titolo, suppongo che la copertina e il contenuto del libro combacino. Amen.
    Bonjour à tout le monde.

  2. Maurizio
    29 ottobre 2021 at 13:59

    Dopo i professionisti dell’ antimafia ci sono i professionisti del maschilismo discriminante

Rispondi a Maurizio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.