Segnali stradali. Per una sinistra che voglia ripartire

Pubblichiamo questa interessante e lucida analisi di Alberto Benzoni, pur non condividendola in toto. Riteniamo infatti che, allo stato delle cose, la UE (cioè il dominio franco-tedesco sull’intera Europa) sia di fatto irriformabile, tanto meno in senso socialista.

Tuttavia, l’articolo ha il merito, fra gli altri, di riportare al centro la sempiterna questione della contraddizione principale. E non c’è dubbio, per quanto ci riguarda, che questa sia tuttora costituita dal dominio politico, militare ed economico della più grande potenza capitalista e imperialista mondiale, cioè gli USA, indipendentemente – è bene sottolinearlo –  da chi siede alla Casa Bianca (gli USA sono uno stato imperialista né potrebbe essere altrimenti, data la loro stessa struttura).

Il dibattito è, ovviamente, aperto.

(Fabrizio Marchi)

 

In attesa di una sinistra radicale, ahimè tanto assorbita dalle sue divisioni interne e dai suoi vecchi riflessi pavloviani da non lasciare alcuna traccia di sé nella vita reale, converrà interessarsi di quello che accade nel vecchio ceppo, socialdemocratico o (negli Stati Uniti) semplicemente democratico.

Qui i segni di una rinnovata vitalità non mancano. Più forti e politicamente consapevoli in Gran Bretagna (dove, non a caso, il partito laburista e il suo leader sono oggetto di un attacco propriamente terroristico) e oltreoceano, dagli stessi Stati Uniti (dove all’interno del partito democratico stanno emergendo posizioni contrapposte) sino al Messico (dove Lopez Obrador ha già realizzato un programma sociale di portata propriamente colossale). Più blandi in Europa continentale dove si passa dal consistente programma di rilancio della domanda interna proposto agli elettori spagnoli da Sanchez ai flebili segnali di ipotetiche buone azioni del Pd (di concreto solo la nomina in direzione di Furfaro e Smeriglio…), attraverso il no della Spd a nuove spese militari in nome della priorità del sociale.

Un percorso corretto. Ma, magari per questo, destinato a urtarsi, da subito, contro formidabili ostacoli. Interni e, soprattutto, internazionali.

Sul primo fronte, Sanders come Sanchez già si trovano di fronte a un fortissimo fuoco di sbarramento (cui si unisce il fuoco amico dei vecchi e rancorosi dinosauri alla Clinton o alla Gonzales: sarà, a Washington l’accusa di “eversione socialista”; sarà a Madrid, l’accusa di tradimento nei confronti della Spagna per il semplice fatto di avere avviato colloqui, peraltro senza esito, con le autorità di Barcellona), da parte di un centro-destra, con forti frange e nostalgie franchiste destinato a fare della “questione nazionale” l’asse della sua campagna elettorale (inutile ricordare qui che, quasi sempre, i temi nazionali-nazionalistici fanno premio su quelli sociali).

Ben più difficili da superare, poi, i “nemici esterni” o, se preferite, gli ostacoli internazionali.

In Europa ne abbiamo addirittura due. Da una parte, l’ordoliberismo, l’austerità, i trattati e la Germania che ne è l’inflessibile custode. Dall’altra, l’America di Trump ma anche di un complesso militare, industriale e di sicurezza, da ben maggiore tempo votato a un disegno centrato sulla necessità di mantenere ad ogni costo e in ogni campo l’egemonia solitaria degli Stati uniti stroncando, con ogni mezzo, coloro che intendano rimetterla in discussione.

A prima vista, il nemico ideale (in questo caso per i socialisti mediterranei e italiani, sempre che esistano) è la Germania di Schauble e della Merkel. Ce lo dice una propaganda incessante, che ci presenta l’Europa tedesca come fonte di tutti i nostri mali. Ce lo conferma la palese incompatibilità tra qualsiasi disegno di rilancio della domanda interna, con l’annesso ruolo dello stato e del pubblico, con le regole e la filosofia comunitaria. Ci sostiene in questa convinzione il vasto mondo populista, apparentemente unito e vincente, proprio nella sua denuncia dell’Europa. E ci sospingono nella medesima direzione gli americani, pronti a venirci incontro e magari a perdonarci per le nostre aperture ai loro principali nemici- iraniani, russi, cinesi- se daremo loro una mano nell’opera di demolizione dell’Europa tedesca.

Personalmente, però, e da socialista, ci penserei mille volte prima di arruolarmi in questa crociata; pur riconoscendomi in molte delle sue motivazioni.

E non mi arruolerei per una serie di ragioni che espongo in ordine di importanza crescente.

Penso, in primo luogo, e parlo dell’Italia, che scaricare su altri- istituzioni, paesi o persone- la responsabilità per un disastro economico e sociale, in gran parte attribuibile alla cecità e/o al servilismo delle nostre classi dirigenti, sia certamente comodo ma altrettanto certamente sbagliato.

Penso poi che sia altrettanto sbagliata l’ossessione per i trattati: non si può considerare la loro modifica come condizione preliminare per qualsiasi azione politica, sia essa a livello nazionale o europeo e al tempo stesso ritenerla una “mission impossible” con l’unica via d’uscita dell’”Italexit”. Apparentemente una scelta di chiarezza; in realtà nullismo puro.

E’ bene poi ricordare, in terzo luogo (anche se i pavidi dirigenti di Bruxelles stentano ad ammetterlo pubblicamente) che il no dei “populisti” all’Europa è di segno completamente diverso; ci sono quelli che la contestano per quello che è attualmente; e ci sono quelli che la rifiutano non per quello che è (agli Orban, ai polacchi e ai baltici l’ordoliberismo va benissimo) ma per quello che dovrebbe essere o dichiara di essere (aperta, pacifica, sede di diritti, garante di ogni libertà e di ogni minoranza, accogliente, dialogante, laica).

Per dirla in altro modo, se l’unica identità politica dell’Europa è quella che abbiamo ricordato, le dirigenze dei paesi dell’Est questa identità la rifiutano fino al punto di volerla cancellare: sostenuti, in questo dalle dirigenze, trumpiane e no, di Washington: la prima che ritiene l’Europa irrilevante, la seconda che ci tiene ad averla completamente subalterna.

Per questo e solo per questo – e qui veniamo al punto decisivo e conclusivo – l’ordine anzi il disordine americano e non il generico ordoliberismo, dovrebbe essere, per i socialisti come per gli europei, il nemico principale. E non per fantomatiche ragioni ideologiche; o per antiamericanismo preconcetto. O per le forme prepotenti e intollerabili in cui si manifesta. Ma perché il trumpismo e il neo imperialismo Usa portano disordine, caos, conflittualità permanente, violazione continua delle sovranità altrui, totale disprezzo per le regole più elementari della convivenza tra stati e tra popoli. E perché in questo universo di disordine, di conflitto che non conosce luoghi di mediazione e di arbitraggio non c’è futuro: né per il socialismo né per l’Europa.

Risultati immagini per Trump e Merkel immagini

3 commenti per “Segnali stradali. Per una sinistra che voglia ripartire

  1. armando
    25 marzo 2019 at 22:46

    L’altro ieri ero alla presentazione del libro di Terence Ward, “Per capire oggi il medio oriente. Quello che i media non dicono dell’Isis”, e una parte del pubblico (in maggioranza femminile) insisteva su Trump e il trumpismo come la disgrazia delle disgrazie, attribuendogli anche il demerito di essere alleato dell’Arabia Saudita e quindi del wahhbismo fondamentalista. Enorme sciocchezza, perchè quell’alleanza risale ai tempi di Roosvelt e perchè tutti i presidenti americani senza distinzione di partito l’hanno continuamente ribadita. Clinton o Obama , osannati dai nostri liberal progressisti, non sono diversi da Trump, sotto questo aspetto. Mi spingo anzi a dire che se alla casa bianca fosse salita la Clinton, i pericoli di guerra con la Russia sarebbero stati anche maggiori. Non è Trump il pericolo, ma gli USA. Questo è quanto, ed è inutile sperare in una qualsiasi ripartenza di questa sinistra in tutte le sue sfaccettature. Dovrebbe abiurare al suo credo ormai ultradecennale, il che non avverrà. Dovrebbe sconfessare interamente se stessa, per essersi avvicinata al liberalismo/liberismo, per aver introiettato la sua antropologia e i suoi fondamenti culturali; per aver abdicato alla sua tradizione di difesa dei diritti sociali sostituiti da quelli cos detti civili e individuali, (omosessualismo, femminismo, genderismo, lgbt) che sono anche un cavallo di battaglia del liberismo il quale, almeno, è coerente con la propria storia.

    • Alessandro
      26 marzo 2019 at 11:55

      Condivido.
      Trovo piuttosto discutibile soprattutto l’ultimo capoverso dell’articolo.

      “Per questo e solo per questo – e qui veniamo al punto decisivo e conclusivo – l’ordine anzi il disordine americano e non il generico ordoliberismo, dovrebbe essere, per i socialisti come per gli europei, il nemico principale. E non per fantomatiche ragioni ideologiche; o per antiamericanismo preconcetto. O per le forme prepotenti e intollerabili in cui si manifesta. Ma perché il trumpismo e il neo imperialismo Usa portano disordine, caos, conflittualità permanente, violazione continua delle sovranità altrui, totale disprezzo per le regole più elementari della convivenza tra stati e tra popoli. E perché in questo universo di disordine, di conflitto che non conosce luoghi di mediazione e di arbitraggio non c’è futuro: né per il socialismo né per l’Europa.”

      In verità con Trump assistiamo a un leggero arretramento nella politica guerrafondaia a stelle e strisce. Lungi da me esprimere qualsivoglia apprezzamento nei suoi confronti, si tratta pur sempre di un arrivista in odore di razzismo, ma non bisogna farsi ingannare dalle sue maschere e dalle sue esternazioni. E’ pur sempre un wrestler, ossia uno che recita. In fin dei conti a lui interessa un po’ alla Berlusconi occuparsi dei suoi interessi privati e di quelli dei suoi amici, che non sono solo negli USA. E’ inviso in patria proprio perchè non asseconda passivamente la politica imperiale statunitense, ma vuole lasciarsi qualche margine di manovra per quando ritornerà a occuparsi esclusivamente dei suoi affari. Come Berlusconi è pronto a fare affari con tutti, perfino con i cinesi che dice di detestare. Non è il solito guerrafondaio femminista, amante della retorica globalista, ed è per questo che non piace alla finta sinistra liberal, ma possiamo stare più tranquilli con lui che qualora ci fosse stata la beniamina Clinton.
      Il problema sono gli USA, come giustamente scrive Armando, non Trump che semmai sta mettendo qualche piccolo sassolino nell’ingranaggio imperiale a stelle e strisce, ed è per questo che ha tutti contro, repubblicani e democratici. La politica pro Israle e contro l’Iran sono pur sempre delle costanti nella politica estera statunitense, Trump non ha portato niente di nuovo, ama solo fare più il gradasso dei suoi predecessori “democratici”.

      • Panda
        26 marzo 2019 at 20:15

        Sono fantasiose le premesse, ma in compenso surreali le conclusioni: dopo decenni di monolitismo si apre qualche contraddizione in campo borghese, alleluja!, e anziché approfittarne si dovrebbe difendere il parco giochi delle multinazionali (parlo dell’UE), anche e prima di tutto americane (ma su, perfino la letteratura mainstream lo ammette…).

        Ma anche no.

Rispondi a armando Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.