Strabismi e riflessi condizionati

Sopra l’entrata della sede nazionale della CGIL a Roma campeggia una scritta che recita testualmente “La violenza sulle donne è una sconfitta per tutti”.
E quella sugli uomini (da parte di altri uomini e anche da parte di alcune donne), sui minori (da parte di alcune donne e di alcuni uomini), sugli anziani e sui disabili (idem come sopra) che cos’è invece? Una vittoria della classe operaia? A meno di non pensare che l’unica violenza esistente al mondo sia quella subita dalle donne da parte degli uomini.
Ci avevo già fatto caso da tempo ma non l’avevo commentata perché la cronaca politica dei fatti ha prevalso. Ma ora lo faccio, riproponendomi di approfondire l’argomento.
Su per giù sempre in tema, leggete ora questo brevissimo stralcio di un articolo (per altri versi in buona parte condivisibile) di Guido Viale, noto intellettuale di sinistra, sul Green Pass: “Perché per non essere licenziati i lavoratori e le lavoratrici si vedono costretti e costrette a lavorare nelle condizioni di sicurezza sempre più precarie imposte dai loro padroni/datori di lavoro. È il ricatto del posto di lavoro”.
Trovata la chicca, quasi impercettibile agli occhi dei più? Viale parla, giustamente, di lavoratori e di lavoratrici, ma quando fa riferimento ai padroni ne parla solo al maschile, come se non esistessero padrone, cioè donne che vivono e accumulano (come altri uomini) grazie al lavoro di altri e di altre.
Una svista? Un riflesso condizionato? Tendo a pensare alla seconda ipotesi che, ovviamente, non è casuale ma il prodotto di una cultura, o meglio, di una ideologia dalla quale ormai siamo pervasi e che ha modificato anche il linguaggio e le modalità di espressione.
Del resto, Viale è persona troppo raffinata intellettualmente per arrivare all’obbrobrio dell’asterisco o dello schwa (ci si deve ancora pensare per utilizzarli…) ma non così libera per poter scrivere che oltre ai padroni esistono anche le padrone.
Assaltata la sede della CGIL a Roma: il sindacato si mobilita, Salvini e  Meloni prendono le distanze
Fonte foto: da Google)

1 commento per “Strabismi e riflessi condizionati

  1. Giulio Bonali
    31 ottobre 2021 at 9:08

    Devo confessare che non ho trovato la chicca alla prima lettura, ma solo cercandola dopo essere stato avvertito della sua esistenza (comunque almeno prima di aver letto “la soluzione dell’ enigna”).
    In ossequio al sempre impresciindibile “so di non sapere” socratico, ti ringrazio di avermelo (avercelo, nella misura in cui altri lettori si sono trovati nella mia stessa situazione) fatto notare, aiutandomi (-ci) a migliorarci a superare una subalternità al pensiero dominante che, malgrado gli sforzi che profondiamo, in qualche misura tende sempre a riproprorsi e va sempre combattuta con impegno critico.

Rispondi a Giulio Bonali Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.