Fango mediatico su Antonio Ingroia

Questa storia dello stato di ebbrezza di Antonio Ingroia, rilevato da uno steward all’ ingresso dell’ aereo di linea che doveva riportarlo in Italia, che gli avrebbe precluso l’imbarco all’ aeroporto di Roissy nonostante fosse in possesso di un regolare biglietto di viaggio, è una nuova tappa del linciaggio mediatico a cui viene ormai sottoposto da anni da parte dei poteri forti e degli obbedienti servizi che a loro rispondono .
Questa micidiale, subdola e continua campagna denigratoria ha lo scopo evidente di screditarlo agli occhi della pubblica opinione, e soprattutto togliere credibilità alle sue accuse, ampiamente motivate e provate, ai vertici dello stato e dei servizi per la trattativa con i vertici della mafia, che fu intessuta all’ ‘inizio degli anni 90′, completamente all’ oscuro di Falcone e Borsellino, e con effetti che marginalizzavano e delegittimavano tutti i loro enormi risultati giudiziari ottenuti, a costo del loro sacrificio supremo, nella lotta contro la mafia.
La colpa politica di Antonio Ingroia è evidentemente troppo grande per essere tollerata dal potere.
Ingroia deve essere distrutto.
Bene, noi del Risorgimento Socialista lo difenderemo sempre, per la sua grande onestà, e per il contributo gigantesco che ha dato alla ricerca della verità su una delle storie più infami e vergognose della nostra storia repubblicana.

Risultati immagini per Ingroia immagini

Fonte foto: Gds – Palermo (da Google)

2 commenti per “Fango mediatico su Antonio Ingroia

  1. Raffaella
    24 aprile 2019 at 12:12

    Condivido in pieno il vostro impegno…e non solo su questo ultimo caso…!!!

  2. Carmelo Mangialavori
    26 aprile 2019 at 16:50

    Una macchina del fango scientemente e scientificamente pilotata per fare male nel modo e nel tempo giusti. Non siamo più in democrazia, quindi serve armarsi di Costituzione e civiltà, di coraggio civile antiviolento e libertario per abbattere una cupola mondiale che ci vuole tutti schiavi!

Rispondi a Carmelo Mangialavori Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.