Il gettone nell’I-phone, perchè Renzi ha ragione.

imagesVi ricordate quando Renzi disse alla Camusso che mantenere l’articolo 18, nell´era della modernità, e´ come cercare di mettere il gettone nell’I-phone?

Ha o non ha ragione?

Ha ragionissima, perchè l’I-phone che lui sbandiera come simbolo della modernità è veramente il futuro che non tollera i vecchi gettoni del passato:

Il futuro rappresentato dai lavoratori della Foxconn, dove l’I-phone viene prodotto, che si suicidano perchè non ce la fanno più a lavorare 16 ore al giorno per 100 euro al mese, e dove l’articolo 18 non sanno neanche cosa sia.

Capito italiani che ammirate i nuovi miti hipster della ”sinistra” neocapitalista, come Renzi, lo Steve Jobs de’ noartri?

Il futuro è nel vostro beneamato I-phone,e nel vostro beneamato Steve Jobs, simbolo di una nuova sinistra neo-capitalista per la quale uno è di sinistra perchè mangia biologico, perchè è vegano, perchè va a comprare il seitan al mercato, scalzo…

Sono passati i bei tempi in cui il padrone lo riconoscevi perchè aveva il cilindro e ”le belle braghe bianche”…

Ora il padrone è un (finto) hippy che ti fa anche la morale perchè non hai soldi da buttare per comprare biologico o perchè non li hai per comprare il seitan al posto della carne…

Capito?

Il problema siete voi, cari poveracci, che quando una donna passeggia nel vostro quartiere e magari le fate delle advances, vi considerano come dei primitivi perche nei quartieri della gente ”meglio” queste cose non succedono.

Loro del resto, è risaputo, non devono chiedere mai, come recitava quella famosa pubblicità..

Il problema siete voi cari poveracci.  E la “sinistra” che voi votate ha deciso di cominciare a risolvere i problemi della società, e VOI NON AVETE PROBLEMI: VOI SIETE IL PROBLEMA.

Ora agli operai la sinistra preferisce Beatrice Borromeo, che sta lì a farvi la morale perchè lei è la soluzione e voi il problema, non l’avete ancora capito?

Steve Jobs, Renzi, la Borromeo, rappresentano il salto della quaglia di una sinistra che si è resa perfettamente organica al capitale ma che pretende di essere alternativa, di rilasciare interviste indignate, di presentarsi come ”il nuovo che avanza”…

Ed il nuovo è lì, nelle fabbriche della Foxconn, pronto per essere sfornato con turni massacranti e paghe miserevoli, e venduto a caro prezzo a tutti gli hipster del mondo, quelli che vogliono farsi un ”selfie” o ”twittare” per dimostrare quanto sono al passo con i tempi.

Eppure questo nuovo non ci sembra così nuovo…

Dove l’abbiamo visto?

Non l’abbiamo già visto nella Londra vittoriana di Dickens o nella Parigi de ”I miserabili”, dove i reietti stanno a lavorare 16 ore al giorno, e gli altri, quelli sopra, a fargli la morale?

E’ un nuovo abbastanza ”vecchio”, talmente vecchio che noi ci eravamo illusi di averlo lasciato definitivamente alle spalle.

C’è da dire,comunque che allora tutti erano più onesti, e nessun capitalista si dava pose alternative, era un mondo più vero, in cui tutte le categorie erano meglio definite.

Oggi è tutto più confuso, l’operaio dopo essersi indebitato per comprare l’I-phone, voterà Renzi, perchè è di “sinistra“, perchè è il cambiamento, e così manderà definitivamente in pensione quel gettone anacronistico, quell’articolo 18 che ancora lo rende differente dal suo omologo cinese.

Ora sì, anche lui sarà al passo coi tempi.

1 commento per “Il gettone nell’I-phone, perchè Renzi ha ragione.

  1. lorenzo
    4 gennaio 2015 at 13:50

    “per la quale uno è di sinistra perchè mangia biologico, perchè è vegano, perchè va a comprare il seitan al mercato, scalzo…”
    certo che no
    ma uno (che può farlo) NON può dirsi di sinistra e NON scegliere prodotti bio, o a km 0 o strafottersene di come sono allevate le galline di cui compra le uova a 10 centesimi.
    (invece di deridere grossolanamente chi gira scalzo, comincia tu, che puoi – perché non timancano conoscenze e cultura, e aulche soldino, presumo – a curare di piu i tuoi acquisti, allora le tue prediche saranno più credibili)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.