Il PD e la sinistra italiana, ovvero, lo sguardo della medusa

Che il Pd sia ormai divenuto “partito di sistema”è oramai evidente per tutti. Che questo implichi, soprattutto, la sopravvenuta totale incapacità di guardare alle cose del mondo al di là del suo ristretto habitat ideologico-culturale ( occidentalismo, privatismo, fuga da ogni ipotesi di conflitto e di scontro con la destra, politicamente corretto) è altrettanto evidente. Così come dovrebbe esserlo il fatto che un partito costretto a vivacchiare non è in grado di fungere da partito di sistema né di contrastare in alcun modo la destra ( in quanto al sogno renziano di un’alleanza , beninteso “riformista”con i residuati del centro e di Forza Italia, vale, al di là di ogni considerazione di merito, la forza, anzi la debolezza dei numeri ). Conseguentemente, dovrebbero aprirsi non strade, ma autostrade ad una nuova sinistra, del tutto autonoma dal Pd; e capace di ereditarne la vecchia funzione tribunizia, oltre alla capacità di garantire il futuro del socialismo. E, invece, nulla di tutto questo. Da una parte rimangono coloro, pronti ad accorrere sulla breccia contro una destra comunque pessima ( e questo ci sta); ma senza chiedere nulla ( e non parliamo di posti ma di programmi) in cambio; dall’altra una sinistra il cui antagonismo si traduce in proclami astratti e non mobilitanti.

Su quest’ultimo aspetto, torneremo tra poco. Per esaminare brevemente, in premessa, le due ragioni di fondo che condannano la sinistra  plurale alla marginalità.

La prima è di carattere generale. E consiste nel fatto che la narrazione così come l’immaginario collettivo della sinistra o, più correttamente, del socialismo appaiono perdenti in tutta Europa. Per tantissime ragioni che non è qui il caso di ricordare. In tale contesto la crisi politica e, quindi, elettorale coinvolge tutti, per una ovvia proprietà transitiva. Si aggiunga che, quando il socialismo era il sole dell’avvenire, chi lasciava cadere le sue bandiere trovava sempre chi le raccoglieva, svolgendo il ruolo di avanguardia. Mentre oggi, quando il treno corre nella direzione opposta, stare nel vagone di coda aggrava la situazione.

Nello specifico, il Pd, grinzoso e avvizzito quanto si vuole, ha avuto in contraccambio lo sguardo della Medusa. Chi lo frequenta, dopo averlo dileggiato, entra in crisi per i suoi vizi di nascita ( è il caso tragicomico del M5S). Chi ci entra dentro ( come molti socialisti) o scompare nel triangolo delle Bermude o getta la spugna ( democristiani esclusi, loro possono vivere dappertutto). Chi lo lascia ( parliamo sempre della nostra gente; i renziani vengono da un altro pianeta), sogna di ritornare; e gli basta uno Zingaretti per farlo. Chi lo contesta in radice rimane ossessionato da lui; al punto di porlo al centro di ogni polemica.

E qui vengo a noi: a Risorgimento socialista e a tante altri gruppi della sinsitra cosiddetta “radicale” o “antagonista” consimili ( area di cui, per inciso, faccio e continuerò a far parte, perché è l’unica in cui un socialista di sinistra può decentemente stare). A un’area il cui mantra è la lotta all’ordoliberismo e all’Ue.

Un mantra che capisco ma che non condivido. Un mantra la cui unica funzione sta nell’essere il collante di una sinistra pura e dura, corazzata contro ogni contatto con la sinistra “serva del sistema”.

Ora la separazione netta può e magari deve essere la premessa per la trasmissione di un messaggio, insieme, corretto e mobilitante. Mentre il nostro mantra non è né una cosa nell’altra.

Non è corretto perché l’ordoliberismo sognato da tanti negli anni novanta sta scomparendo dalla scena. E non certo per merito nostro. Non è ordoliberista un mondo in cui le ragioni del libero scambio sono  cancellate, giorno dopo giorno, dalle ragioni della sicurezza, della guerra, della capricciosa ma voluta distruzione di regole e istituzioni. Non è ordoliberista un mondo in cui i capitali possono andare ovunque e le persone sono chiamate a starsene dove stanno. Non è ordoliberista un mondo il cui principale motore e sostenitore ( e oggi imputato) è la Cina, e il suo principale nemico sono gli Stati Uniti; e dove nessuno può contare su di una qualche certezza del futuro.

E non è corretto perché la Ue e le sue politiche, ivi compresa la “stupida austerità” sono contestate da ogni parte e l’unione politica, che dovrebbe esserne la base e il coronamento, è e appare a tutti una totale chimera.

Certo, queste analisi frettolose possono e debbono essere oggetto di discussione. Ma altrettanto certo che il difetto gravissimo e ineliminabile del nostro mantra è quello di non essere assolutamente mobilitante.

Si può denunciare sino alla nausea l’ordoliberismo e l’Europa. Nemici, però, senza nome e indirizzo. E, soprattutto, bersagli non alla nostra portata. Come non sono alla nostra portata i rimedi, primo tra i quali l’”uscita dal sistema”che nessuno vuole e che non è per l’oggi. Come non è per l’oggi, l’alleanza tra sinistra di classe e sinistra  sovranista: la prima esiste e come nei paesi anglofoni e in America latina ma non da noi; la seconda stenta ad affermare la sua differenza rispetto al sovranismo di destra  ( vedi caso inglese).

Attenzione: non avremmo alcuna difficoltà a trovare nemici in carne ed ossa e forze disponibili a combatterli. Parlo del capitalismo, della sua crisi e delle sue contraddizioni. Parlo del privatismo che è poi la vera fede del mondo a noi avverso e della conseguente scientifica distruzione dello stato e del pubblico. Parlo di classi dirigenti sempre più ostili alla democrazia e a chiunque contesti il loro potere occulto e palese. Parlo di chi considera la guerra come orizzonte ineliminabile del presente e del futuro.

Contro di loro dovremo combattere. Oggi con le armi della cultura. Domani, in un futuro sempre più vicino, con quanti sono già in campo e a cui dobbiamo unirci, senza pregiudiziali, per allargarlo e rafforzarlo. Al fianco di quegli  studiosi e “profeti” che fanno parte del sistema ma, forse proprio per questo, sonmo sempre più critici nei suoi confronti ( a conferma della tesi che la sinistra della destra è infinitamente migliore e più utile alla causa della, pessima, destra della sinistra) perchè consapevoli delle contraddizioni che esso produce.

Proviamo, allora, ad aprire le finestre. E a guardare, con occhio limpido, al mondo che ci circonda. Per ora, basterebbe questo.

Risultato immagini per Zingaretti immagini"

Fonte foto: Panorama (da Google)

3 commenti per “Il PD e la sinistra italiana, ovvero, lo sguardo della medusa

  1. Giulio larosa
    14 novembre 2019 at 13:11

    Spero di sbagliarmi ma risorgimento socialista considera Gramsci una specie di ciarlatano mentre stravedono per Mazzini Garibaldi e altri delinquenti che hanno devastato le Dusicilie facendone una colonia interna ? chiedo lumi in proposito.
    saluti

    • Fabrizio Marchi
      14 novembre 2019 at 13:40

      Ti stai sbagliando e anche di grosso, fortunatamente…
      RS è composto per la gran parte da socialisti di sinistra di origine lombardiana e in parte demartiniana, comunque mai stati craxiani, e da alcuni comunisti di varia estrazione.
      L’autore dell’articolo è uno storico dirigente e intellettuale socialista, già vicesindaco di Roma durante la giunte di sinistra degli anni ’80 guidate da Luigi Petroselli e Argan.
      La tua ipotesi è quindi del tutto priva di fondamento.
      Invito sempre ad andare cauti quando parliamo degli altri soprattutto quando non li conosciamo…

      • Giulio larosa
        15 novembre 2019 at 14:13

        ti ringrazio infatti ti ho chiesto informazioni proprio per evitare commenti fuori luogo. Mi fa piacere che ci sia gente seria ancora.
        Con l’ occasione ti faccio i complimenti per l’ interferenza, ormai non posso fare a meno di collegarmi una volta al giorno col sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.