Per Rayan

Riceviamo e volentieri publichiamo:

All’improvviso fui solo
nel ventre della terra
per cinque giorni senza luce,
senza pane, senza calore.
Avevo solo cinque anni.
Fu tanto il dolore, tanta la paura,
che un Angelo mi prese
e mi fece alzare in volo.
Sono in un azzurro che non conoscete.
Riponete tutto , tornate a casa.
Il mio silenzio è irraggiungibile.
Enza Sirianni
Marocco, il piccolo Rayan è morto
Fonte foto: Adnkronos (da Google)

3 commenti per “Per Rayan

  1. Lanfranco
    6 febbraio 2022 at 14:03

    Struggente.
    Piccolo angelo, riposa in pace.

  2. Giulio Bonali
    7 febbraio 2022 at 7:31

    La vita é (anche) crudelissima, terribile.
    Di fronte a fatti come questo ci si vergogna perfino della proprie gioie e della propria felicità (se si ostina ad allietarci) e si vorrebbe non essere mai nati.
    La poesia e l’ arte in generale possono solo attenuare un pochino queste tremende sensazioni soggettive, mentre niente può rimediare all’ oggettiva malvagità dell’ esistenza.
    Grazie.

  3. Giulio larosa
    7 febbraio 2022 at 19:36

    Ero sicuro che si sarebbe salvato e invece niente. Dio lo accolga nel paradiso che gli spetta. L orrore e il terrore di questi lunghi giorni devono essere stati senza confronti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.