Perché don Corrado fa impazzire i fascisti

C’è questa cosa del cardinale elemosiniere del papa che sta letteralmente facendo impazzire la destra.

Guardate la stampa fasciotrash di oggi: ha il doppio della bava alla bocca del solito, e sì che anche di solito possiede ghiandole assai produttive.

Lo accusano di tutto, oggi, don Corrado: per la Verità è «indecente», per il Tempo è «un prepotente che umilia i veri poveracci», per Libero «aiuta la mafia e fa l’elemosiniere coi soldi degli altri», per il Giornale è «un cardinale-elettricista barricadero che alimenta la conflittualità sociale».

Insomma sono furibondi. E li capisco. Perché questa cosa da sola smonta diversi pezzi della loro narrazione politica.

Smonta, prima di tutto, il Vangelo che brandiva Salvini in campagna elettorale, cioè smonta il tentativo di coagulare il nazional-sovranismo attorno alla Chiesa Cattolica, smonta la triade Dio-Patria-Famiglia che piace tanto a Pillon e Fontana, smonta insomma quello che era invece riuscito a Mussolini – peraltro con una svolta a 180 gradi rispetto alla sua giovinezza anticlericale. Oggi i cattolici italiani, o almeno la gran parte di loro, sono “adulti”, come diceva qualcuno. Non ci cascano più. Non siamo la Spagna dei preti franchisti.

Ma la vicenda dello Spin Time di Roma distrugge anche altri pezzi della narrazione salviniana.

Come quello dell’obblgatoria guerra tra poveri, meglio se per etnia.

In quello stabile di Roma (è a due passi da casa mia, lo conosco bene da tempo) vivono insieme, e insieme fanno rete, poveri italiani e poveri stranieri. Non c’è il “prima gli italiani”, c’è il “prima le persone”.

Salvini e la destra hanno fatto la loro fortuna con la contrapposizione tra ultimi e penultimi, tra poveri italiani e poveri stranieri: quell’edificio di Roma incarna il contrario.

È ovvio che con quello stabile la destra estrema sia furibonda: se i poveri nativi e quelli immigrati non si odiano più, tutta la costruzione salviniana crolla come un castello di carta.

E poi c’è altro, ancora.

C’è che quell’edificio di Roma non è un’occupazione di “quattro sfigati dei centri sociali” che attentano alla proprietà privata per bere birra e farsi le canne in un luogo abusivo. È la storia di decine di famiglie che sono andate ad abitare in uno stabile abbandonato da anni e che da anni andava in rovina. E queste famiglie lo hanno riqualificato, hanno fatto reale e concreta attività di reinclusione sociale attraverso scuole, corsi, sportelli legali, laboratori culturali, teatro, attività sportive, giochi per bambini, apertura al quartiere e molto altro.

È una storia che spiega anche ai più zucconi che la sicurezza è figlia dell’inclusione e, al contrario, l’insicurezza è figlia dell’emarginazione,dell’esclusione, della mancanza di possibilità.

Non è che ci vuole un genio a capire che una città piena di senzatetto e senza fissa dimora sia meno sicura di una città in cui tutti hanno una casa e cercano di fare un percorso di reinclusione sociale: ma il pensiero securitarista-cretino diffuso da Salvini and Co. nei talk show e altrove è riuscito a far dimenticare anche questa banalità.

In tutto questo, il richiamo dei salviniani alla “legalità” – contro lo Spin Time e contro don Corrado – fa solo ridere.

Fa ridere, brandito da un partito che da tre anni prende in giro la magistratura infrattando nei paradisi fiscali i soldi pubblici truffati ai contribuenti.

Fa ridere, perché quella di Krajewski è stata disobbedienza civile, cioè un atto “contra legem” pubblicamente rivendicato in nome della giustizia (lo diceva anche Sant’Agostino), mentre le illegalità della Lega sono state e sono accuratamente nascoste.

Fa ridere, sentir parlare di legalità l’amico degli ultras spacciatori e di CasaPound, gruppo che non solo occupa a sua volta un altro stabile a Roma, ma ci ha messo tutti gli amici e i parenti dei capi, oltre che la propria sede e i propri uffici.

E pure le bollette della luce non le paga, ma ha protettori abbastanza in altro perché nessuno venga a sigillargli i contatori.

 

Fonte articolo: https://www.sinistrainrete.info/articoli-brevi/14997-alessandro-gilioli-perche-don-corrado-fa-impazzire-i-fascisti.html

Risultati immagini per Don Corrado Krajewski immagini

Fonte foto: Il Foglio (da Google)

 

 

2 commenti per “Perché don Corrado fa impazzire i fascisti

  1. armando
    22 maggio 2019 at 9:30

    Tutto vero, la guerra fra poveri ecc. ecc., ma un problema esiste, e vale per tutti gli stabili occupati, da chiunque. 1)Chi decide se quella famiglia o quel gruppo di famiglie possano non pagare le bollette? Non certo l’azienda erogatrice dei servizi, spero. Non è suo compito. Ci vorrebbe qualcuno all’uopo deputato , in grado di valutare con un minimo di obbiettività. Altrimenti è il caos e l’arbitrio, in cui si potrebbe infilare chiunque. 2)Una volta deciso questo, chi si dovrebbe far carico di quei pagamenti? Non l’azienda erogatrice, non solo perchè non le compete, ma anche perchè se i casi , individuali o collettivi, diventassero tanti, ciò peserebbe sui bilanci, e alla lunga la faccenda sarebbe insostenibile. Se una azienda erogatrice deve agire come soggetto economico e stare attenta ai propri conti, i crediti non può non esigerli.
    Dunque quelle bollette le dovrebbe pagare lo stato, o il comune o un ente preposto a questi casi e dotato di appositi fondi. Ne discende che il gesto del cardinale, per non essere puramente politico/demagogico, avrebbe dovuto essere più o meno questo: riallaccio i servizi perchè non è tollerabile che tante famiglie ecc. ecc. e contemporaneamente pago io le bollette. In fin dei conti per le finanze vaticane 300.000 euro non sono insostenibili. Altrimenti ha ragione chi dice “facile fare il frocio col culo degli altri”.
    Poi si potrà sostenere che le tariffe sono troppo alte e le bollette per niente chiare, ecc. ecc. il che è vero, ma ciò rimanda ancora ad altre problematiche. Insomma, queste vicende rimandano sempre ad uno Stato che non funziona e non è in grado, mai, 1)di valutare le situazioni con obiettività 2)di farsi carico dei casi autentici di impossibilità 3)di esigere, anche con la forza pubblica, il rispetto della legge in tutti quei casi in cui, invece, occupazioni e morosità siano arbitrari e ingiustifcati. E non che non si potrebbe fare. E’ che fa comodo che gli enti pubblici siano inquinati , opachi, inefficienti, perchè così possono prosperare arroganza , prepotenza e arbitrio.

    • Fabrizio Marchi
      22 maggio 2019 at 10:49

      “E’ che fa comodo che gli enti pubblici siano inquinati , opachi, inefficienti, perchè così possono prosperare arroganza , prepotenza e arbitrio”. (Armando)
      Non solo, perché così si alimenta il mantra del “privato e bello e pubblico inefficiente” che serve a preparare il terreno per la privatizzazione di tutti i servizi pubblici e la graduale distruzione dello stato funzionale al liberismo.
      In regime capitalista liberista gli stati devono esistere solo nella loro funzione repressiva, interna (repressione del dissenso e di eventuali rivolte sociali) ed esterna (guerre imperialiste e neocolonialiste). Per il resto liberismo assoluto.
      Sul gesto del cardinale (quindi del Papa). Ovvio che si tratta di un atto simbolico con cui la Chiesa vuole trasmettere un messaggio (e meno male, dati i tempi, che lo fa, al di là di tutte le contraddizioni che sappiamo…). Del resto anche Salvini che invoca la Madonna nei suoi comizi fa un gesto simbolico (e politicamente opportunista). Anche la fede, come vediamo, viene tirata per la giacchetta da tanti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.