Sinistra Italiana e “non siamo mica metalmeccanici”: un caso isolato o un dato genetico?

sannicandro

Foto: youtube.com

Sta suscitando molto scalpore in questi giorni l’affermazione del deputato di Sinistra Italiana, Arcangelo Sannicandro, che opponendosi alla riduzione dell’indennità dei parlamentari ha ritenuto opportuno sottolineare di non appartenere certo «all’ultima categoria dei metalmeccanici o dei lavoratori subordinati». Una affermazione strana, sottolineano tutti i giornali, quando proviene da una sinistra che dovrebbe difendere il lavoro e da un deputato addirittura definito “ex comunista”.

In realtà chiunque segua le vicende che riguardano questo gruppo parlamentare e i recenti tentativi di costruire a partire da SI-SEL una nuova “cosa” di sinistra, sa benissimo che c’è ben poco di strano. Il fatto è proprio che questa sinistra non ha nulla a che vedere con il lavoro, sa poco o nulla del movimento operaio con cui da tempo non condivide esperienze di lotta (fosse anche di sconfitta).

A poco servono le scuse, le smentite, le spiegazioni, perché le parole hanno un significato e in casi come questo pesano come macigni sul consenso dei lavoratori nelle forze che vengono percepite di “sinistra” (fra le quali, al netto di ogni considerazione, rientrano anche i comunisti nella percezione comune). Sannicandro non è un caso isolato o una “mela marcia” della sinistra. È al contrario il prodotto coerente di quel processo che ha trasformato la sinistra, un tempo rappresentata dal PCI, nel principale amministratore degli affari di questo sistema.

La sinistra “radicale”, in Italia identificabile con SI-SEL e in generale con i partiti che fanno riferimento alla Sinistra Europea, non è esclusa da questo processo, ma al contrario oggi cerca di affermarsi a livello europeo (talvolta con scarsi risultati, come nel caso italiano) come una “nuova” socialdemocrazia, puntando semplicemente a sostituire la socialdemocrazia storica che oggi vive una crisi di consenso essendosi eccessivamente compromessa. La fantomatica “radicalità” di questa sinistra sta solo in una maggiore attenzione ai diritti civili, in una prospettiva riformista che bene è stata sintetizzata da Fassina qualche tempo fa («sinistra come forza di civilizzazione del capitalismo»), in una difesa appassionata dell’Unione Europea (cioè dell’indifendibile) di cui si esaltano le “nobili” origini. Una sinistra da salotto, piena di spocchia intellettuale, che da tempo si tiene a distanza dal mondo del lavoro che è stato ormai sostituito dalla “società civile” come nuovo riferimento sociale.

La questione fondamentale sta proprio nel protagonismo del mondo del lavoro, che in assenza di un Partito che sappia organizzarlo rischia di scomparire (usando un’espressione gramsciana) nel popolo indistinto. Processo che è sicuramente accelerato da affermazioni come quella di Sannicandro, che alimentano la banale polemica contro la “casta” oggi  tanto funzionale a questo sistema nella misura in cui occulta la reale contraddizione che è quella fra capitale e lavoro, finendo per assolvere i mandanti mentre si punta il dito contro gli esecutori. È proprio sulla centralità del lavoro che si misura la distanza fra i comunisti e la sinistra, che oggi è infinitamente maggiore della differenza che esiste fra la sinistra e tutte le altre forze politiche. Per questa sinistra i lavoratori sono una classe alla quale è meglio non assomigliare, utile al più per prendere qualche voto. Per i comunisti i lavoratori sono la classe di riferimento, senza la quale non si può pensare ad un reale cambiamento in questo paese e nel mondo.

Fonte: Senza tregua http://www.senzatregua.it/sinistra-italiana-e-non-siamo-mica-metalmeccanici-un-caso-isolato-o-un-dato-genetico/

5 commenti per “Sinistra Italiana e “non siamo mica metalmeccanici”: un caso isolato o un dato genetico?

  1. Carlo
    21 agosto 2016 at 18:04

    Il bello è che se una frase come quella di Sannicandro l’avesse detta uno del PD quelli di SEL sarebbero stati i primi a dargli addosso.

  2. Aliquis
    22 agosto 2016 at 8:38

    Pensavo che il gruppo dirigente di SEL si dissociasse da Sannicandro.
    Invece questo non è avvenuto.

    Anche se a mio padre dispiaceva, io ho diffidato di SEL fin dalla sua nascita. Un partito nato dalla scissione di Vendola (e ho pure ammirazione per Vendola, ciò non toglie che anche lui sia in errore) fatta per difendere l’allora direttore di “Liberazione” Piero Sansonetti, inviso a Rifondazione Comunista per aver sostenuto posizioni anticomuniste (e si, il giornale di un partito comunista diretto da un
    anticomunista dichiarato, e se il partito, proprietario del giornale, si incazza e lo rimuove, è come Stalin che manda gli oppositori in gulag).
    E’ vero che il buondì si vede dal mattino.
    Anche il nome non mi convince.
    Sinistra è un espressione geografica; indica su che lato ci si siede.
    Ecologia è un termine abusato, dai Verdi in primis, servi del capitale.
    Libertà è la rivendicazione classica del capitalismo, anche della destra più estrema (Il Partito del Popolo della Libertà; Libero; i Cavalieri della Libertà di New York (organizzazione nazista americana); la maccartista campana della Libertà; Radio Europa Libera, responsabile del capitalismo selvaggio in Europa orientale.

    Gli antichi greci, Rousseau e Leopardi sostenevano che la libertà non può esistere senza la schiavitù. Esse sono strettamente intrecciate.
    L’ affermazione di Sannicandro è perfettamente in linea con questo concetto di libertà: i metalmeccanici e chiunque per vivere debba lavorare (quando trova un lavoro…) sono schiavi; e tale schivitù serve a garantire la libertà ai superiori, tra cui Sannicandro.

  3. ndr60
    22 agosto 2016 at 11:47

    A questo punto, urge organizzare il matrimonio tra metalmeccanico e sguattera guatemalteca: il loro figlio potrebbe chiamarsi Spartaco…

  4. Armando
    22 agosto 2016 at 18:44

    Ineccepibile. E di conseguenza sarebbe ora, una Volta x tutte, di sbarazzarsi di definizioni ormai solo mistificatrici. Bene chiamarsi comunisti, se lo si e’ , o fascisti se lo si e’, anticapitalisti comunisti o anticapitalisti tradicionalista, Ma non piu’ dx o sx. Poi si discute chi e’ piu coerente o conseguente, ma nella chiarezza.

  5. Armando
    22 agosto 2016 at 19:34

    Aggiungo che come un comunista serio è vero non può’ identificarsi con nessun partito attuale di SX, Sel o chi per essa, altrettanto nessun tradizionalista serio evento puo’ identificarsi in questa dx berlusconiana, salviniana o trumpiana. Un minimo di coerenza e logica lo vietano

Rispondi a Aliquis Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.