Un voto vergognoso del Parlamento europeo

Come sapete, o dovreste sapere, il Parlamento europeo ha, diciamo così, decretato, in data 19 settembre, l’equivalenza dei totalitarismi – fascismo, nazismo, comunismo – ulteriormente comprovata dalla comune responsabilità della Germania e dell’Unione Sovietica nello scoppio della seconda guerra mondiale.

Perché vergognoso?

Qui concorrono ragioni di metodo e di merito. Nel metodo perché non spetta, in primo luogo, ai parlamenti e/o ai governi riscrivere la storia attraverso sentenze; magari autorizzando questa o quella autorità a punire o a silenziare, per legge, chi esprima pubblicamente opinioni diverse. E ancora, anzi peggio ancora, perché queste improvvise pulsioni hanno sempre ragioni volgarmente strumentali. Così si codifica la condanna del genocidio armeno, a cent’anni data, per giustificare il rifiuto dell’entrata della Turchia nell’Ue. Così si equipara l’antisionismo o magari l’opposizione radicale al governo di Netanyahu all’antisemitismo, per compiacere un particolare leader. Così, in data odierna e non cinque o dieci anni fa, si equipara il nazismo al comunismo per dare un contentino ai paesi dell’Est così da renderli meno avversi all’Europa così com’è e come potrebbe diventare.

Non è, come potrebbe sembrare, una concessione innocua. E’ il via libera alla libera gestione della memoria storica secondo le convenienze degli attuali regimi centro orientali e le loro pulsioni illiberali. Sarà la caccia alle streghe nei confronti dei comunisti esistenti e di quanti hanno svolto (vedi Walesa) un ruolo centrale nella fuoriuscita pacifica dal comunismo. Sarà la rivalutazione dei regimi autoritari del periodo tra le due guerre; e della russofobia di ieri, di oggi e di domani.

Già qui le considerazioni di metodo si trasformano in questioni di merito, assai più importanti e potenzialmente drammatiche.

La prima ha a che fare con l’Olocausto. Perché, cari signori, equiparare in tutto e per tutto nazismo e comunismo significa negare l’unicità di un fenomeno. E cioè il fatto che lo sterminio di un’intera “razza” perseguito metodicamente come obiettivo primario di una dottrina sia stato il segno distintivo del regime nazista e di nessun altro. E che il debito verso gli ebrei rimanga un fatto dovuto; ma non di quello, che so, verso i ceceni o i boscimani o magari, chissà, verso pellerossa. Con la conseguenza pratica di non essere un fatto dovuto per nessuno.

Personalmente ritengo che la conta dei morti non giovi a nessuno, tanto meno a noi occidentali. E che il giudizio sui regimi e sulle ideologie deve appartenere agli storici e a un libero dibattito; ma rimango convinto che un’ideologia che ha portato sofferenze enormi per intere collettività sia comunque “altra cosa” rispetto a quella in cui arrecare sofferenze era l’obiettivo primario.

Leggere, poi, la seconda guerra mondiale come frutto del patto Hitler/Stalin è non solo una contro verità ma un’offesa alla coalizione di diversi e magari anche opposti che ha portato alla vittoria contro il nazismo. E, almeno implicitamente, è una giustificazione dei gruppi dirigenti dell’Europa occidentale che, dai primi anni Trenta fino all’agosto del 1939, avevano preferito Hitler a Stalin (o meglio il nazismo al comunismo) e ancora nei primissimi mesi del 1940 progettavano di muovere guerra all’Urss inviando contingenti in soccorso della Finlandia. Per il resto, che volete, rimango grato alla grande coalizione antifascista e a coloro che sono morti in suo nome; e ricordo che, a liberare Auschwitz, non furono i carri armati americani (come raccontava Benigni) ma soldati sovietici; forse anche comunisti e forse no…

Risultati immagini per Auschwitz liberata dai sovietici immagini

Fonte foto:

1 commento per “Un voto vergognoso del Parlamento europeo

  1. Ale Bravi
    24 settembre 2019 at 21:07

    “Questa” Europa è al momento la vincitrice e, purtroppo, riscrive la storia… Grazie comunque Benzoni, come sempre. Leggere un po’ di verità dà sempre speranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.