Attentato di Strasburgo: cui prodest?

Sarà un caso ma è un fatto che quando un governo (o anche un intero sistema politico) è in grave difficoltà e rischia di essere travolto dagli eventi (leggi: protesta sociale di massa) – come sta accadendo in queste settimane in Francia – ecco che puntualmente arriva un bell’attentato terrorista che serve a distrarre l’attenzione della gente (chiamasi depistaggio) e della “pubblica opinione” e a “ricompattare la nazione”.

Una casualità? Oppure un “aiutino” diretto o indiretto di qualche amico e socio in affari? Magari un principino di Casa Saud che, come noto, è tra i principali finanziatori dei terroristi dell’Isis… E’ pur vero che i veri amici si riconoscono sempre nel momento del bisogno…

Sia chiaro, solo congetture, anche se l’uccellino birichino continua a cinguettarmi nell’orecchio… Io cerco di farlo smettere ma lui insiste…

Del resto, la domanda da porsi – sempre – non è chi è stato a fare una cosa o al limite anche chi c’è alle spalle di colui o coloro che hanno fatto quella cosa, ma “cui prodest?” E cioè: a chi giova? E, guarda sempre il caso, molto spesso chi ha fatto quella cosa viene fatto fuori sul momento (o poco dopo…) oppure ritrovato morto stecchito qualche tempo dopo.

E’ la complessità della politica…

Risultati immagini per macron e bin salman immagini

Fonte foto: AsiaNews (da Google)

 

 

 

3 commenti per “Attentato di Strasburgo: cui prodest?

  1. Aliquis
    17 dicembre 2018 at 9:55

    e si, la storia si ripete.

  2. Andrea
    18 dicembre 2018 at 0:13

    Soliti commenti sinistroidi-complottisti…
    Non sei affatto originale, Fabrizio.
    Anzi, sei una vera e propria fiera dei luoghi comuni.

    • Aliquis
      19 dicembre 2018 at 15:30

      No, Andrea, non è Fabrizio ad essere complottista.

      E’ stato Macron a dire apertamente ai manifestanti di smettere perchè c’è stato l’attentato. Più scoperto di così…

Rispondi a Andrea Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.