Caso Battisti: vincitori e vinti

La premessa è che ciascuno di noi deve assumersi la responsabilità delle proprie azioni. Battisti ha scelto di intraprendere la lotta armata contro lo stato italiano e ha ucciso alcune persone (che con lo stato c’entravano ben poco, ed è questa la sua più grave colpa, per lo meno dal mio punto di vista…). Lui nega di averle uccise ma io non posso sapere se sia sincero o meno. Fatto sta che i giudici lo hanno riconosciuto colpevole e quindi per lo stato italiano lui è l’autore di quegli omicidi. E per quello che ha commesso è giusto che lui si assuma le sue responsabilità fino in fondo e sconti la pena prevista. Sotto questo aspetto c’è ben poco da aggiungere. Non stiamo parlando di una persona perseguitata per le sue idee ma di un uomo che ha ucciso o contribuito ad uccidere altri uomini in un agguato. Battisti non può essere considerato neanche un “combattente”, un “prigioniero di guerra”, perché le azioni che lui e la sua banda ponevano in essere non erano azioni di guerra. Alcune delle BR lo sono state, al di là ora del giudizio etico, umano e politico che ciascuno di noi può avere su quell’esperienza tragica che fu la lotta armata in Italia, prodotto di uno scontro sociale e politico nazionale e internazionale ben più ampio ed esteso.

Per cui non vale e non può valere per Battisti lo “status” di combattente. Con questo non voglio neanche dire che sia un criminale comune. No, non lo era e non lo è, perché anche lui è un figlio di quell’epoca, cioè di quel grande e drammatico scontro sociale e politico che ha caratterizzato un intero quindicennio. Ma questo non cancella – come ho già detto – la sua responsabilità personale che deve assumersi in toto. E su questo non si scappa.

Le questioni che voglio porre sono altre, e sono di ordine politico. Anche perché lo spettacolo ipocrita di tutti i leader politici, da destra a “sinistra”, nessuno escluso, che ieri alla notizia dell’arresto di Battisti banchettavano intorno al suo “cadavere” era semplicemente rivoltante, da voltastomaco. E proprio l’accanimento di questi giorni mi ha sollecitato alcune riflessioni.

Domanda secca: Sharon, Begin, Netanyahu, Tzipi Livni più quelli che li hanno preceduti e tutti i loro sgherri, che hanno massacrato decine di migliaia di civili palestinesi (fra cui migliaia di bambini) nel corso di mezzo secolo, sono mai stati perseguiti?

I presidenti americani, Bush, padre e figlio, Jhonson, Reagan, Condoleeza Rice, Clinton, marito e moglie e tutti i loro generali e addetti ai lavori (cioè ai massacri…) che hanno massacrato centinaia di migliaia di civili in giro per il mondo con i bombardamenti e con gli embarghi criminali che impediscono di rifornire di medicine e cibo le popolazioni civili, sono mai stati perseguiti per crimini di guerra? Il presidente Truman che ha sganciato l’atomica su Hiroshima e Nagasaki è mai stato perseguito per crimini di guerra?

I veri mandanti delle stragi di stato (sottolineo, di stato…) che hanno insanguinato l’Italia dalla fine degli anni ’60 ai primi ’80, sono stati perseguiti? I veri mandanti delle stragi e degli omicidi di mafia (collusa con lo stato e con la classe dirigente italiana dell’epoca) che hanno insanguinato l’Italia per settant’anni, sono mai stati perseguiti?

Mai.

Da ciò se ne deduce che così come la storia la scrivono i vincitori e non i vinti, anche ad essere perseguiti, colpevoli o innocenti che siano, sono i vinti e non, ovviamente, i vincitori.

Ad essere giustiziati sono stati Milosevic, Gheddafi (per la verità, linciato in mondovisione), Saddam (volevano far fare la stessa fine anche ad Assad, ma non ci sono riusciti…), non Bush e Netanyahu. I vincitori vengono celebrati e i vinti criminalizzati. A torto o a ragione.

A finire in galera, nella stragrande maggioranza dei casi sono quelle fasce di proletariato e sottoproletariato che la società non riesce a gestire e che finiscono inevitabilmente nell’illegalità e nella criminalità. Quasi la metà della popolazione carceraria in Italia è formata da immigrati. Un caso? Ovviamente no.  Ergo, in galera, tranne rarissimi casi, non ci vanno i ricchi e i potenti ma i poveracci, colpevoli o innocenti che siano, sia gli uni che gli altri. I vincitori a casa a godersi la vita (e i loro profitti…) e i vinti in galera.

I fatti ci dicono che la giustizia è quella dei vincitori e mai quella dei vinti.

Battisti va in galera ma non ci sono mai andati né gli esecutori materiali né tanto meno i responsabili morali e politici delle centinaia di lavoratori, studenti e giovani uccisi dalla polizia dal dopoguerra fino alla fine del secolo nelle piazze italiane durante manifestazioni, scioperi o scontri di piazza. Perché? Forse quelle persone uccise valgono meno di quelle uccise da Battisti o da altri come lui? Forse il dolore dei familiari degli uni vale meno del dolore dei familiari degli altri?

Potrei continuare.

L’accanimento sul caso Battisti è politico, ovviamente, a nessuno degli esponenti politici che ora stanno facendo a gara a chi è più forcaiolo, frega nulla di lui.

La stagione grande e tragica degli anni ’70 deve essere sepolta e decodificata come un’epoca di violenza e terrorismo. Ma non è detto che ciò accada perché, in fondo, può tornare sempre utile. Salvini ha dichiarato che l’arresto di Battisti (il regalo di quel “bravo ragazzo” di Bolsonaro che invece di stare in galera è presidente del Brasile…) è solo l’inizio e che altri terroristi latitanti verranno braccati e arrestati (vivi o morti?…) nei prossimi anni. Insomma, tutto ciò che può servire a depistare l’attenzione delle masse e a scongiurare – specie di questi tempi – una possibile nuova rivolta sociale, deve essere fatto. Parigi val bene una messa, come si suol dire.

Immagine correlata

Fonte foto: Huffington Post (da Google)

 

 

 

 

 

6 commenti per “Caso Battisti: vincitori e vinti

  1. piergiorgio Moro
    14 gennaio 2019 at 13:13

    Ben detto

  2. Alessandro
    14 gennaio 2019 at 16:28

    “I presidenti americani, Bush, padre e figlio, Jhonson, Reagan, Condoleeza Rice, Clinton, marito e moglie e tutti i loro generali e addetti ai lavori (cioè ai massacri…) che hanno massacrato centinaia di migliaia di civili in giro per il mondo con i bombardamenti e con gli embarghi criminali che impediscono di rifornire di medicine e cibo le popolazioni civili, sono mai stati perseguiti per crimini di guerra? Il presidente Truman che ha sganciato l’atomica su Hiroshima e Nagasaki è mai stato perseguito per crimini di guerra?”

    Questa è la vera tragedia. In passato almeno non si era ipocriti, e il vincitore professava a chiare lettere il suo essere al di sopra della legge( io sono io e voi non siete un …) Oggi la retorica politicamente corretta straparla di parità, di legge uguale per tutti…ma possiamo immaginare come viva tutto questo un iracheno, un afgano, ecc., che vedono da innocenti le loro vite distrutte, talvolta proprio fisicamente talvolta economicamente, e quanta rabbia di conseguenza possano covare in seno. Lo stesso terrorismo che ha colpito in Europa negli ultimi anni è anche spiegabile, benchè sempre da condannare, come reazione a questa spregevole e ipocrita condotta.
    Rompere con il politicamente corretto significa anche rompere con questo circolo vizioso che giustifica bombardamenti, distruzioni e occupazioni con la scusa del femminismo e del dirittoumanismo.

  3. Gian Marco Martignoni
    14 gennaio 2019 at 22:00

    Condividendo il ragionamento svolto tempestivamente da Fabrizio, credo che le coincidenze e la strumentalizzazione politica dell’arresto di Battisti sIano davvero impressionanti.D’altronde, la strategia comunicativa e propagandistica di Salvini è più che orchestrata – proprio oggi ho letto in rete l’intervista a Alessandro Orlowsky su ” La Bestia “, apparsa sulla rivista ” Rolling Stone ” – nonchè fondata sulla figura retorica dell’enumerazione e l’individuazione di un nemico qualsiasi, contro cui puntare l’indice e gli insulti gratuiti.Tutto fa brodo per alimentare il consenso !

  4. dante
    15 gennaio 2019 at 0:03

    io ho tirato le medesime conclusioni ,del resto è facile , infatti mi sono spinto oltre rimarcando l’imbroglio di quel personaggio colluso con un regime tra i più sanguinari del ‘900 eletto a paladino dei diseredati della terra osannato da milioni di persone mentre dal suo(?) balcone ciancia di guerra brutta sporca e cattiva senza fare distinzioni tra aggressori e aggrediti

  5. ndr60
    15 gennaio 2019 at 10:37

    In effetti, un alieno che si fosse sintonizzato sui canali televisivi italiani (tutti) ieri si sarebbe detto: che Paese fortunato che è l’Italia, basta arrestare un latitante e tutti sono felici e contenti. Poi sarebbe corso a controllare lo Spread.

  6. gino
    15 gennaio 2019 at 10:48

    alcuni pensierini scoordinati…
    1) tutti sapevano che sarebbe scappato in bolivia, la federale monitorava i suoi amici da mesi, amici che lo precedettero in bolivia per preparargli il terreno. il paese più vicino a dove viveva, scelta stupida. io sarei andato verso il venezuela evitando le rotte classiche. e poi, possibile che non sei capace di rimediare documenti falsi?

    2) ovviamente bolSOMARO strombazza vittoria, ieri notizia di testa in tutti i tg. invece non solo alla gente non gliene frega un fico secco, ma ci dicono a ragione “ma voi italiani siete scemi, ancora appresso a storie di 40 anni fa?”… il che comunque vale ancor di più per le storie fascismo-partigiani.

Rispondi a ndr60 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.