Chi e cosa sono le “sardine”?

Diversi miei amici e compagni stanno reagendo con stupore e indignazione al fatto che le cosiddette “sardine” stanno allontanando dalle loro manifestazioni quelli che si presentano con le bandiere rosse e la falce e il martello.

In realtà questa scelta è assolutamente coerente da parte loro, non c’è nulla di cui stupirsi.

Le “sardine” sono un movimento liberaldemocratico, che deve apparire come nato spontaneamente in seno alla società civile. Che poi alle spalle ci sia la regia più o meno occulta del PD oppure si tratti di un movimento realmente spontaneo, è in fondo irrilevante ai fini dell’analisi e della comprensione del “fenomeno”.

Le persone in piazza con le “sardine” infatti, appartengono nella loro grande maggioranza ad una media borghesia “progressista” e garantita (quella rappresentata dal PD) in tutto e per tutto allineata all’attuale sistema neoliberale e neoliberista, che non ha ovviamente nessuna seria intenzione di mettere in discussione (per loro stessa pubblica ammissione…).

Si tratta di liberali (magari “di sinistra”…) che, coerentemente, aderiscono in tutto e per tutto al liberalismo e che oggi si sentono minacciati da questa destra radicale, aggressiva, sciovinista e populista nei confronti della quale avvertono una profonda e istintiva repulsione.

Il punto, a mio parere, è che è difficile stabilire quanto questo “sentimento” di indignazione che li anima sia dato dalla natura indubbiamente indigeribile della destra (la stessa per la quale la ritiene indigeribile, ovviamente, anche il sottoscritto…) oppure per una sorta di disprezzo malcelato, anche se non dichiarato, per quel “popolo rozzo, abbrutito e ignorante” che sceglie di seguire la destra anziché la “loro” “sinistra”. Ora, che quel popolo sbagli (e di grosso) a seguire la destra non c’è alcun dubbio, ma è altrettanto fuori di dubbio che ha tutte le ragioni per non reggere il moccolo, come si suol dire, all’attuale “sinistra”.

A conferma di quanto sto scrivendo, è’ bene ricordare che quella media borghesia “progressista e di sinistra” di cui sopra nutriva più o meno lo stesso sentimento di disprezzo nei confronti del “popolo grillino” (che in parte è lo stesso che oggi si rivolge alla Lega, in seguito alla giravolta del M5S) colpevole di aver abbandonato la “sinistra” per seguire le sirene “populiste e qualunquiste in odore di fascismo” di Grillo e del M5S (col quale oggi governano…). Insomma, si indignavano (così come si indignano ora) perché il “popolaccio, brutto, sporco e cattivo (e pure ignorante e rozzo)” non vuole starsene al suo posto ad intonare cori salmodianti dedicati alle sorti magnifiche e progressive del “liberal-europeismo”.

Le “sardine” si indignano per il razzismo della Lega (ed io con loro) ma non si indignano e non scendono in piazza contro le guerre imperialiste in Libia, in Siria e nello Yemen o contro l’occupazione della Palestina. Non si indignano e non scendono in piazza per difendere i governi socialisti dell’America latina dagli attacchi delle borghesie reazionarie, liberiste, fasciste e golpiste sostenute dagli USA (e, per la proprietà transitiva, dall’UE). Fingono di non sapere che il PD, insieme alla Lega, ha sostenuto il fantoccio della CIA Guaidò contro il legittimo governo di Maduro in Venezuela così come il golpe nazista antirusso e filo UE in Ucraina. Non si indignano e non scendono in piazza per combattere le politiche di austerity e neoliberiste dell’UE di cui l’attuale “sinistra”, PD in testa, è garante.

Nulla di tutto ciò, ovviamente. La media borghesia “di sinistra e progressista” italiana che oggi dà vita al movimento delle “sardine” scende in piazza per difendere lo status quo. Quello status quo che la vede garantita.

C’è solo questo in quel movimento? No, ovviamente, ci sono anche persone in buona fede che non sopportano (e ne hanno ben donde) Salvini & soci, ma queste, mi dispiace per loro, vanno bene solo per riempire le piazze…

Risultato immagini per leader delle sardine immagini"

Fonte foto: Il Fatto Quotidiano (da Google)

5 commenti per “Chi e cosa sono le “sardine”?

  1. Roberto Scorzoni
    2 dicembre 2019 at 13:43

    Caro Fabrizio Marchi, ricordi quando anni fa ti dissi, eravamo alla manifestazione per la Liberazione il 25 aprile, che il PD è il nuovo fascismo che avanza?? Tu e Franco socialisti di Craxi mi rispondeste che sbagliavo a considerarli fascisti. Non è fascista chi serve i progetti criminali del capitalismo e dell’imperialismo?? Pasolini è stato profetico quando ci mise in guardia dal fascismo dell’omologazione e prima di lui ci aveva indicato la via maestra Gramsci con la sua egemonia culturale. Noto con piacere che siamo d’accordo su tutto ora per me la pregiudiziale è l’antimperialismo e ho nella mia vita ho subito le peggiori calunnie per la mia coerenza e per la mia integrità morale. Buon lavoro

    • Fabrizio Marchi
      2 dicembre 2019 at 17:29

      C’è solo un errore però, io “socialista di Craxi” non lo sono mai stato (e neanche Franco). Ho avuto una breve parentesi nella sinistra socialista ex-post demartiniana (e anticraxiana…) subito dopo la fine dei movimenti degli anni ’70, dalla quale uscii (semplicemente perché ormai Craxi aveva occupato tutto il partito e non aveva più nessun senso rimanerci), ma sto parlando ormai di decenni fa, diciamo una trentina di anni fa. Ciò detto, farei carte false, visto come stanno le cose, per riavere quella Sinistra lì…
      Dopo di che, e te lo ribadisco, che il PD sia un avversario non c’è alcun dubbio, ma ritengo sbagliato tuttora definirlo un partito “fascista”, è una semplificazione che in politica non ci può stare. L’analisi deve sempre essere lucida. Il PD è un partito liberale organico al sistema capitalista. Ma non può essere definito fascista. Altrimenti sai quanta di quella gente dovremmo definire “fascista”…
      Su una cosa invece avevi perfettamente ragione e cioè per quanto riguarda la Rete dei comunisti…
      Un caro saluto!

  2. ndr60
    2 dicembre 2019 at 13:53

    Analisi impeccabile sul fenomeno ittico, con una sola domanda: ma questi giovani molto telegenici chi sono? Decerebrati reduci dell’Erasmus, o figli di papà (e mammà) col posto fisso garantito dai suddetti?

  3. Gian Marco Martignoni
    6 dicembre 2019 at 22:22

    E’ evidente che il consenso di Salvini sia dovuto all’uso dei social-media, all’occupazione della televisione ( grazie al genio dei 5stelle ), nonchè al suo presenzialismo nelle piazze di tutta Italia, che gli pemettono la fusione con il suo popolo.Poichè non sono tra quelli che pensano che le ” sardine ” siano eterodirette, riconosco ai quattro ragazzi e ragazze di Bologna l’idea e la pratica di occupare le piazze con un discorso dissonante da quello reazionario.Di fronte all’evaporazione della sinistra non è poco.Tutti i loro eventuali limiti sono il prodotto , infatti, della disintegrazione di quella che una volta si chiamava sinistra.

  4. Panda
    7 dicembre 2019 at 0:28

    Arriva pure l’apprezzamento di Monti: https://twitter.com/SenatoreMonti/status/1202875659325980674

    A questo punto direi che chi non capisce è perché non vuol capire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.