Fidel, figlio del Novecento e della Rivoluzione

Immagine correlata

Tracciare un profilo storico e politico di un grande personaggio, rivoluzionario e poi capo di stato, che ha contribuito a fare la storia come Fidel Castro, sarebbe troppo complesso. E poi in questi giorni fioccheranno le analisi e le ricostruzioni storiche. Non c’è bisogno, tutto sommato, di aggiungerne un’altra.

Il mio sentimento, in questo momento, è un altro, ed è di questo che vorrei parlare.

Con la scomparsa di Fidel possiamo veramente dire che se ne va, anche simbolicamente, il Novecento. Un secolo è che stato “criminalizzato”, ridotto al secolo del “male assoluto”, all’era del totalitarismo per eccellenza.

E si dimentica, o meglio, si finge di dimenticare, che è stato invece il secolo delle grandi rivoluzioni (fra cui anche quella guidata da Fidel e Guevara), dei grandi movimenti di massa planetari che hanno trasformato la vita di miliardi di persone e liberato tanti paesi e nazioni dal giogo del colonialismo e dell’imperialismo. E’ stato il secolo in cui una parte dell’umanità ha provato ad invertire la Storia. Ma non ci è riuscita. E’ stata sconfitta e ha fallito nel suo intento.

E si sa, la storia la scrivono i vincitori, non i vinti. E allora ecco che una fase storica che ha suscitato tanta passione, tanto entusiasmo, tante energie, tante speranze, a mio parere la più ricca e la più alta dell’intera vicenda umana su questo pianeta, viene “rielaborata” nel modo che abbiamo detto e ridotta, quando va bene, anzi benissimo, al tentativo velleitario e utopico di modificare l’ ”ordine naturale e immutabile” delle cose.

Ed è così che ci ritroviamo in quest’epoca di passioni tristi, anzi tristissime, dove quell’ “ordine naturale” non è più messo in discussione da nessuno o quasi. Dove gli uomini come Fidel vengono considerati, al meglio, delle anticaglie, dei relitti del passato, quando non come dei dittatori spietati e sanguinari.

Eppure, nonostante ciò, nonostante quell’ “ordine naturale e immutabile” delle cose che oggi si chiama capitalismo (e che nelle epoche passate si chiamava in altro modo) abbia vinto, il mondo si ferma e si inchina davanti a uomini come Fidel. Non si ferma (e non si inchina) di certo di fronte ai Pinochet, ai Videla, ai Somoza, agli Sharon, e neanche ai Reagan, ai Bush, ai Blair, alle Thatcher, che pure rappresentavano e rappresentano quel mondo che invece ha vinto.

Qualcosa vorrà pur dire, o no?

Si, è vero, A Cuba – come altrove – non è stato realizzato il socialismo. I problemi che attanagliano l’isola sono tuttora tanti e gravi e anche Fidel ha commesso tanti errori. Fra tutti, il più grave, quello di non aver saputo coniugare l’eguaglianza con la libertà.  Anche se non è stato il solo, perché è proprio lì, in quel mancato punto di incontro fra quelle due grandi istanze, che hanno fallito tutte le esperienze che si sono richiamate al socialismo e al comunismo.  Le cose potevano andare diversamente? C’erano le condizioni storiche per poterle far andare diversamente? C’era un vizio di origine che ostacolava la possibilità di farle andare diversamente? Tutte questioni estremamente complesse che non è possibile affrontare ora e che non possono essere liquidate in poche battute.

Resta il fatto che è stato un grande tentativo che ha creato un precedente assoluto.

E resta il fatto che da quasi 60 anni Cuba è un paese indipendente e senza padroni, dove a tutti e a tutte è garantita una vita dignitosa, dove nessuno è sfruttato da un proprietario terriero o da una multinazionale, dove nessuno è tanto ricco e nessuno tanto povero da non potersi mescolare assieme in un bar o in un ristorante o da frequentare scuole diverse.  Cuba è stato un simbolo di liberazione per tutti i popoli sudamericani (e di tutto il mondo) schiacciati dall’imperialismo e dai suoi gorilla e io mi auguro che continui a restarlo.

E tutto ciò è anche merito di Fidel a cui oggi e per sempre renderemo il giusto onore.

Risultati immagini per Fidel Castro e Che Guevara immagini

 

 

3 commenti per “Fidel, figlio del Novecento e della Rivoluzione

  1. Aliquis
    26 novembre 2016 at 16:46

    Un altro pezzo di storia che se ne va.
    E’ un uomo che ha dato tantissimo all’ umanità.

  2. armando
    28 novembre 2016 at 12:48

    Coniugare l’eguaglianza con la libertà, è detto giustamente, è cosa molto difficile. Ha fallito Fidel come altri perché, per puntare all’uguaglianza, hanno soppresso o troppo limitato la libertà, ma non dimentichiamo che hanno fallito anche tutti coloro che in nome della libertà incondizionata hanno consentito si formassero disuguaglianze inaccettabiili. Le rivoluzioni del novecento hanno fallito e sono state sconfitte, ma ciò non significa che questo sistema sia il migliore possibile. Diciamo anzi che, tramontato il periodo storico in cui sembrava che il capitalismo liberale nella sua versione keinesiana potesse passabilmente coniugare i due termini della questione, stanno emergendo in modo drammatico che quelle istanze che furono alla base delle rivoluzioni sono ancora ben attuali. Tutto ciò a prescindere da come si è tentato di risolverle, cosa peraltro importantissima perché obbliga a riflettere sull’interrogativo che si pone l’articolo circa il possibile “vizio d’origine”. Costanzo Preve credette ci trovare la soluzione nel concetto di “comunitarismo”, l’unico modo di essere della società che riuscirebbe a suo dire di attenuare quelle “maestose” diseguaglianze che tendono a riprodursi spontaneamente senza coartare la libertà delle persone. Un comunitarismo quindi diverso da quello “coatto” (così lo definiva) vigente in Urss ma anche da quello “organico” in cui il soggetto introietta la subordinazione rispetto al tutto. Curiosamente, anche un rivoluzionario marxista come Bordiga, parlava a proposito del partito di “centralismo organico” piuttosto che di “centralismo democratico”. Io credo che siamo ancora agli inizi della ricerca, ma per me è certo che non riusciremo a coniugare le due istanze se non tenendo conto degli usi, delle tradizioni, delle credenze dei popoli che ne hanno sedimentato la cultura. Qualsiasi volontà di spazzare via tutto ciò, venga essa dal “comunismo” o dal capitalismo, va nella direzione opposta.

  3. Fabrizio Marchi
    30 novembre 2016 at 10:48

    Questo articolo è da leggere, anche se lungo. Ho viaggiato parecchio in America latina, faccio prima a dire dove non sono stato che dove sono stato, fra cui tre volte a Cuba e quattro volte in Messico, e posso dire che la descrizione di Cuba e dei cubani fatta dall’autrice dell’articolo ha sicuramente un fondamento di verità. Un’analisi, se volete, anche un pò troppo dura, a mio parere, ma sicuramente vera, autentica, che coglie molti aspetti della realtà cubana. Sicuramente aiuta a capire Cuba e i cubani molto più di tanti articoli celebrativi o dei volgari insulti degli anticomunisti e degli anticastristi viscerali: http://www.sinistrainrete.info/politica/8529-lia-de-feo-omaggio-a-fidel.html

Rispondi a Aliquis Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.