La UE è irriformabile

E’ più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel regno dei cieli. La UE non è modificabile nella direzione che è contraria alla sua stessa natura. Si tratta di un progetto diretto espressamente, e progettato per esserlo, contro la redistribuzione e la possibilità di governare l’economia, da una parte, e un dispositivo di esasperazione della concorrenza e quindi di concentrazione dei capitali dall’altra. Si tratta, infine, di un ambiente normativo post-democratico e quindi non emendabile per via democratica (la prevalenza dell’aspetto intergovernativo su quello democratico e della rule of law sulla decisione politica e quindi sui parlamenti). Questo è il semplice fatto che va appreso per poter cominciare a ragionare sul che fare.

Germania, Ue, Bandiera, Europa, Nero, Rosso, Oro

Foto: Pixabay (da Google)

 

 

3 commenti per “La UE è irriformabile

  1. Riccardo
    11 settembre 2018 at 12:16

    Chissà se Christian Raimo & affini si è reso conto della cosa. Scusate se cito lui, ma mi pare il capofila di chi parla tanto, ma non si preoccupa mai del concreto, cioè di come raggiungere gli obiettivi.

  2. armando
    11 settembre 2018 at 13:20

    È così. L’Europa toglie sovranità politica ed economica ai popoli, non caso non sono mai interpellati direttamente, per attribuirla alle burocrazie espressione delle elite. È nata proprio per questo è non casualmente non sono mai citate le origini culturali europee. È nemmeno è vero che, poiché effettivamente il processo di costituzione degli stati nazionali ha via via estirpano culture e autonomie locali, questa Europa potrebbe rifavorirle. È vero il contrario. Queste, ormai troppo piccole , sarebbero ancor più fagocitate sotto ogni aspetto.

  3. giulio larosa
    11 settembre 2018 at 13:55

    Si non c’e’ dubbio, penso che pero’ si possa profittare delle sue contraddizioni per poter eliminare per sempre la UE e tutto cio’ che gli somiglia.
    Il fatto che alle prossime elezioni europee ci saranno probabilmente piu’ antieuropeisti che europeisti in quel parlamento puo’ essere una occasione per cominciare ad allentare la morsa e quindi per liberarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.