Nulla deve cambiare affinchè tutto resti come è

“Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”.

Questa la celebre frase pronunciata da Tancredi, il nipote prediletto del principe Fabrizio Salina, nel celebre romanzo “Il Gattopardo”, di Tomasi di Lampedusa.

Nel caso della rielezione di Mattarella a Presidente della Repubblica potremmo invece dire “che nulla deve cambiare affinché tutto resti così come è”.

Devo dire che è anche abbastanza deprimente commentare un evento così piatto e scontato, che si è consumato in un clima di generale indifferenza da parte di tutti, con l’eccezione, ovviamente, degli “addetti ai lavori” preoccupati per le conseguenze politiche e per le ricadute personali dovute alla possibile elezione di Draghi alla Presidenza della Repubblica.

La soluzione escogitata (e ampiamente prevedibile) in fondo accontenta un po’ tutti o quasi tutti, e comunque è quella che fa sicuramente meno danni per la gran parte degli attori sulla scena. Compresa e forse soprattutto Giorgia Meloni, che finge di sbraitare ma è forse quella più contenta perché così può continuare a recitare la parte dell’unica leader di una forza di opposizione, succhiare consensi alla Lega e agli ex elettori del M5S e candidarsi alle prossime elezioni politiche come leader indiscussa del centrodestra.

Il PD continua a svolgere il suo ruolo di partito garante della stabilità politica e istituzionale (nonché dell’attuale ordine sociale), ciò che resta del M5S può continuare a vivacchiare all’ombra di Draghi e del PD che gli garantiscono la sopravvivenza politica, molti parlamentari tirano un sospiro di sollievo perché così la legislatura è salva e si sono garantiti la pensione, Berlusconi ha confermato di avere ancora un discreto margine di manovra. L’unico a uscirne malconcio è Salvini, che tenta di tenere insieme un partito ormai evidentemente spaccato fra la sua anima governista (Giorgetti e governatori) e quella “populista”. Resta solo da vedere per quanto tempo ci riuscirà. Mi pare che la sua stella sia ormai al tramonto.

Mattarella ha per lo meno avuto il merito di non enfatizzare la sua rielezione. Il discorso con il quale ha accettato l’incarico da parte dei presidenti delle due camere è stato poco meno che un atto dovuto.

Il governo continuerà indisturbato con le sue politiche economiche antipopolari, repressive e guerrafondaie (in quanto membro della NATO l’Italia non può esimersi dal prendere parte alla offensiva antirussa in corso in Ucraina).

Tutto prosegue così come era.

  Quirinale, telefonata tra Draghi e Mattarella: “Opportuno che resti per il  bene del paese”

Fonte foto: da Google

         

2 commenti per “Nulla deve cambiare affinchè tutto resti come è

  1. Enza
    30 gennaio 2022 at 15:36

    Fatti ostinatamente evidenti esposti in un’ amara e asciutta sintesi.
    Draghi finirà il suo sporco lavoro come era preventivato quando fu chiamato al governo per volontà euro atlantica a sua volta subordinata alla finanza cannibale.
    Le larve dei vari partiti resteranno attaccati alla carogna dell’Italia fino a data da destinarsi.
    Contenti i gruppi di potere che hanno le mani libere per arraffare. Felici gli usurai europei.
    Noi? Noi apatici, impotenti, inermi e fottuti. Fottutissimi.

  2. Panda
    1 febbraio 2022 at 1:03

    Di là dal nome di Mattarella bisognerebbe però anche interrogarsi a fondo su una figura, quella del Presidente della Repubblica, agita ormai totalmente al di fuori di qualsiasi quadro costituzionale, senza alcuna possibilità di farne valere la responsabilità politica, benché palesemente persegua un suo indirizzo. Secondo me andrebbe abolito tout court. Ma in realtà tutta la seconda parte della Costituzione andrebbe ripensata radicalmente: la sua inadeguatezza mi pare ormai evidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.