Il partito della guerra

Ieri sera ho ascoltato Conte e Letta intervistati, separatamente, da Formigli a Piazza pulita.

La divisione fra i due è evidente nonostante le finte di corpo e i doppi salti carpiati che hanno posto in essere, soprattutto il secondo, per scongiurare una possibile rottura che potrebbe in linea (molto) teorica verificarsi la prossima settimana quando in Parlamento si discuterà l’invio di armi pesanti al governo ucraino.

Conte ha già detto che è contrario mentre Letta – ormai ridotto alla stregua di un addetto dell’ufficio stampa della Casa Bianca – se l’è cavata dicendo che lui non è un esperto di questioni tecniche e militari e di conseguenza non vuole entrare nel merito di argomenti sui quali non ha competenza. Roba da “scemo & più scemo” (noto film demenziale con Jim Carrey).

Ma proviamo a leggere dietro le righe. Conte sta cercando di smarcarsi dalla narrazione dominante (ormai però con diverse e robuste crepe al suo interno…) per diverse ragioni. Intanto perché sa che in quella maggioranza relativa (il 45%) di italiani contrari all’invio di armi c’è una buona fetta del suo elettorato.  Poi perché prova ad intercettare quell’ampio tessuto di (relativamente) piccole e medie aziende, con tutto il loro indotto, che non hanno nessuna intenzione di perdere profitti e tanto meno di chiudere i battenti a causa delle sanzioni alla Russia volute da Washington e imposte all’Europa. Infine perché Conte è vicino ad ambienti vaticani che non hanno intenzione per varie ragioni di schiacciarsi sulle posizioni del governo americano e che forse hanno anche un certo potere di condizionamento sullo stesso Papa Francesco. Quest’ultimo, infatti, era partito in quarta annunciando il viaggio a Kiev ma poi, come noto, ha fatto retromarcia, e non certo per ragioni di sicurezza.

Sostenere, da parte di Conte, di non inviare più armi all’Ucraina significa di fatto aprire una porta ad una possibile soluzione politica e allo stesso governo russo. Non a caso Letta ha ribadito con forza che il più grave errore che si potrebbe fare in questa fase è dividere il fronte perché questo significherebbe che Putin al 50% ha già vinto. Il messaggio è chiaro, al di là delle solite frasi di circostanza sulla ricerca del negoziato e della pace: con Putin non si tratta, la guerra deve proseguire, bisogna continuare ad armare gli ucraini.

Letta non ha gli stessi problemi di Conte. Il PD è il “partito di sistema” per eccellenza – diciamo pure il suo baricentro politico –  e il suo elettorato è sostanzialmente omogeneo, composto da una media (e ormai anche medio alta) borghesia “progressista” interessata al mantenimento e al rafforzamento dello status quo. Quindi un partito oggettivamente conservatore e anche reazionario, nel senso proprio del termine, interessato cioè a combattere ogni possibilità di trasformazione dell’ordine sociale.  Per queste ragioni è anche e più di altri il partito della guerra (imperialista) per eccellenza. Il sostegno aperto al fantoccio di Kiev (così come lo fu al fantoccio venezuelano Guaidò ormai scomparso dalle scene) è del tutto coerente con la sua organicità al sistema imperialista atlantico a guida USA.

Enrico Letta: "L'Ue svolta togliendo il diritto di veto, altrimenti è  ostaggio di Orbàn" - HuffPost Italia

Fonte foto: Huffington Post (da Google)

 

 

2 commenti per “Il partito della guerra

  1. gino
    14 maggio 2022 at 11:25

    “Il mondo russo è un cancro che rappresenta una minaccia mortale per l’intera Europa. Pertanto, non è sufficiente sostenere l’Ucraina nella sua lotta militare con la Russia. Dobbiamo sradicare completamente questa nuova mostruosa ideologia” (primo ministro polacco Mateusz Morawiecki in un articolo per il Telegraph).

    cioé, qua non si attacca il presidente/governo/politica/intervento russo ma il “mondo” russo. un mondo (umano) é tutto: gente, cultura, religione, usi, costumi, arte, sport, culinaria, ecc.
    giá pensare che il nostro “mondo” sia migliore di quello altrui é nazismo, figuriamoci proporci di sradicare quel “cancro”!
    siamo (improvvisamente?) tornati al 1933… e mó chi glielo dice a quell´anima ingenua di fusaro, che criticava “l´antifascismo in assenza di fascismo”?
    é un qualcosa che c´é sempre, a volte cova silenzioso ma si manifesta alla prima occasione.
    l´unica differenza é che riciccia dove in teoria non dovrebbe… ho dovuto eliminare dalla mia vita un “amico” che concorda con l´idea del polacco. ebbene quest´amico é ambientalista-rosa-arcobaleno e vota piddí.

    questa guerra ci sta mostrando chi é chi, “il nemico alle porte” (bellissimo film). la situazione é gravissima, occorre AGIRE a cominciare dal nostro circondario, isolare, boicottare e se possibile danneggiare il nemico, anche se fosse un familiare o un amico di vecchia data. depurare la nostra vita. e fangala alla “libertá di opinione” che da quel dí che mi ha stancato e tanto viene sempre e solo usata a favore delle opinioni del nemico.

  2. Carmine
    14 maggio 2022 at 12:32

    Il fantoccio di Kiev, questo termine va aggiunto al repertorio filo russo. I 5 stelle? Sul piano politico ebeti erano ed ebeti sono rimasti. Che siano governisti o anti governisti non fa differenza.

Rispondi a gino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.