Perchè siamo nati

Se non ci fosse stata la Resistenza contro il nazifascismo, che ha portato a una delle Costituzioni più avanzate del mondo (sia pure in larghissima parte disattesa), l’Italia sarebbe uscita dalla guerra moralmente e politicamente – ancor più che materialmente – distrutta, e sarebbe diventata una colonia americana a tutti gli effetti, invece di essere “soltanto” un paese a sovranità limitata in quanto membro-satellite della NATO.

La relativa (ma effettiva) autonomia politica esercitata dall’Italia in politica estera – pensiamo ad esempio al ruolo svolto durante e dopo il colpo di stato in Cile così come all’appoggio alla causa palestinese – e soprattutto nel bacino del Mediterraneo, è stata possibile grazie alla Resistenza e alle energie vitali e alle forze politiche che da essa, nel bene e nel male, sono scaturite.

Quaranta anni fa non ce ne rendevamo conto, in parte perché troppo giovani e in parte perché la fase storica era un’altra e volevamo combattere e superare quel contesto politico (non che non ne avessimo le ragioni…).

L’attuale condizione di sudditanza e subalternità in cui il paese si trova, sia in quanto membro dell’UE che della NATO, non potrà mai essere superata se non ci sarà un nuovo grande sussulto morale, ideale e politico da parte della maggioranza del popolo, nel nome dei valori (che non moriranno mai, mi dispiace per i cantori della “fine della storia”…) della democrazia, dell’eguaglianza, del superamento della divisione in classi e del socialismo.

A tal fine è necessario costruire un nuovo, grande e moderno (cioè adeguato ai tempi) soggetto politico, di classe e socialista, in grado di leggere e interpretare correttamente la realtà e di svelare la sovrastruttura ideologica che, in tutte le sue articolazioni, serve a coprire, giustificare e considerare insuperabile l’attuale forma storica del dominio sociale (capitalistico).

Questa è la ragione per cui è nato questo giornale. Questa è la sua vera finalità. A questo lavoriamo.

Buon Natale e Buone Feste a tutti.

Immagine correlata

Fonte foto: da Google

 

 

4 commenti per “Perchè siamo nati

  1. Gian Marco Martignoni
    24 dicembre 2018 at 21:44

    E’ difficile oggi sintonizzarsi con qualcosa di serio a sinistra : ma grazie a sinistrainrete.info si possono fare degli incontri inaspettati, e riprendere un discorso razionalmente marxista ed anticapitalista .Un sentito grazie alla redazione per la bontà dell’ encomiabile lavoro quotidiano di informazione e formazione, giacchè, stante quanto è avvenuto dopo l’89, è più che necessaria una nuova alfabetizzazione marxista.

    • Fabrizio Marchi
      25 dicembre 2018 at 16:46

      Mi fa molto piacere che apprezzi il nostro lavoro, Gian Marco.
      Un caro saluto.

  2. GUIDO
    26 dicembre 2018 at 11:49

    Ottima idea Fabrizio. Anch’io sono nell’editoria, se vuoi, se lo ritieni utile,
    possiamo collaborare.

    • Fabrizio Marchi
      27 dicembre 2018 at 9:38

      Nessun problema, scrivimi sulla nostra email e ne parliamo.

Rispondi a Fabrizio Marchi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.