Un plauso alla Raggi

Risultati immagini per Raggi:No alle Olimpiadi immagini

Foto: www.ecodibergamo.it

Standing ovation, come si suol dire (“Quando ce vò, ce vò” si dice a Roma…), per la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che pure non abbiamo mancato di criticare duramente in altre recenti occasioni, che ha detto un no netto e definitivo alle Olimpiadi del 2024.

Il no della Raggi è un no all’ulteriore cementificazione selvaggia di Roma, all’inevitabile distruzione di un’altra parte dell’Agro romano, all’ edificazione di opere inutili e costosissime (ricordiamo l’incredibile flop con tanto di sprechi, speculazioni e cattedrali nel deserto dei mondiali di calcio del ’90), allo stravolgimento ambientale e urbanistico di una città già ampiamente dissestata e saccheggiata da settant’anni di amministrazioni democristiane, di centrosinistra e di destra (con l’unico positivo intermezzo delle giunte di sinistra guidate da Argan, Petroselli e Vetere a cavallo tra gli anni ’70 e ’80).

Ma è soprattutto un no al quel blocco di potere che incombe su Roma e che ha fatto il bello e il cattivo tempo da settant’anni a questa parte, formato da costruttori, giornali (di loro proprietà), banche, Vaticano, burocrazia varia, “partiti di governo”, lobby affaristiche, faccendieri di ogni genere e grado e vere e proprie organizzazioni criminali.

Per una volta quel sistema di potere è stato preso a schiaffoni. Il che non è poco, e quello che è ben fatto, è giusto che venga riconosciuto. Vedremo quali saranno le prossime mosse dei “soliti noti”. Perché quella non è gente che si dà per vinta.

 

 

1 commento per “Un plauso alla Raggi

  1. raffaella
    22 settembre 2016 at 12:49

    Che soddisfazione!!! Ora pero” dobbiamo sorbirci il vittimismo di tutto lo staff del Coni , del MalaGo( partito male) in primis, che denuncia in ogni intervista e trasmissione sportiva la “scorrettezza” della Raggi che non si e” presentata al meeting…ma come si permette!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.