Corbyn messo in riga da Israele?

La vittoria di Jeremy Corbyn, alla guida del Partito laburista britannico, è stata letta da molti analisti – fra cui anche Gilad Atzmon – come un chiaro messaggio dei lavoratori britannici alla elite globalista, i popoli sono stanchi dell’arroganza padronale e soprattutto il mantra israelo-centrico non funziona più, le nuove generazioni non vogliono sottostarvi affatto, queste parole – fra le righe – avremmo potuto leggervi. In effetti Corbyn di posizioni coraggiose, dallo scioglimento della NATO alla condanna dei crimini israeliani, ne ha prese eppure, proprio ora che il suo “turno ’al governo’’ si avvicina pare tornare indietro: siamo di fronte all’ennesimo tradimento da parte di una forza della socialdemocrazia europea ?

Jeremy Corbyn, proprio qualche giorno fa, ha ribadito l’urgente necessità di trovare un dialogo alla pari con i movimenti di Resistenza islamici – Hamas ed Hezbollah – che porti alla pace duratura in Medio Oriente. Nulla da aggiungere, si tratta senza ombra di dubbio di una posizione coraggiosa per un leader occidentale – il riconoscimento delle Resistenza palestinese e libanese – posizione che, rileviamo dispiaciuti, non coincide con la sospensione di 50 attivisti dal Partito laburista accusati ingiustamente ( è una novità ?) di ‘antisemitismo’. Qual è il vero Corbyn: il militante coraggioso che riconosce Hamas e gli Hezbollah allungandogli la mano oppure quello  che allontana in modo antidemocratico gli attivisti antisionisti ?

Fra i militanti sospesi abbiamo l’attivista musulmana Naz Shah la quale scrisse su facebook: ‘’la soluzione per il conflitto israelo-palestinese: trasferire Israele negli Usa’’ 1 e l’ex sindaco di Londra Ken Livingstone, uomo di sinistra, capace di denunciare pubblicamente la collaborazione del movimento sionista con la Germania nazista negli anni’30 e ’40. Domanda: la Shoah è avvenuta in Europa, perché i palestinesi debbono continuare a pagare per i crimini commessi da altri ( e sappiamo che Hitler fece ottimi affari con le multinazionali statunitensi ) ?

Cosa avrebbe detto di sbagliato Livingstone ? I sionisti dalla memoria corta si sono forse dimenticati il Decreto del reich 54/33 del 10 agosto 1933 che autorizzava l’emigrazione in Palestina degli Ebrei Tedeschi provvisti di un “certificato capitalista” ? La collaborazione fra nazisti e sionisti di destra ( ma non solo di destra ) si è estesa su tutti i piani – politico, militare ed economico – a dispetto degli ebrei progressisti, prima perseguitati e poi sterminati nei lager. Lo storico antimperialista Edwin Black – autore della ricerca storica L’IBM e l’Olocausto – si spinse, forte d’una mole immensa di documenti pubblicati, a definire Adolf Hitler come il vero fondatore d’Israele. Fra i documenti raccolti abbiamo anche una medaglia commemorativa della collaborazione tra sionisti tedeschi ed il governo hitleriano 2.

Corbyn – che conosce benissimo queste problematiche – perché si è (ri)allineato sulle posizioni della lobby sionista ? Fra gli ‘’epurati’’ abbiamo anche David Watson, militante vicinissimo a Corbyn, per aver dichiarato ‘’si yo fuera un palestino, como la mayoría de la gente (…), hubiera querido ser un combatiente y liberar a mi pueblo de una ocupación brutal y opresiva’’ 3. Il Labour – e Corbyn – verranno schiacciati dalla lobby israeliana ? Duole dirlo ma le sue capacità di resistere, dopo quello che ha fatto vedere sino ad ora, sembrano scarse.

 L’imperialismo israeliano entra nella NATO…

L’Alleanza Atlantica riconoscerà un rappresentante ufficiale di Israele e garantirà una sede al governo israeliano all’interno del quartier generale della NATO a Bruxelles. Un comunicato ufficiale ci conferma questa pessima notizia: “L’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord ha accettato la richiesta per la presenza stabile di un funzionario israeliano presso la sede della NATO”. L’Alleanza precisa che “Israele non è un membro a pieno titolo, ma è ufficialmente accreditato presso la NATO, con una missione permanente come un partner” 4. Israele – già molto influente tramite le lobby sioniste – vuole avere il monopolio delle questioni militari in seno agli Stati capitalistici europei ed ovviamente gli Usa: per quale ragione ?

Lo ‘’Stato per soli ebrei’’ ha ripreso a martoriare il popolo palestinese colpendo, come sempre, civili inermi. Le minacce all’Iran non paiono cessare e negli Usa anche il ‘’duro’’ ( forte coi deboli ) Donald Trump si è trasformato in un cagnolino della lobby ‘’made in Tel Aviv’’. Il sociologo marxista James Petras ha dimostrato – Usa: padroni o servi del sionismo ? – come l’imperialismo statunitense abbia perpetrato in Irak una guerra d’aggressione neocoloniale col solo intento d’assecondare i falchi likudisti. Si prepara, per il 2017, uno scenario simile con la Siria oppure con l’Iran ? Il generale israeliano, Yair Golan, ha dichiarato che ci sono ‘’tracce’’ di ‘’tendenze raccapriccianti della Germania nazista in Israele’’ 5,

Israele entra nella NATO e Corbyn, l’uomo che chiedeva lo scioglimento dell’Alleanza Atlantica, si allinea, umiliandosi, alla lobby sionista, diktat autoritario dopo diktat autoritario. Uno scenario peggiore non potevamo proprio immaginarlo.

http://www.hispantv.com/newsdetail/el-reino-unido/254386/partido-laborista-suspender-50-comentarios-antisemitas

http://storiasoppressa.over-blog.it/tag/sion%5Bfasc%5Dismo/

http://www.hispantv.com/newsdetail/el-reino-unido/254799/partido-laborista-suspende-comentarios-anti-israel

http://it.sputniknews.com/politica/20160505/2616800/israele-nato.html#ixzz47y0mxogO

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=15536

2 commenti per “Corbyn messo in riga da Israele?

  1. Emma Click
    11 maggio 2016 at 23:05

    Ho letto questo articolo di Wikipedia su George Soros… Sono rimasta un pò sorpresa da ciò che c’è scritto… https://it.wikipedia.org/wiki/George_Soros

    ciao..

  2. Stefano Zecchinelli
    13 maggio 2016 at 18:26

    Emma, la storia contemporanea e la politica internazionale non si studiano su Wikipedia come, troppo spesso, fai tu od almeno dai l’impressione di fare. Ciao !

Rispondi a Emma Click Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.