Il Giro. Magnifica opportunità per BDS

Immagine correlata

Fonte foto: radioenriquetorres.blogspot.com (da Google)

 

Il governo italiano ha voluto giocare “duro”, ponendosi all’avanguardia del movimento sionista ben radicato in Europa. Il “Giro d’Italia” nella Palestina occupata. Ha saputo precedere i tanti “saltimbanchi” 1) che sguazzano nel decrepito Continente.
Il Gentiloni, istruito a dovere dagli organizzatori del “Giro” e particolarmente dal direttore Mauro Vegni, sa quanto sia popolare e amata la “corsa di tre settimane” non solo dai tifosi del pedale ma dalla “gente” che rimane affascinata dallo sforzo immane di tutti i “girini”. 2) La fatica che si legge nei volti madidi di sudore ed emaciati li fa sentire “vicini” agli spettatori. E, forse, unico tra gli sport, il ciclismo su strada, il “tifo” è per tutti gli atleti. Per i campioni( Nibali, Uran, Aru, Quintana…) qualcosa in più.
Sono milioni gli appassionati che seguono la “corsa rosa”. Alla radio, in TV, sul computer ma sopratutto a piedi, in bicicletta, sui camper.
Per i Sionisti israeliani, italici, europeidi l’occasione è ghiotta per rendere legittima davanti al popolo l’esistenza di Israele, per far conoscere i grandi progressi tecnologici compiuti e le difficoltà estreme per far sorgere la democrazia in terreni aridi dove non abitavano popoli ma solo dei beduini di passaggio 3).

Vedremo, nelle anteprime, nei programmi speciali, nei telegiornali, tanta bella gioventù israeliana, le città costruite sui cimiteri (di cui nessuno parlerà), Gerusalemme che sarà dipinta come eterna “città santa” ebraica.
Voci di opposizione si sentiranno ma ai margini dello spettacolo e saranno sovrastate da ore di dibattito tra “esperti” sionisti. Nei tre giorni israeliani assisteremo ad un gigantesco afflusso di persone che piangeranno ipocritamente sulle vittime dello Shoah. Non mancheranno le interviste ad attrici e ad attori sionisti. Una kermesse che credono di aver già vinto.

Spetta agli attivisti, ai militanti di BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) rompere il giocattolo creato per Israele. Far arrivare le telecamere di tutto il mondo può comportare un effetto boomerang perché si andrà a curiosare dove non è possibile inoltrarsi. Verranno intervistati palestinesi che dovranno curare di non farsi individuare. Con loro si potrebbe arrivare a parlare di Haifa, città molto popolosa e ricca di attività produttive, ben inserita nelle vie del commercio, città che conobbe la deportazione di quasi tutti i suoi abitanti.
Si potrebbe arrivare a ricordare che sui cimiteri antichi di cristiani e arabi sono sorte delle città…

Il “Giro” in terra di Palestina, posto su un ampio vassoio d’argento, davanti al governo dell’apartheid, deve diventare una sconfitta per il sionismo, se si sapranno giocare le carte che si hanno in mano. E bisogna giocarle bene queste carte. Perché il popolo della Palestina non rimarrà fermo. Continuerà la sua lotta in Cisgiordania, a Gaza, nello stesso territorio palestinese del Paese che lo sta occupando illegalmente: Israele.
La partita è tutta da giocare. E noi dobbiamo sconfiggere l’arroganza del governo italiano e di quello israeliano.
Dobbiamo vincere. Dipende solo da noi.

NOTE
1) Tutto il mio rispetto per i saltimbanchi di professione
2) Non credo che si faccia onore ad un grande personaggio come Gino Bartali inserirlo in questo fetido budino
3) lo slogan razzista e imperialista che ha circolato colpevolmente nelle istituzioni internazionali:un popolo senza terra(i sionisti appunto) e una terra senza popolo(i Palestinesi)

2 commenti per “Il Giro. Magnifica opportunità per BDS

  1. ndr60
    20 settembre 2017 at 11:57

    In effetti sono sobbalzato dalla sedia quando ho sentito la notizia, e mi sono subito chiesto (retoricamente) che effetto avrebbe fatto il Giro nei bantustan del Sudafrica dell’apartheid. Peccato che nessun dirigente politico sudafricano ci abbia pensato, all’epoca; forse avrebbe dovuto acquisire la doppia nazionalità e farsi eleggere deputato al Parlamento italiano.

    https://it.wikipedia.org/wiki/Yoram_Gutgeld

  2. Gianfranco
    10 dicembre 2017 at 2:15

    Da ignorante: qualcuno mi spieghi che diavolo c’entri nel Giro d’italia che appunto è una gara su strada che attraversa l’italica penisola, la Palestina.

    Mi rispondo da solo: la solita leccata di deretano…

Rispondi a Gianfranco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.