Guerra spaziale prossima ventura?

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Chi ha compiuto tanti errori può fermarsi?

“…un uomo fatto come tutti gli altri…inventerà un esplosivo incomparabile…ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri…ruberà tale esplosivo e s’arrampicherà al centro della terra…ci sarà un esplosione che nessuno udrà e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie” 1)
Con questo presagio si conclude il capolavoro di Italo Svevo, ancora scosso dagli esiti della “grande guerra” e consapevole che il futuro sarebbe stato ancora più funesto.

Gli Stati Uniti, o per lo meno le loro classi dirigenti, hanno saputo incarnare, forse con più sapienza di qualsiasi altro popolo, la pulsione di morte, lo spirito di distruzione e di autodistruzione presente in ogni essere umano.

Pearl Harbour. Come si può spiegare altrimenti il massacro preventivato di tremila persone? F. D. Roosevelt (tanto amato dalle ingenue sinistre nostrane per il suo spirito liberale) sapeva dell’attacco dell’aereonautica giapponese ma non avvisò del pericolo la base e non allertò nessun piano di difesa in modo che il Giappone risultasse palesemente aggressore e gli Stati Uniti fossero perciò chiamati a ricostituire l’ordine internazionale. Hollywood sfruttò appieno il disastro di Pearl Harbour con film di buon livello artistico 2) oppure con paccottiglia patriottarda e trionfalista. La dichiarazione di guerra fu accolta, come previsto, con entusiasmo dalla popolazione americana inviperita ( secondo i desiderata di Roosevelt ) e in gran parte pronta ad arruolarsi 3).

Hiroshima e Nagasaki. Truman fece credere che l’attacco atomico fosse necessario per risparmiare la vita di tanti soldati americani minacciati dai kamikaze giapponesi. Due tragedie sconsigliate dagli stessi vertici militati e dall’intelligence. Il Giappone era già sconfitto. L’imperatore aveva già preannunciato un importante e doloroso discorso alla nazione sulle reti radiofoniche. Stalin, come concordato con lo stesso Truman, aveva spostato parte dell’Armata rossa sulle coste del Pacifico. L’esercito popolare di Mao aveva ormai cacciato dalla Manciuria le armate giapponesi mentre le forze navali e quelle aereonautiche erano alla deriva,
Un eccidio, oltre che criminale, militarmente inutile.
Ma due obiettivi li aveva. Il primo: ridurre il Giappone in uno stato di sottomissione politica e militare assoluta. Il secondo: dopo un test riuscito così bene, intimorire Stalin e i rivoluzionari coreani. Churchill propose di cogliere l’attimo e di bombardare con l’atomica Mosca ma l’indignazione popolare negli Stati Uniti per il genocidio in Giappone sconsigliò Truman di un’azione immediata. I Coreani comunque non si intimorirono e Stalin riuscì a produrre la Bomba prima che passasse un anno, ristabilendo l’equilibrio di forze.

11 settembre 2001 New York. 3.000 persone sacrificate alla strategia geopolitica di dominio universale di Brzezinski e all’operatività dei vertici politici della Casa Bianca e delle alte gerarchie militari. I Boeing 707 “schiantati” contro le torri gemelle erano presumibilmente dei droni e il crollo repentino dovuto ad un processo di demolizione controllata. Molti testimoni assicurarono di aver sentito durante la caduta suoni da esplosioni. E la terza torre? Se ne parla poco perché non rientra bene nello schema dell’attacco aereo. Si affloscia di sera in pochi secondi. La chiamerei una perfetta demolizione controllata. L’attacco al Pentagono? Dai danni tutto può sembrare tranne che sia stato un Boeing 707. E poi la bufala dell’aereo fatto precipitare per l’eroico intervento dei passeggeri, bufala sfruttata abilmente da Hollywood per dimostrare come pacifici cittadini al momento buono, memori di John Wayne e di Clint Eastwood, siano capaci di diventare degli eroi. Il luogo dove l’areo sarebbe dovuto precipitare si è trovato ma non ci sono nè l’aereo né i corpi . Solo una buca. Chi difende la tesi ufficiale ritiene che l’aereo sia andato sottoterra ed ora è ricoperto dalla buca 4).
Come a Pearl Harbour difesa non allertata.
Obiettivi di questo maxiassassinio sono noti. La guerra infinita contro il terrorismo, gli stati complici, i perfidi dittatori. Afghanistan, Iraq, Libia, Siria…Genocidi e rapina di risorse energetiche. Non mi soffermo su queste iniquità su cui tante volte mi sono espresso e su cui ritornerò.

Ma chi ha compiuto tanti orrori può fermarsi?

Non avverrà al centro del pianeta l’esplosione “incomparabile” di cui parla Italo Svevo…il pericolo “incomparabile” può arrivare invece dallo spazio. Nonostante Cina e Russia avessero chiesto nel 2008 ” un accordo internazionale per impedire il dispiegamento di armi nello spazio…Prima l’amministrazione Bush poi quella Obama si sono rifiutate di aprire una trattativa in tal senso” 5). Gli States, sicuri di essere davanti a tutti nella ricerca scientifica sugli armamenti spaziali, hanno snobbato le altre superpotenze in fieri e hanno proseguito in modo spregiudicato per “organizzare e addestrare forze in grado di prevalere in qualsiasi futuro conflitto che possa estendersi nello spazio” 6). La prevalenza militare nello spazio assicurerebbe un attacco nucleare con esiti sicuri per gli USA, perchè congiunto con “l’acceccamento” dei sistemi di difesa e dei satelliti nemici impedirebbero una qualsiasi reazione al “first strike”. Sulla terra, l’armamento tradizionale fornito di sistemi laser e superlaser annienterebbe qualsiasi difesa. Per le alte gerarchie americane in tal modo non ci sarebbe in Occidente il terribile spargimento di sangue paventato dalla popolazione. Al massimo qualche centinaio di milioni di morti…ma tutti in Asia.

La guerra mondiale che ha interessato finora le periferie non avverrà in tempi brevi… ma credo che avverrà…e non sarà come presuppone il Pentagono : li distruggeremo, come un tempo abbiamo fatto con nove milioni di pellerossa. La Cina 7) e la Russia saranno in grado di reagire…ed allora il conto dei morti sarà ben più elevato…
Mi auguro ovviamente che le mie previsioni siano del tutto sbagliate come quelle di Italo Svevo…auguri a tutti

NOTE
1) Da Italo Svevo ” La coscienza di Zeno” in “Opere” Dall’Oglio 1964
2) ” Da qui all’eternità” con un cast di rilievo. Burt Lancaster, Deborah Kerr, Montgomery Clift, Frank Sinatra…
3) Massimo Mazzucco ” 11 settembre. La nuova Pearl Harbour” in “you tube”
4) Massimo Mazzucco, testo cit.
5) Manlio Dinucci ” Star wars. Dalla fiction alla realtà” in “Il manifesto 20/6/2017
6) Manlio Dinucci, testo cit.
7) I militari cinesi ritengono che gli Americani dipendano troppo da sofisticati sistemi di comunicazione, perciò con attacchi informatici e contromisure elettroniche possono distruggere gli apparati informatici yankees con conseguente paralisi dell’azione militare nemica. Vedi in proposito Sputnik “Il confronto militare nello spazio è quasi inevitabile” 15/8/2015

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto e acqua

1 commento per “Guerra spaziale prossima ventura?

  1. Chiara Dordoni
    29 giugno 2017 at 15:58

    Un pò fantascientifico??!!
    Può essere tutto vero o tutto falso
    Lo dico da nichilista
    Mi rendo conto che viviamo in un gran teatro del Gran Guignol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.