La madre degli ipocriti è sempre incinta

Risultati immagini per portaerei USA nel Pacifico immagini

Portaerei USA nel Mar Cinese meridionale

Foto: archive.piovegovernoladro.info

Non sono un simpatizzante della Cina e non penso affatto che quel paese sia sulla via della costruzione del socialismo, come sostengono alcuni. Al contrario, penso che la Cina sia un paese capitalista, anche se non (o non ancora) imperialista, sia pure con caratteristiche proprie inevitabilmente determinate dal contesto storico e culturale di quel paese. Lo stesso identico discorso può essere fatto per altri paesi e altri contesti, sia pure culturalmente completamente diversi fra loro; dalla Russia all’Arabia Saudita, dal Qatar alle Filippine, dall’Indonesia al Giappone, dalla Thailandia al Kuwait e via discorrendo.  Del resto il capitalismo è il sistema economico o, se preferite, il rapporto di produzione dominante a livello planetario, anche se io credo che ormai sia molto di più di questo data la sua straordinaria capacità di occupare, condizionare e addirittura plasmare le menti delle persone. Naturalmente, mi guardo bene dal semplificare o dal fare di ogni erba un fascio e sono perfettamente consapevole della complessità del tema che mi riprometto di affrontare in altro momento.

Per ora, l’oggetto della breve riflessione è un altro.

Mi sono imbattuto, del tutto casualmente, in questo articolo: http://www.linkiesta.it/it/article/2016/09/30/le-isole-artificiali-cinesi-possono-diventare-un-grosso-problema-per-i/31941/

Ora, al di là del parallelismo del tutto improvvido, fuori luogo e decisamente stucchevole sotto ogni punto di vista con il nazismo (la tesi è che i cinesi stiano alla ricerca del loro “spazio vitale” come i nazisti nel secolo scorso…), l’articolo è da guinness dei primati per quanto riguarda il tasso di ipocrisia.

Si rimprovera alla Cina – che non dispone di nessuna base militare fuori dei propri confini –  di aver costruito alcune isole artificiali nelle proprie acque territoriali dove verrebbero dislocate delle postazioni militari dotate di sistemi missilistici in grado di raggiungere le (innumerevoli) basi e portaerei strategiche americane in Asia e nel Pacifico. Tutto ciò anche se il governo cinese ha smentito di voler militarizzare quelle isole.

Anche ammettendo che Pechino racconti una balla e che effettivamente l’intenzione sia quella di voler adibire quelle isole ad avamposti militari (cosa peraltro del tutto legittima dal momento che si tratta delle loro acque territoriali), suona ipocrita e falso anche solo l’aver sollevato la questione.

Gli USA sono un impero mondiale, dispongono di circa un migliaio di basi militari dislocate in tutto il mondo (di cui qualche centinaio in diversi paesi satelliti asiatici proprio con lo scopo di circondare la Cina), senza contare la sua enorme flotta di portaerei e sommergibili nucleari (a cui si debbono aggiungere gli eserciti e le flotte delle potenze alleate, a cominciare dalla Gran Bretagna, dalla Francia e da Israele) e si ha pure la faccia tosta di “denunciare” la presunta ricerca di “spazio vitale” da parte della Cina, e sul proprio territorio!

Siamo veramente alla frutta, come si suol dire. O meglio, siamo alla vera e propria costruzione di una realtà artificiale o immaginaria da parte dei media. E il bello (si fa per dire…) è che il giornale in questione si definisce “indipendente, libero da ideologie e da posizioni precostituite”:   http://www.linkiesta.it/it/chi-siamo/

E va bè, non ci aspettiamo nulla di diverso, però per lo meno si abbia il buon gusto di non parlare di indipendenza e di ammettere che si sta portando acqua al proprio mulino.

2 commenti per “La madre degli ipocriti è sempre incinta

  1. armando
    7 ottobre 2016 at 12:54

    Gli Usa si comportano come Trecoppe, quello che si lamentava del fatto che l’avversario non stava buono buono a farsi infilzare a fil di spada. Se non fosse una cosa pericolosissima e se la credulità o più facilmente la malafede di chi si presta a non smascherare questo atteggiamento non fosse anch’essa molto pericolosa perché tendente ad ingannare le pubbliche opinioni, verrebbe semplicemente da ridere.

  2. Alberto
    10 ottobre 2016 at 13:45

    Totalmente d’accordo con l’articolo, ma sopratutto la falsita’ dell’affermazione che la Germania nazista abbia occupato I paesi dell’europa centrale (polonia e cecoslovacchia)quando gli storici indipendenti e seri che non fanno parte della cricca venduta della storiografia ufficiale, sanno che la germania e dovuta intervenire in polonia e nei sudeti perche I governi di quei paesi stavano MASSACRANDO E AMMAZZANDO I TEDESCHI CHE VIVEVANO NELL’EUROPA CENTRALE per provocare e per dare inizio alla 2guerra mondiale..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.