I referendum nel Donbass

La lunga guerra del Donbass, in corso da otto anni, porta le gravi responsabilità di Kiev, di Mosca e di Washington, nonché dell’Unione Europea responsabile di essere rimasta spettatrice di un disastro annunciato. La questione dell’autonomia o dell’indipendenza delle repubbliche del Donbass, la cui popolazione russa e russofona è stata vittima della durissima repressione e dell’esplicita discriminazione di Kiev (molto eloquentemente il governo Poroshenko, fomentato dagli Stati Uniti e dell’occidente per infiammare la situazione rinfocolando le gravi tensioni tra Russia e Ucraina, gestì la situazione del Donbass sotto l’etichetta dell’anti-terrorismo) doveva essere posta e affrontata tempestivamente. Quanto al fatto che la Crimea sia russa per conto mio non dovrebbero nemmeno esserci discussioni.
Non sono affatto certo che la scelta della Russia di convocare ora i referendum sullo status del bacino del Donbass (che le relative popolazioni russe avevano peraltro chiesto già all’indomani dell’analogo referendum svoltosi in Crimea nel marzo del 2014) sia la più opportuna, anche se dal suo punto di vista potrebbe rappresentare una exit strategy per capitalizzare le posizioni raggiunte e chiudere il conflitto come la esortano a fare anche i suoi alleati nell’area BRICS e la Turchia.
L’UE e gli Stati Uniti, invece di condannare “fermamente” il “referendum farsa”, che ovviamente si svolgerà in una situazione militarizzata, dovrebbero, al contrario e proprio per questo, contribuire a legittimarlo. È quello che farebbero UE e Stati Uniti se volessero agire in direzione della conclusione del conflitto, non condannando i referendum ma entrandovi congiuntamente come osservatori con forze internazionali preposte, per poi accettarne il risultato. Il muro contro muro ai referendum porta alla prosecuzione del conflitto. Forse il principio di autodeterminazione che ci piace tanto va bene solo quando conviene?
Bisognerebbe leggere la Repubblica ogni giorno per sapere con certezza quale sia la strada da NON seguire perché porta alla catastrofe e alla prosecuzione della guerra.
Ucraina, le bandiere delle repubbliche separatiste filorusse del Donbass.  FOTO | Sky TG24
Fonte foto: Sky Tg24 (da Google)

1 commento per “I referendum nel Donbass

  1. Giulio Bonali
    22 settembre 2022 at 8:37

    Certo, il diritto di autodeterminazione per l’ imperialismo occidentale va bene solo quando gli conviene: repubbbliche nate dalla distruzione della Yugoslavia, Cossovo, Ucraina stessa (anche se in questo caso non si tratta nemmeno di autodeterminazione ma di secessione perpetrata da una minoranza al potere contro la volontà popolare, avendo anche là stravinto l’ opzione della conservazione dell’ URSS unita nell’ unico referndum liberissimamente e correttissimamente svolto in proposito).
    Come ogni e qualsiasi degli altri “diritti umani” che falsissimamente e ipocritissimamente agita ogni volta che deve in qualche modo giustificare agli occhi delle popolazioni metropolitane sistematicamente ingannate e affabulate il suo terrorismo e le sue guerre di aggressione condotte in violazione di tutte le convenzioni internazionali per la tutela delle popolazioni civili e degli stessi militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.