Siria: Francesco delude anche i cristiani

Nessuno ha mai raccontato, presumo, a Papa Francesco di una donna cristiana violentata per nove ore e poi lapidata, ovviamente in quanto impura, da un banda di terroristi, amici dell’Occidente, di quell’Occidente di cui si è fatto portatore, con una lettera inviata, mediante il cardinale Turkson, al Presidente Assad, appunto Francesco Bergoglio.

E naturalmente presumo che nessuno gli abbia accennato al bombardamento giorno e notte delle cittadine cristiane di Mhardeh e di Squilibyeh ad opera dei jihadisti di Idlib dove seminano morte e tortura tra i civili 1). E neanche ai soprusi subiti dai Curdi nelle terre dove hanno da “sempre” abitato.

Altrimenti, se fosse stato informato, presumo che si sarebbe rivolto non ad Assad perché cessassero le violenze contro i civili e contro le donne ma alle cancellerie europee, a quella yankee, a quella sionista, a quelle del Golfo, Se non altro perchè da nove anni devastano Siria e Medio Oriente, affidando a giornaisti vili e cialtroni il racconto delle loro gesta, attribuendole ovviamente a chi le subisce.

Perchè il femminicidio di cui l’Occidente imperiale si lamenta tanto come se non fosse esso stesso responsabille con i suoi rituali di dominio, di prevaricazione, di possesso, di concorrenza spietata…ebbene il femminicidio che è cosa orrenda dalle nostre parti, ma occasionale, affidato a personalità disturbate o psicopatiche, di là in Siria, in Palestina, nello Yemen, è organizzato scientificamente e stronca vite umane non nell’ordine di qualche unità ma nell’ordine di migliaia di persone, vuoi con le bombe, vuoi con la fame, vuoi con le malattie, senza trascurare le decapitazioni, le impiccaggioni e le lapidazioni molto in voga tra la feccia jihadista, molto amica dell’Occidente che, in cambio dei loro grandi servigi, rifornisce di armi, di droghe, di denaro..

Così Franceso va a chiedere ad un Capo di stato assediato di porre fine alle violenze che impone ad un popolo che, per sua fortuna, è protetto dai jihadisti e dall’Occidente. Va a chiedere di non attaccare Idlib per non distruggere ospedali, scuole, panifici 2), per non porre a rischio la vita dei civili che con il regime dell’emirato di Al-Qaeda a con la protezione del Sultano turco sono al sicuro da morte e torture.

Così Papa Francesco conferma la sua strategia geopolitica non dissimile nelle sue linee di fondo da quella neoliberista dell’elite globalista sia pure con un orientamento di leggera apertura ad un sistema multipolare, evidenziando, al di là delle parole e della retorica, ancora una volta una pesante sordità rispetto alle richieste che vengono dal suo stesso mondo cattolico. Non solo le più alte autorità della chiesa siriana hanno più volte protestato contro la violenza dei mercenari jihadisti e contro l’ipocrisia mediatica dell’Occidente, ma anche suore, preti ordinari semplici fedeli hanno fatto sentire la loro voce. Anche durante l’incontro Turkson-Assad. Non si sono sentite risposte.

L’attacco ad Idlib frattanto non ci sarà. Almeno così pare dalla agenzie siriane. il governo ha concordato una tregua, a patto che i terroristi e le armi pesanti si situino a venti Km. dalla linea della zona di de.escalation3). Ragioni umanitarie ma soprattutto politiche e militari.

NOTE
1) Vedi in particolare sulle sofferenze del popolo cristiano in Siria “Vietato parlare”
2) Ho già segnalato in altra occasione l’indecente relazione di Mark Lowcock, segretario generale degli affari umanitari dell’ONU, che individua nell’aviazione siriana e russa i responsabili di tali indegne devastazioni
3) MahmodHamway “Vietato parlare” 2/8/19

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute e spazio al chiuso

1 commento per “Siria: Francesco delude anche i cristiani

  1. alessandro verona
    3 agosto 2019 at 9:08

    certamente è stato mal informato o c’è qualcuno dei suoi consiglieri venduti che lo hà convinto a dar credito alle falsità diffuse dai media occidentali.ma credo si onformerà meglio e non tarderà a sostenere chi hà ragione. forza assad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.