Gino Strada

Gino Strada era un umanista, cioè un uomo che ha vissuto per aiutare gli altri, per alleviare le sofferenze degli altri. Al di là di alcune divergenze politiche che possono essersi verificate, Gino Strada era fondamentalmente un uomo che faceva del bene, del bene concreto; era un uomo che salvava vite o consentiva a persone che erano state orribilmente colpite dalla guerra, di sopravvivere in condizioni migliori. E scusate se è poco. Ce ne fossero a migliaia e migliaia di uomini come lui.
Certo, oggi tutto il circo mediatico e politico lo celebra ipocritamente, a cominciare da Draghi e Mattarella. Quello stesso circo mediatico e politico corresponsabile di quelle guerre imperialiste che provocavano e provocano quelle sofferenze che Gino Strada cercava di alleviare.
Anche quando era in vita quel circo mediatico lo ha strumentalizzato e non sono In grado di dire quanto lui sia stato in grado di evitare quella strumentalizzazione. Ma questo è un altro discorso, di cui lui non è responsabile. Non ho mai visto nelle sue interviste e nelle sue apparizioni in televisione un’ombra di quel narcisismo che traspare da tutti quelli che calcano le scene mediatiche.
Non posso che parlare bene di lui. Una volta lo conobbi durante un convegno, lo avvicinai per intervistarlo e lui mi rispose con la stessa cortesia con cui si risponde ad un amico di lungo corso che ti invita a prendere un caffè al bar.
Che altro dire. Che ne nascano altri cento, mille, come lui.
Che la terra ti sia lieve, Gino, se esiste un Cielo da qualche parte, di certo, sarai collocato nel posto giusto, quello che ti compete. Senza nessuna retorica.
Gino Strada: "Calabria, sono disponibile ma chiedo garanzie. Decida il  governo" - la Repubblica

2 commenti per “Gino Strada

  1. Alessandro
    13 agosto 2021 at 20:11

    Uomo di straordinaria coerenza, sempre dalla parte degli ultimi a prescindere. Che abisso con i cosiddetti progressisti, quelli dello ius soli, dell’accoglienza pelosa dei migranti, e al tempo stesso dei bombardamenti a tappeto in Afghanistan, quelli che predicano dai salotti buoni, lui che è sempre stato in mezzo alla sofferenza vera, in mezzo alla polvere, in mezzo alle bombe, in mezzo alle epidemie mortali per dare una mano concreta, non chiacchiere per darsi arie.

  2. Enza
    13 agosto 2021 at 20:48

    Ricordo asciutto, senza fronzoli come lo é stato lui. Un uomo, semplicemente un uomo.
    Non ci è dato sapere nulla del dopo…. A noi basta sapere che qui è passato spargendo bene. Per questo sia benedetto sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.