Ci sono tanti tipi di pesce azzurro…

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Sbagliato credere che le sardine siano il solo pesce azzurro. Vi sono anche gli sgombri, i maccherelli, i sugheri, le fichemaschie ed altre tipologie.

Il pesce azzurro è un prodotto sano ed economico, ultimamente rivalutato ed è ricco di OMEGA 3. Purtroppo altrettanto non si può sostenere nella sua diciamo……allegoria politica. Nel paese di ACCALAPPIACITRULLI, dove almeno 4 italiani su 10 vivono nel passato e credono ancora di essere nel 1945, nonostante subiscano, almeno in maniera consistente dal 1992, dopo una preparazione che risale alla seconda parte del 1978, il peggio del peggio in ogni campo.

Roma Capitale è in un certo senso la sintesi spettacolare di tale tendenza. Cio’ che è avvenuto a Roma, dovrebbe suggerire ai suoi abitanti di confermare la Sindaca uscente almeno per un altra tornata. Di contro, le vecchie superstizioni ideologiche diventano la panacea per deviare l’attenzione dalla situazione concreta. Niente giova meglio alla SUBURRA ed a MAFIA CAPITALE che la trasversalita’ degli interessi, da chi ruba una tanica di gasolio ad una azienda Pubblica, a chi ha lucrato sulla assistenza o la monnezza….a chi ha permesso una cementificazione selvaggia, un vero sacco nell’Urbe devastando l ‘agro romano, salvo ora le propagande della green economy. Conclusione: per salvare il lungo processo di pulizia, ordine e rinnovamenti che la giunta Raggi tra .mille sabotaggi e comprensibili errori e limiti comunque ha intrapreso, bisogna sconfiggere il bipolarismo. Ma mentre è comprensibile che la Destra voglia riprendersi Roma, è infame e perverso ogni appoggio, cioè al PD partito piano del peggiore liberismo e subalternità al Sovrastato UE, che ci chiede ancora di tagliare pensioni e lavoro! A meno che non si rientri nella ampia categoria delle camarille e nella corte dei miracoli che è tenuta in vita dal sistema di potere che si è alternato a Roma dal 1993 AL 2016, dopo la costruttiva parentesi delle antiche giunte di sinistra tra il 1976 ed il1985. Non esistono solo le sardine, quindi, ma tanti tipi di pesce azzurro che nuotano nell’acqua del PD e della restaurazione di SUBURRA e degli interessi particolari su quelli PUBBLICI E GENERALI. Bisogna prosciugare le acque dove nuotano ed impedire il tentativo dello sbarramento al possibile ballottaggio della giunta uscente, che tanti tipi di pesce azzurro possono contribuire ad ottenere. La questione morale deve andare al passo con quella sociale. Difendiamo la Raggi contro il ritorno di SUBURRA e del bipolarismo.

FNSI - 'Patata Bollente', Vittorio Feltri rinviato a giudizio per ...

 

2 commenti per “Ci sono tanti tipi di pesce azzurro…

  1. LP
    28 luglio 2020 at 21:22

    Vorrei spezzare una lancia a favore della signora Sindaco. Non sarà stata un fulmine di guerra, politicamente è uno zero, però ha cercato di mettere in piedi l’amministrazione perché non sapendo un cazzo di amministrazione della cosa pubblica ha sempre cercato di capire prima di firmare perché sa, da dottore in legge, che chi sbaglia prima o poi in galera ci va ed è bruciato per tutta la vita. Piccoli miglioramenti si sono avuti nel trasporto pubblico e nella organizzazione dello smaltimento rifiuti, problema annoso che andrebbe risolto a livello nazionale costruendo impianti in tutta Italia anziché dare i soldi alla Germania. Con questa legge elettorale voluta dalla “onagrocrazia” che ci governa da trent’anni il sindaco è tornato ad essere il podestà di fascistica memoria pertanto visto quanto ho dichiarato ed essendo uno che non va a votare per questi enti locali distrutti in questi trenta anni che siamo nelle mani di politicanti e veri “ladri”, voterò la Raggi e nessun altro presentato dal pd o da qualsiasi altra formazione. Poi a me come sindaco mi piaceva il dottore americano.

  2. Maria
    2 agosto 2020 at 11:22

    E Luca Bergamo sarebbe più indicato

Rispondi a Maria Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.