Il Ciocco

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

 

Letteratura e poesia raccontano la fiamma del
camino.
Del piccolo miracolo, della reazione che trasforma
in calore il legno.
Un morbido calore luminoso e vivace, mai uguale.
La fiamma solleva “monachine” delicate e
chiacchierine.
A volte solitarie, a volte in fila, mai ordinate.
Fuggono nella calda corrente, attraverso la cappa,
verso il cielo.
Se ne vanno veloci come i pensieri che il fuoco
insorge.
Il camino della nonna, la “calderina” della polenta,
la saracca.
Con Stefania a giocare sulla panca. Di fumo le
pareti. Fuori la neve.
Il nonno gigante intabarrato attraversare la soglia,
illuminarsi alla fiamma.
Il gatto con un balzo sul focolare, rientrando
infreddolito,
si accosta reverente alla fiamma, la osserva e siede
sul bordo,
non si allunga per prudenza.
Oggi è la Vigilia. Ancora Lorenzo, come sempre,
verrà.

Fra mezz’ora, lo sò, porterà il ciocco e le pere.

Come sempre.
Un ciocco grande, una radice di ciliegio che brucia
la notte di Natale.
“Più piccolo quest’anno, per favore, perchè noi
siamo più vecchi”.
Del grande camino non potrò godere il calore.
Il camino come è sempre stato non deve essere
usato:
alle nuove norme inadeguato.
Ora qualcosa cambierà. Qualcosa è necessario
tralasciare.
Dimenticarci di noi, di antiche sensazioni, eppure
vive,
che riaffiorano nell’anima ogni Natale.
Ora è tempo di costringerci, di adattarci.
Non chiediamoci quanto sia prezioso il valore di un
ricordo, quanto cresca il vuoto in noi fino a
comprenderci.

Solstizio d'inverno: la tradizione del ceppo natalizio in Italia e nel mondo

2 commenti per “Il Ciocco

  1. Ugo
    27 dicembre 2021 at 18:51

    Bravi voi di Interferenza che in tempi di plastica vi ricordate che il Natale è la festa più significativa dell’anno.
    Bella poesia.

  2. Yak
    5 gennaio 2022 at 2:14

    Bei tempi, quando ci si trovava pe’ Ceppo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.