Ilaria Salis libera, a prescindere

Premetto che per quanto mi riguarda cercare di impedire un raduno neonazista – ancor più se autorizzato da un governo (qualsiasi governo) –  è un atto di disobbedienza civile legittimo, condivisibile e anche doveroso. Né più e né meno di come lo è scendere in piazza per manifestare il proprio dissenso contro il genocidio o la segregazione di un popolo o di una etnia,  anche e soprattutto quando e se le autorità costituite di un paese democratico o sedicente tale, lo proibiscono. Disobbedire, in taluni casi, non indebolisce la democrazia, al contrario, la rafforza.

Ma questa è la mia personale opinione, me ne rendo ben conto, e ci sono molti che, legittimamente, la pensano in modo diverso dal sottoscritto e ritengono, ad esempio, che tutti debbano poter esprimere liberamente le proprie idee, anche quando sono palesemente in contrasto con i più elementari valori e principi di convivenza civile. Come ripeto, anche questa posizione è legittima e rispettabile, anche se non sono d’accordo perché per come la vedo io c’è un limite a tutto, anche alla decenza.

Fin qui la questione ideologica sulla quale ci si può naturalmente dividere. Veniamo ai fatti.

Ilaria Salis è in galera da un anno in un carcere di Budapest accusata di aver aggredito due militanti nazisti che si trovavano nella capitale ungherese per un raduno neonazista consentito dal governo che alcuni movimenti antinazifascisti volevano impedire.

La prima cosa da rilevare è che nonostante non ci sia ancora nessuna prova della sua colpevolezza e il processo debba ancora svolgersi, Ilaria Salis è in carcerazione preventiva da circa un anno. Per il suddetto reato rischia in teoria fino a 24 anni di carcere; le è stato proposto un patteggiamento a 11 anni che lei ha giustamente rifiutato.

Ammettendo anche la sua colpevolezza, mi chiedo: in un paese come l’Italia, così come in ogni altro paese europeo (e del mondo, ovviamente), quanti simili episodi – risse, aggressioni per futili motivi – avvengono ogni settimana se non ogni giorno? Decine? All’incirca. E’ bene sottolineare che stiamo parlando di un episodio dove le vittime (i due militanti neonazisti), che hanno riportato ferite guaribili in 5 e 8 giorni, non hanno neanche sporto denuncia alle autorità (è stato il video, infatti, a far emergere l’accaduto).

In Italia, per un reato di questo genere, è grasso che cola se si finisce davanti al Giudice di pace (ci vogliono almeno 15 giorni di prognosi per esser giudicati da un tribunale ordinario) e al massimo condannati a risarcire la vittima e a pagare le spese processuali.

Questa donna è in carcere da un anno, obiettivamente per un nonnulla, per lo meno rispetto all’entità della pena che ha già scontato e addirittura le hanno proposto un patteggiamento di 11 anni! Se tanto mi dà tanto, se questi sono i parametri del sistema giudiziario ungherese, mi chiedo per reati anche leggermente più gravi a quale pena si dovrebbe essere condannati. Neanche il Conte di Montecristo…

Ricordo che nel nostro paese personaggi come Pietro Maso, che premeditò l’omicidio dei suoi genitori per riscuoterne l’eredità, o Erika di Novi Ligure che assassinò sua madre con novanta coltellate, erano entrambi liberi dopo, rispettivamente, 16 e 9 anni di carcere (la seconda li scontò quasi tutti in una comunità). “Bravi ragazzi” come Francesca Mambro e Valerio Fioravanti, al netto della strage di Bologna (per la quale sono stati condannati e per la quale si sono sempre dichiarati innocenti) sono rei confessi di una decina di omicidi a sangue freddo e sono liberi da più di vent’anni.

Ora, onde evitare fraintendimenti, due o tre riflessioni.

La prima. In Italia (e non solo, ovviamente…) il sistema giudiziario è osceno nella sua contraddittorietà e quello penitenziario ancora di più. Il primo è caratterizzato da una palese logica di classe, resa evidente dal fatto che la stragrande maggioranza dei detenuti è composta da immigrati, tossicodipendenti, piccoli spacciatori, sottoproletari e marginali vari. Per non parlare del fatto che, come ho già accennato, le condanne vengono comminate con una palese incoerenza fra un caso e l’altro.

Il secondo versa in una condizione drammatica. Le condizioni di vita nella gran parte delle carceri italiane sono per lo più indegne di un paese civile. Ciò è stato e continua ad essere causa di decine e decine di suicidi ogni anno, di omicidi (nelle carceri) e di rivolte con esiti spesso gravissimi, violenti e sanguinosi. Solo pochi anni fa, durante la crisi covid, nel carcere di Modena sette detenuti rimasero uccisi in circostanze ancora da chiarire. Alla luce di ciò, appare quanto meno paradossale, e anche un pò grottesco, che il sistema mediatico-politico-giudiziario nostrano si erga a paladino di legalità democratica nei confronti di quelli di altri paesi europei.

La seconda. Senza nessuna retorica, chi acconsente senza muovere un dito a che un uomo come Assange venga sepolto a vita in un carcere sostanzialmente per reato di opinione, non dispone di nessuna credenziale per parlare di diritti e garantismo.

La terza. Il fatto che la vicenda di Ilaria Salis stia accadendo in un paese come l’Ungheria, guidato da un governo oggettivamente reazionario ma alleato della Russia, ha dato l’opportunità al fronte “liberal” per dare fiato alle proprie ipocrite trombe.  Questa “sinistra” da una parte sostiene i nazisti ucraini e non muove concretamente un dito per fermare il massacro (nazista) in corso a Gaza, e dall’altra fa mostra di sensibilità democratica e garantista con il solo scopo di attaccare il governo Meloni, reazionario, liberista, sub imperialista, europeista, atlantista e filoisraeliano né più e né meno della suddetta “sinistra” liberal. Inaccettabile. Due facce della stessa ipocrisia.

Budapest, Ilaria Salis trascinata in aula in catene. Tajani: l'Ungheria  rispetti i diritti Ue - Attualità | l'Adige.it

Fonte foto: da Google

 

 

 

 

 

7 commenti per “Ilaria Salis libera, a prescindere

  1. Giulio Bonali
    1 febbraio 2024 at 8:42

    Anch’ io credo più che legittimo, doveroso cercare di impedire raduni nazisti.
    Però credo che figuri come la Salis e simili guerrafondai pseudosinistri “parapiddini” promotori indefessi di “rivoluzioni colorate” e assatanatissimi nel sostenere e foraggiare con ogni mezzo la criminale, sanguinaria junta nazista di Kiev siano più nazisti (nazisti peggiori) del governo Orban e di molti suoi suoi sostenitori che se non altro sono un po’ meno assatanati.

    L’ italia, con i suoi detenuti ammazzati dalle guardie carcerarie, é l’ ultimo stato che può menare scandalo per abusi carcerati perpetrati altrove.

    Quelli non hanno battuto ciglio (quando non l’ hanno approvata) per la sorte riservata ad Assange dal sedicente “democratico” Occidente e ora menano grande scandalo per la Salis sono miserabili, odiosissimi ipocriti degni del massimo disprezzo da parte di ogni persona per bene (anche non antifascista).

    • Fabrizio Marchi
      1 febbraio 2024 at 9:46

      Sono ovviamente d’accordo con quanto hai scrito e lo avevo infatti già sottolineato nell’articolo. Non so se la Salis appartenga a quella schiera di “sinistrati” a cui giustamente fai riferimento, nel caso specifico la giudico per quello di cui è stata accusata, e cioè il fatto di avere partecipato ad una aggressione ai danni dei due neonazisti. Al netto di ogni riflessione, pur legittima, di ordine ideologico e politico, mi pare che un anno di reclusione, pare anche in condizioni molto difficili, sia più che sufficiente rispetto al reato ascrittole e per il quale è in carcerazione preventiva. Non parliamo poi degli undici anni che le sono stati proposti come patteggiamento…
      Dopo di che sono ovviamente ben consapevole della speculazione politica che sta dietro alla fanfara mediatica suonata dalla solita orchestra liberale e di “sinistra” sostenuta dall’UE e dagli USA.

  2. ndr60
    1 febbraio 2024 at 11:00

    Concordo su tutto ciò che è stato scritto, aggiungo solo che la vicenda della maestrina dalla penna rossa trascinata in catene davanti a un tribunale maschilista, in uno stato governato da un filo-putiniano, è una storia che si vende letteralmente da sola 🙂

    • Fabrizio Marchi
      1 febbraio 2024 at 12:36

      Su questo non c’è dubbio.

  3. Davide
    1 febbraio 2024 at 16:55

    Non condivido l’incipit dell’articolo, perchè a mio avviso ogni opinione, anche la più aberrante, deve poter essere espressa liberamente (con mezzi civili ovviamente, comprendenti il diritto di manifestazione pubblica, riunione, stampa ecc.), e semmai confutata sullo stesso piano. Se la Salis si è resa colpevole di aggressione (a quanto sembra dal contesto, un’aggressione del tutto deliberata e tesa ad impedire la libera espressione delle controparti danneggiate), a prescindere dall’entità dei danni inferti, questa è materia propria del diritto penale dello Stato in cui il fatto è avvenuto, che ha le sue leggi sovranamente stabilite, e che in quanto tali devono essere rispettate. Per il resto (l’analisi del sistema penale e penitenziario classista italiano, e in genere di ogni paese capitalista) sono d’accordo, così come sull’ipocrisia delle strumentalizzazioni politiche autocontraddittorie del caso.

    • Fabrizio Marchi
      1 febbraio 2024 at 20:14

      Una posizione legittima, la tua, come infatti ho scritto nel mio articolo. Dopo di che ho tenuto a separare la questione ideologica da quella legale e giudiziaria. E’ ovvio che ciascuno si debba assumere la piena responsabilità dei suoi atti. Per capirci, se un gruppo di neri (oggi la situazione è radicalmente cambiata ma fino a una cinquantina di anni fa era pesantissima…), aggredisse un gruppo di membri del Ku Klux Klan, io personalmente a quei neri gli do una medaglia. Ma questo è un fatto personale. Non c’è dubbio che poi c’è il risvolto legale e giudiziario e troverei normale che fossero perseguiti per la loro azione, naturalmente in modo proporzionale e proporzionato a tale azione. Ecco, mi pare che Ilaria Salis, con un anno di reclusione preventiva abbia già ampiamente pagato il suo debito con la “giustizia” ungherese e che la proposta di patteggiamento a 11 anni sia indecente nonchè grave, sempre in relazione al reato di cui è accusata, cioè l’aggressione a due persone (non entro nel merito ideolgico e politico) che hanno riportate lesioni giudicate guaribili in 8 giorni. Dopo di che, che il suo caso sia stato strumentalizzato per ragioni politiche e geopolitiche non c’è dubbio e l’ho ampiamente spiegato nell’articolo, ma questo non mi porta però a dire che la persona per queste ragioni debba essere gettata in gattabuia con tanto di chiavi buttate, per capirci…

  4. Simone
    1 febbraio 2024 at 20:36

    Fosse anche a parti invertite, ovvero una estremista di destra che viene arrestata e trattata in quel modo, mi farebbe orrore comunque.
    11 anni di carcere sono una bestemmia ed una follia per il reato contestato.
    L’Italia ha il dovere di tutelare i suoi cittadini dentro e fuori i confini nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.