Lettera aperta per la liberazione del cittadino italo-palestinese Khaled El Qaisi, prigioniero delle autorità israeliane

Lettera aperta per l’immediata liberazione del cittadino italo palestinese Khaled El Qaisi, prigioniero delle autorità israeliane.
Il 31 agosto Khaled El Qaisi, rispettivamente marito e figlio delle scriventi, è stato trattenuto dalle autorità israeliane ed è tuttora prigioniero in virtù di una misura precautelare in attesa di verifica di elementi per formulare un’accusa.
Lo scorso giovedì Khaled, che ha doppia cittadinanza, italiana e palestinese, attraversava con moglie e figlio il valico di frontiera di “Allenby” dopo aver trascorso le vacanze con la propria famiglia a Betlemme, in Palestina. Al controllo dei bagagli e dei documenti, dopo una lunga attesa, è stato ammanettato sotto lo sguardo incredulo del figlio di 4 anni, della moglie nonché di tutti i presenti che erano in attesa di poter riprendere il proprio percorso. Alle richieste di delucidazioni della moglie non è seguita risposta alcuna, piuttosto le sono state sottoposte domande per poi essere allontanata col proprio figlio verso il territorio giordano, senza telefono, senza contanti né contatti, in un paese straniero.
Nel tardo pomeriggio la moglie e il bambino sono riusciti a raggiungere l’Ambasciata Italiana solo grazie alla umana generosità di alcune signore palestinesi.
Khaled, traduttore e studente di Lingue e Civiltà Orientali all’Università La Sapienza di Roma, stimato per il suo appassionato impegno nella raccolta e divulgazione e traduzione di materiale storico palestinese, è tra i fondatori del Centro Documentazione Palestinese, associazione che mira a promuovere la cultura palestinese in Italia. La famiglia, gli amici ma anche chi ha semplicemente avuto occasione di conoscerlo, sono in fremente attesa di avere aggiornamenti. Al momento ancora non ha potuto incontrare il suo avvocato e sono ancora poche le notizie che si hanno riguardo alla sua incolumità. Dal consolato e dal legale abbiamo saputo solo che affronterà un’udienza giovedì 7 settembre. Immaginiamo intanto Khaled in completo isolamento, senza contatti col mondo esterno, senza percezione reale dello scorrere del tempo, sotto la pressione di continui interrogatori, in pensiero angosciato per la sorte del proprio figlio e di sua moglie lasciati allo sbaraglio con l’unica immagine negli occhi relativa alla sua deportazione in manette.
La situazione è dunque gravissima. Attendiamo con grande ansia la risoluzione di questa ingiusta prigionia. Chiediamo a chiunque ne abbia il potere, che si accerti delle condizioni di salute di Khaled e che soprattutto eserciti tutte le pressioni necessarie per la sua celere liberazione.
Le scriventi Francesca Antinucci, moglie, Lucia Marchetti, madre.
 Un viaggio attraverso il regime in continua evoluzione dei checkpoint  israeliani | Infopal
Fonte foto: Infopal (da Google)
Scrivi a Giacomo Rotoli

3 commenti per “Lettera aperta per la liberazione del cittadino italo-palestinese Khaled El Qaisi, prigioniero delle autorità israeliane

  1. Sibilla Abrami
    7 settembre 2023 at 10:41

    Chiedo che Khaled con l’udienza di oggi venga rilasciato, e che si faccia luce sulla vicenda presto! Khaled libero!

  2. Alberto Monticelli
    7 settembre 2023 at 13:00

    Che le Autorità israeliane trovino la giusta Pace in quel Dio in cui crediamo e per cui tanto si deve operare.

  3. alex1
    11 settembre 2023 at 0:51

    Purtroppo i palestinesi e la loro causa non rientrano più da tempo nei programmi politici dei democratically correct nostrani. Nemmeno per appelli al diritto alla libertà per un cittadino italiano di origine palestinese, sarebbe inopportuno turbare il governo dei “giusti”, mentre per l’egiziano Zaki hanno mosso tutte le truppe cammellate fino ai più alti livelli istituzionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.