Ecologismo di regime, ipocrita e strumentale

Lo stesso “sistema” che ha inquinato, devastato, sventrato, saccheggiato il pianeta per almeno due secoli, derubando intere popolazioni, provocando effettivamente anche delle modificazioni climatiche, e che se ne è ben guardato fino a pochi anni fa di porre un freno ad uno “sviluppo” dissennato, nonostante le denunce e gli appelli dei movimenti di protesta ambientalisti (quelli veri, non le baracconate mediatiche organizzate dall’alto), ora si inventa paladino dell’ecologismo. E naturalmente ha scatenato il solito bombardamento mediatico per sostenere l’ennesima valorizzazione capitalista camuffata però sotto le spoglie della salvaguardia della natura e dell’ambiente. A tal fine i suoi burattinai hanno preso quella povera ragazzina, le hanno tolto il diritto ad una adolescenza normale e l’hanno fatta diventare l’icona della loro spudorata e inaccettabile ipocrisia. E in tanti, ovviamente ci sono cascati, convinti che questa mobilitazione ecologista fosse il risultato di una rinnovata e diffusa coscienza ambientalista quando è soltanto la risposta a quello che da sempre è l’incubo del sistema capitalista: la caduta tendenziale del saggio di profitto.

E in che cosa si traduce concretamente al momento tutto ciò? Nell’obbligo per la gente comune di buttare le vecchie macchine e di comprarsi le nuove “euro vattelappesca”, oppure le future macchine elettriche, cosa che ovviamente aumenterà i profitti delle varie industrie automobilistiche, da tempo peraltro in crisi. Ipocrisia sull’ipocrisia. Le colpe devono sempre essere scaricate sui più deboli. Del resto il nostro è un “sistema” che si fonda sulla colpa, interiorizzata a livello psicologico, inconscio (che cos’è la spirale del debito se non l’interiorizzazione della colpa?…).

Logica vorrebbe che, preso atto di un modello di “sviluppo” distruttivo per l’ambiente e quindi per lo stesso genere umano, si cominciasse ad invertire veramente la rotta. Ma questo implicherebbe una riforma strutturale del sistema, diciamo pure una rivoluzione totale, non solo ambientale ma politica, che non mi sembra sia all’orizzonte né tanto meno nella volontà di chi sta tirando le fila di questo ennesimo progetto di ri-valorizzazione capitalista.

E quindi, ancora una volta, per l’ennesima volta, si ricorre alla colpa, uno strumento formidabile di controllo delle masse, e alla colpa collettiva in questo caso come in altri. La colpa non è di un modello di sviluppo industrialista fondato sul profitto a tutti i costi, il saccheggio e la devastazione sistematica della natura ma di tutti noi che circoliamo con automobili o moto obsolete. Insomma, va rifatto il parco macchine, e pure in fretta.

Ridicolo. E socialmente iniquo.

Un autentico movimento ambientalista dovrebbe denunciare e ribaltare questa manfrina, imponendo o lottando per cercare di imporre politiche di riconversione dell’economia che salvaguardino ovviamente l’occupazione e il bene pubblico (il che significa, ovviamente e in primis, smettere di saccheggiare quella parte di mondo che è stata da sempre saccheggiata). Dovrebbe lottare per politiche di grandi investimenti pubblici per la costruzione di infrastrutture, ferrovie, metropolitane, per aumentare e migliorare drasticamente i trasporti pubblici urbani (solo questo potrà permettere di ridurre il traffico di veicoli privati…), per la manutenzione e l’ampliamento degli spazi verdi pubblici, per la fine di ogni speculazione edilizia, per la realizzazione di quartieri e città vivibili, ecocompatibili e a misura d’uomo, per la costruzione di una autentica economia sostenibile.

Dove si prendono le risorse per fare tutto ciò? Da chi le ha, in una misura inimmaginabile per noi comuni mortali. E dal momento che hanno fatto mostra di tanta sensibilità ecologica, la traducessero nella pratica (naturalmente non accadrà mai, ma si fa a capirci…).

Le migliori tipologie di auto ecologiche disponibili sul mercato

Fonte foto: Motori Magazine (da Google)

 

 

3 commenti per “Ecologismo di regime, ipocrita e strumentale

  1. Enza
    7 settembre 2023 at 15:00

    Quis neget? Riguardo a quanto Fabrizio dice nell’articolo.
    È lo stesso sistema che divora, affama, distrugge, fa ricadere costi. Sempre lui.
    Chi pagherà, quali paesi soccomberanno mentre non cambierà affatto il paradigma produttivo? Belle domande. Seppur si delinei chiaro chi saranno le vittime.
    Un discorso a parte meriterrebbe l’aspetto scientifico dell’impatto ambientale antropico, la sua incidenza nel presunto cambiamento climatico, la complessità dei fattori che determinano quest’ultimo. Credo che, ad una attenta riflessione, sarebbe chiamato in causa l’uso della scienza da parte dei detentori del potere con inevitabili rimandi a quanto è accaduto in occasione del covid, gestione, omissioni, imposizioni, profitti e dolo tanto dolo.

  2. Giulio Bonali
    7 settembre 2023 at 15:42

    Sintesi lucidissima della qiestione reale e della spessa coltre di mistificazioni ideologiche sotto la quale, non potendo ormai piu’ negarla con un minimo di credibilita’ (malgrado il monopolio dei mezzi necessari alla realizzazione del proclamato formalmente ma del tutto inesistente diritto di espressione e liberta’ di pensiero), la avvolgono, la distorcono e la falsificano , irresponsabilissimamente verso i destini dell’ umanita’, le classi iperprivilegiate al potere.
    Per parte mia aggiungerei che l’ unica efficace soluzione realistica (ma improbabilissima) del terribile problema qui giustamente definita, letteralmente, “rivoluzionaria”, implica fra l’ altro la dismissione di molte abitudini “ludiche” da tempo acquisite e divenute abituali anche da parte di ampie masse di non-sfruttatori e anche di proletari letteralmente sfruttati (ciononostante) dell’ Occidente, come, per fare l’ esempio a mio parere piu’ evidente, il turismo di massa (in particolte invernale, quello delle “settimane bianche”, che dissipa a tutto spiano energia e risorse non rinnovabili immettendo a bizzeffe CO2 nell’ atmosfera e inquinando forssenatamente l’ ambiente in vari altri modi, diretti e indiretti).
    E questo complica ulteriormente e rende oltremodo improbabile il conseguimento dei cambiamenti rivoluzionari che sarebbero necessari, indispensabili (altro che i tragicomici pannicelli caldi dell’ “econimia green”!) alla salveźza dell’ umanita’ dall’ estinzione “prematura e di sua propria mano” (Sebastiano Timpanaro).

  3. piero
    10 settembre 2023 at 11:26

    Un ringraziamento per avere ricordato un caposaldo del pensiero marxiano che si può esprimere con una semplice formula quale S{p}=P{v}/(C+V).

    Ovviamente il padrone liberale si rifarà con la “distruzione creativa” Schumpeteriana.

    Aspetto e ringrazio in anticipo chi fornirà una semplice formula che ne descriva l’andamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.