Sosteniamo L’Interferenza

Cari amici e amiche, lettori e lettrici de L’Interferenza,  l’organizzazione della presentazione dei libri di Carlo Formenti e di Alessandro Visalli tenutasi a Roma sabato scorso 20 gennaio, ha un pochino (parecchio…) dissanguato le già nostre magre casse. Parliamo, ovviamente, di un parziale rimborso delle spese vive (per lo più trasporti e pernottamenti) per i tanti che sono venuti da fuori Roma per poter partecipare all’evento.

Onde per cui, chiediamo un piccolo sforzo finanziario a tutti/e voi che sempre ci avete sostenuto, avendo capito la genuinità e, mi permetto di dire, l’importanza del nostro lavoro.

Il prossimo mese di aprile L’Interferenza festeggerà il suo decennale e abbiamo in programma di organizzare una giornata intera (luogo e data ancora da definire) dedicata a ripercorrere i temi che abbiamo affrontato in questi dieci anni di vita, oltre naturalmente a fare il punto sulla situazione politica e geopolitica attuale. Sarà un momento di incontro e confronto molto vivace e fecondo – oltre che di convivialità (è prevista la cena, ovviamente, dopo il dibattito) – che darà la possibilità a tutti di esprimersi con il proprio contributo di idee.

Purtroppo, nel mondo in cui viviamo (e che noi vogliamo cambiare…) anche le idee hanno un piccolo costo, soprattutto per quelli come noi che non hanno padroni né finanziatori alle spalle e possono contare solo sulle proprie forze e su quelle dei lettori e sostenitori. In vista quindi dei prossimi impegni siamo qui a chiedervi un piccolo aiuto, ciascuno in base alle proprie possibilità e disponibilità.

Sulla homepage de L’Interferenza trovate tutte le coordinate per la sottoscrizione che si può effettuare tramite Paypal https://www.paypal.com/donate?token=IOgwjHPj0p8ek5RYFu-xSGFFsCkc74Z3H90J3cjbl-4NMmd3rMAwUOOvoxdbg115pvUA3W6V951ySbcc

o direttamente tramite carta di credito con un bonifico indirizzato a   Associazione Culturale l’Interferenza Iban IT32W0200805160000104394442

Ancora grazie da parte di tutta la redazione e un caro saluto a tutti/e!

3 commenti per “Sosteniamo L’Interferenza

  1. gino
    1 febbraio 2024 at 15:54

    fabrizio,
    anche se non leggo spesso e commento ancora meno, ho contribuito e spiego il perché anche per esprimere la mia visione della prassi politica.
    – approvo la critica contro il politicamente corretto, specie contro il femminismo
    – approvo la vostra posizione geopolitica
    – io non sono né comunista, né marxista, né anti-capitalista (sorvoliamo sulle definizioni di questi termini…), sono per un´economia mista. peró appoggio iniziative come la vostra perché é opportuno avere qualcuno che spinge forte in una certa direzione per tentare di equilibrare le sempre forti spinte in senso contrario.
    quindi grazie!
    io nel mio piccolo cerco di fare qualcosa di buono qui in brasile, quantomeno aprire le menti di persone in balia di luoghi comuni, ignoranza e disinteresse nei confronti della realtá.

    • Fabrizio Marchi
      1 febbraio 2024 at 20:02

      Grazie mille a te e grazie mille a tutti quelli che stanno dando il loro contributo per darci una mano a portare avanti questo lavoro volontario e gratuito che svolgiamo da dieci anni. Colgo l’occasione per ricordare che il prossimo mese di aprile L’Interferenza compirà appunto dieci anni e quindi organizzeremo una inziativa a Roma in giorno e luogo da stabilire, una giornata di dibattito e ovviamente anche di convivialità che si concluderà con una cena aperta ovviamente a tutti i partecipanti. La sottoscrizione ci aiuterà anche e soprattutto nell’organizzazione di questo prossimo evento. Grazie ancora.

    • Fabrizio Marchi
      1 febbraio 2024 at 21:04

      Al di là del nostro orizzonte ideale, un orizzonte verso il quale tendere, credo che nella concretezza delle cose e della realtà, quella a cui auspichiamo sia ad un “modello” (fra virgolette perchè non esisono modelli ma per capirci…) di socialdemocrazia radicale e sociale dove appunto lo stato ha un ruolo centrale ed è in grado di esercitare egemonia sul mercato. Visalli nel suo libro che abbiamo presentato a Roma insieme a quello di Formenti, scrive testualmente “…la costruzione di classe e partito, simultanea come abbiamo detto, si dovrebbe anch’essa nutrire di una prospettiva “repubblicana” e rifarsi ai migliori esempi disponibili, dalla socialdemocrazia svedese, al suo meglio, alla Cina contemporanea, meno distanti di quanto possa sembrare…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.