Depressione

A causa di problemi emotivi maturati nel corso dei decenni, sempre celati ma costantemente attivi, e in occasione di una qualsiasi causa scatenante, un vulcano apparentemente spento erutta inaspettatamente nel nostro animo, travolgendo tutto ciò che incontra per strada, e spazzando via l’intero tessuto indispensabile alla vita normale. Oppure, e parallelamente, in virtù di esperienze traumatiche improvvise, che possono coincidere con la perdita dei punti di riferimento fondamentali, l’essere umano rischia in entrare in un altro mondo, un mondo infero: allora, un vero e proprio abisso svuota l’esistenza del depresso in maniera tale da “dislocare” la sua mente all’interno di “universi” lontanissimi quanto ignoti.

È un vero e proprio campo di battaglia, pertanto, lo scenario che imprigiona il depresso e, se noi lo vediamo appollaiato su un divano o poltrire in un letto, non dobbiamo ingannarci: egli, proprio mentre apparentemente poltrisce, è più attivo di chiunque altro. Sta infatti combattendo la sua battaglia, potendo contare su forze che rischiano di diventare ogni giorno più deboli, mentre il nemico diviene viceversa sempre più forte.
In questo senso, il depresso, quando assume uno sguardo distorto sulla realtà, quando cioè nella sua mente si formano idee dolorose o emozioni auto-distruttive, mostra di esser penetrato nel “vuoto” e di non esser “ancora” riuscito a trovare la giusta espressione per “padroneggiarlo, conferendogli un volto “domestico”.
In quello stato, necessariamente, il soggetto depresso perde il proprio con-tatto con il mondo.

Per quanto terribile sia, e pochi sanno fino a quale punto essa possa esserlo, la depressione è tuttavia una ricchezza straordinaria. Essa permette di fare esperienza di una dimensione essenziale della vita: chi l’ha provata e poi superata non sarà mai più lo stesso. Come uno sciamano, egli ritorna dal viaggio “nel luogo dove la notte è più buia”, con capacità e livelli di comprensione del reale che nulla hanno a che vedere con quelle di un uomo normale.

Chiedo a tutti coloro che leggeranno queste righe di tener conto del fatto che, avere a che fare con un depresso, è una fonte di sofferenza, indiscutibilmente, ma anche una grande possibilità. Egli è un bene prezioso: nella sua fragilità si cela un mondo “meraviglioso” che la persona depressa, come un esploratore, si è generosamente incaricato di comprendere anche per noi …

Chiedo, parallelamente, a tutte le persone che vivano stati di depressione di sfuggire ad ogni costo alla tentazione di fare del proprio disagio una gabbia “dorata” o magari una posizione “privilegiata” da utilizzare come strumento ricattatorio nei confronti delle persone vicine. Nulla è più sterile e distruttivo di questo. Dalla depressione occorre uscire. Assolutamente!
E’ bello e necessario ritornare alla luce della primavera, portando con sé – al di fuori di qualsiasi abbraccio mortale – anche le persone che ci vogliono bene.

Immagine correlata

5 commenti per “Depressione

  1. Angela argentino
    12 dicembre 2016 at 22:52

    Toccante e profonda riflessione

  2. giulio larosa
    13 dicembre 2016 at 12:37

    Purtroppo non e’ facile, a parte casi di depressione per motivi affettivi o simili, quando la depressione arriva perche’ la situazione concreta e’ disastrosa l’unico modo per uscirne sarebbe cambiare la situazione ma come?
    Ho un amico in queste condizioni in questi giorni, partita iva, debiti, pignoramento della casa con successiva vendita all’asta, lavoro scarso e malpagato.
    Spesso non risponde al telefono, ieri sera non e’ venuto dal cliente e ha staccato il cellulare. Cosi’ si perde anche questo cliente e avra’ meno lavoro e meno soldi. Che fare? Cerco di aiutarlo col lavoro cosi’ insieme guadagnamo qualcosa in piu’ ma la soluzione non e’ alla mia portata e purtroppo neanche alla sua. Contro questa depressione solo la fede in un Dio di giustizia puo’ salvare. Io mi sono salvato cosi’, sono nei casini come prima ma il mio orizzonte e’ andato oltre la vita di merda su questa terra. Questo non vuol dire che non spero e non sono pronto per la rivoluzione ma so che io non ne vedro’ i frutti perche’ i tempi non sono maturi. Fede e socialismo non sono in contrasto, almeno cosi sento.

    grazie del bell’articolo

  3. Massimo Azzoni
    13 dicembre 2016 at 18:11

    Bell’articolo.Al di là di motivazioni esistenziali, a problematiche temporali a non essere in grado a far fronte a qualsiasi pur piccolo problema della vita,la depressione può essere legata essenzialmete a fattori ormonali e/o mancanza di fattori chimici essenziali al buon funzionamento del nostro cervello?

    • Liuva
      14 aprile 2018 at 19:48

      Ciao Massimo. Tutte le emozioni, anche quelle positive, come gioia, calma,entusiasmo, sono correlate a configurazioni specifiche di fattori neurochimici, o endocrini ormonali. Nel caso di una depressione semplice, c’è un calo prevalente di serotonina, chiamato anche ormone del benessere. Questo calo ha cause di diversa natura, ambientali intendendo sia eventi di vita stressanti che sopprimono le nostre risorse o la percezione delle nostre risorse per cavarcela, alimentari, genetici…comportamentali..essi partecipano spesso insieme e sono sia causa che conseguenza della depressione. buona serata

  4. ARMANDO
    15 aprile 2018 at 16:07

    Infatti credo che occorrano sia terapie farnacologiche di “pronto intervento”, sia psicoterapie per agire, o almeno tentare di farlo, nel lungo periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.