1+1+1+1+1+1+1+1+1+1+1+1=Poco !

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:
La “strana manifestazione ” di sabato a S. Giovanni, dal carattere tristemente circense, come su un film di clown invecchiati felliniano, oppure di vitelloni-santoni, invidiosi degli incipriati trombettieri di regime ordoliberista, o della loro falsa resistenza testimoniale ha fallito il suo vero obiettivo politico.
Se la cosiddetta marcia della “libertà”, nome di per se ambiguo ed ammiccante indoli sempliciotte o “peterpaniane” aveva un suo apparente costrutto di motivi sovranisti e superficialmente costituzionali, anche per alcune captatio benevolentiae illustri, è diventata una passerella da strapaese su tutto ed il suo quasi contrario.
Il ceto in piazza era prevalentemente borghese medio e piccolo borghese e l’età media era assai avanzata, sia tra gli oratori che gli auditori.
Tanti scappati di casa, signore dedite allo yoga, fricchettoni d’annata, tanta tanta tanta malinconica incapacità di cogliere le problematiche reali.
Per chi abbia il pelo sullo stomaco di 40 anni di politica, il vero intento della “colonna portante organizzativa” era quello di andare ad una verifica di forze con l’intento politico paragoniano.
Noi diremmo che il tutto sia tendenzialmente destinato nel portare via più voti
possibile al 5 stelle, che al netto dei suoi limiti non gode del consenso delle classi capitaliste al potere . Sussiste , nel vero scopo del partito di Paragone anche la costruzione di una diga utile apparentemente sovranista o urlante alla metafisica ITALEXIT, alla collocazione tendenzialmente moderata della Lega.
Pertanto:
Il ruolo di un Fronte politico di attuazione Costituzionale e di nuova ispirazione Socialista invece si deve fondare su una prassi seria, e rappresentare le istanze dei settori messi alla fame dalla crisi pandemica, soprattutto popolari e dei giovani precari. Al governo zero sconti, ma non sulle fregnacce delle mascherine o delle libertà individuali riconducibili a movimenti del profondo nord-amerikano.
La mitologica narrazione sulla ” sollevazione di piazza” senza fondamenti e sull’onda di vettori casuali emozionali non funziona.
Le porte sono sempre aperte a chi si…redime : indulgentia plenaria
Amen
Ho il certificato», «soffro d'asma»: ecco chi erano i No mask in piazza San Giovanni - Corriere TV

2 commenti per “1+1+1+1+1+1+1+1+1+1+1+1=Poco !

  1. Sergio Martella
    12 ottobre 2020 at 21:50

    Siamo in tempi di azzeramento del feedback mediatico necessario alla coscienza civile per elaborare una necessaria comprensione della realtà sociale. Tutto viene appositamente distorto, manipolato e somministrato in chiave di falsità programmata; i poteri conoscono appieno la pericolosità della comunicazione reale. A ciò si aggiunge la censura, il blocco di ogni possibile aggregazione e se non bastasse anche la denigrazione e la calunnia preventiva. È praticamente impossibile organizzare iniziative di massa per esprimere pubblicamente il dissenso. Quando nonostante tutto si riesce a costruire una iniziativa pubblica ecco gli sciacalli che intervengono ancora per distorcere e falsificare, banalizzare e negare ogni riferimento alla sinistra storica di classe che temono sopra ogni altra cosa. Perciò trovo quantomeno vigliacco, di fatto reazionario questo intervento qualunquista che si iscrive sulla falsariga del corvismo da beccamorti che interviene apposta per tirare calci a chi con coraggio e in prima persona ha invece dato un contributo difficile quanto necessario per criticare la difficilissima fase di attacco alla dignità politica e umana residua nella nostra società. Francamente non me l’aspettavo da questo giornale. Prendo atto di questa vistosa caduta di credibilità e spero che non sia la prova di una deriva reazionaria.

  2. Fabrizio Marchi
    12 ottobre 2020 at 22:28

    Caro Sergio, su questo giornale abbiamo ospitato e continueremo ad ospitare posizioni diverse, specie dai nostri lettori che scelgono questa testata proprio perché sanno che non operiamo nessun tipo di censura. Certamente abbiamo la nostra linea politica, come è evidente, ma fin dall’inizio abbiamo scelto di dare spazio ai lettori proprio per scelta editoriale e politica.
    E’ evidente come la questione covid abbia visto posizioni molto diverse anche in seno alla “sinistra antagonista” e anche in quella comunista. Anche nella nostra stessa redazione ci siamo divisi e, ovviamente, abbiamo dato spazio a tutte le differenti posizioni, come era giusto che fosse.
    Dopo di che, a mio parere, la manifestazione di sabato a Roma era fondamentalmente reazionaria, ma non per la questione del covid (è stata una forzatura mediatica quella di farla apparire come una manifestazione negazionista…) ma proprio per i contenuti che esprimeva e soprattutto per gli intenti non dichiarati che erano quelli di contarsi per poi andare da Paragone e contrattare…Conosco i miei polli e non sono nato ieri (e conosco bene anche i promotori della manifestazione…).
    Si sta formando un’area sovranista di destra e di media borghesia, diciamo così, filo atlantica, filo trumpista e anti cinese (e anti multipolare) che si aggregherà intorno alla figura di Paragone. Quest’area politica è sostanzialmente una forza fiancheggiatrice della Lega e serve a prendere i voti di quelli che hanno capito che la Lega non ha nessuna vera intenzione di uscire dalla UE (perché è una forza sostanzialmente liberista). Naturalmente la fuoriuscita dalla UE è anche per Paragone una bandiera ideologica da sventolare per raccattare un po’ di voti e tornare in Parlamento e farci tornare un po’ di vecchi ruderi spregiudicati e opportunisti ex parlamentari che sperano se non di rimettere il culo su uno scranno parlamentare, quanto meno di avere di nuovo un ruolo (e conosco molto bene anche questi polli, non faccio nomi perché non ho nessuna voglia di polemizzare e quindi perdere tempo con certa gente…).
    La manifestazione di sabato è tutta qui. Altro non c’è. E’ stata di fatto pompata dalla stampa anche se demonizzata. Ma in realtà se avessero voluto ignorarla lo avrebbero potuto tranquillamente fare come fanno e hanno fatto in tante altre occasioni. In realtà gli hanno dato visibilità.

Rispondi a Sergio Martella Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di essere al corrente che i commenti agli articoli della testata devono rispettare il principio di continenza verbale, ovvero l'assenza di espressioni offensive o lesive dell'altrui dignità, e di assumermi la piena responsabilità di ciò che scrivo.